INTACT

Titolo progetto
INTACT – Integration of newly arrived migrants by means of competency assessment and high-quality further vocational training

Cofinanziato nell’ambito del Programma:
Programma Erasmus + – Key Action 3 Support for Policy Reform – Social Inclusion through Education, Training and Youth – LOS 1

Durata
Gennaio 2018 – Gennaio 2021

Partner
Hanse-Parlament (HP) – Germania (Lead Partner)
Berufsakademie Hamburg – Germania
Handwerkskammer Schwerin – Germania
Warmińsko-Mazurska Izba Rzemiosła I Przedsiębiorczości – Polonia
t2i Trasferimento Tecnologico e Innovazione Scarl – Italia
International Business Academy – Danimarca
Satakunta University of Applied Sciences – Finlandia

Presentazione
L’integrazione dei nuovi migranti nelle società che li ospitano è una criticità che molti paesi della Comunità Europea stanno sperimentando. In particolare, l’integrazione dei rifugiati nel mondo del lavoro è un elemento cruciale per un’integrazione complessiva di successo. Tuttavia, le procedure ufficiali per il riconoscimento delle competenze ed abilità dei nuovi migranti sono molto lunghe e burocratizzate.
In particolare, in Germania prevale una cultura delle certificazioni, e quelle abilità e competenze che non possono essere dimostrate mediante certificato non vengono riconosciute dalle autorità competenti. Di fatto, pertanto, i migranti si ritrovano a dover frequentare dei percorsi di formazione professionale per almeno tre anni per acquisire quelle competenze/abilità che di fatto già posseggono.
Questo contesto porta ad una diminuzione della motivazione e ad alti tassi di abbandono che compromettono l’accesso al mercato del lavoro ai migranti. Il tutto conduce ad un alto livello di disoccupazione tra gli stranieri in molti Paesi Membri, inficiando gli sforzi per l’integrazione.
Accanto a questo problematica, le PMI stanno lamentando una mancanza critica di lavoratori specializzati, e tale mancanza potrà solo aumentare negli anni a venire a causa del cambiamento demografico, ovvero meno persone giovani. Inoltre, questa tendenza è accompagnata da un numero crescente di fondatori d’impresa che vanno in pensione e, parallelamente, personale non sufficientemente qualificato per rilevare l’impresa o per avviare un nuovo business. Ad oggi vengono persi più posti di lavoro a causa di passaggi d’impresa fallimentari, che la creazione di nuovi mediante start up.

Obiettivi
Il Progetto INTACT intende affrontare entrambe le problematiche descritte – contribuire ad una rapida integrazione nel mondo del lavoro di nuovi migranti e contrastare la crescente carenza di imprenditori – attraverso le seguenti azioni:

  • Identificazione efficace ed affidabile di competenze, attitudini e predisposizioni con riferimento a determinate opportunità di lavoro, mediante procedura di valutazione a due fasi
  • Predisposizione di un programma completo di formazione professionale altamente qualificato, con diploma ufficialmente riconosciuto e corrispondente ai risultati della valutazione delle competenze
  • Coaching individuale e inserimento a lungo termine nelle PMI.

Tali azioni sono previste per i nuovi migranti, le PMI, le pubbliche amministrazione ed gli enti/organizzazioni impegnati nella valutazione e riconoscimento delle competenze, qualificazione e integrazione dei migranti, nonché per il livello politico locale, nazionale ed europeo.

Contatti
Elena Zanatta

Una rete per l’integrazione nel mondo del lavoro di rifugiati e migranti

Progetti Erasmus+ NEW ENTREPRENEURS e INTACT: incontro tra i partner europei a Treviso