News – Innovazione, Ricerca & Opportunità di finanziamento

  • Workshop – Building Information Modeling: non solo progettazione

    data News: 3/12/2018

    La gestione efficiente degli edifici e degli impianti in ottica 4.0 Martedì 11 dicembre 2018 - ore 18.15 Confartigianato Imprese Marca Trevigiana Piazza delle Istituzioni 34/A - 31100 Treviso Come sta cambiando il settore delle costruzioni? Il Building Information Modeling è il nuovo strumento che permette una gestione efficiente degli edifici e degli impianti in ottica 4.0. L’evento organizzato da Confartigianato Imprese Marca Trevigiana assieme a t2i avrà lo scopo di fare chiarezza in merito alle opportunità offerte dallo strumento BIM. PROGRAMMA 18:15 Registrazione e saluti di benvenuto Confartigianato Imprese Marca Trevigiana 18:30 BIM: dalla normativa al mercato. Come sta cambiando il mondo delle costruzioni Arch. Michele Sbrissa – Titolare dello studio di architettura 593 Studio 19:00 Approccio BIM e centralità del dato. Piattaforme software a supporto del ciclo di vita delle infrastrutture Ing. Joselito Panzica – Sales Manager Italia DBA LAB S.p.A. 19:30 Applicazioni BIM: esperienze pratiche. Monitoraggio, gestione e manutenzione di impianti ed edifici Ing. Sabina Berlese – Responsabile Ufficio Tecnico I.TI.EFFE s.n.c. 20:00 Conclusioni DESTINATO A: • IMPRENDITORI • TECNICI • OPERATORI DEL SETTORE EDILIZIA E IMPIANTI • MANAGER NUMERO MASSIMO PARTECIPANTI L’incontro è aperto a un massimo di 40 partecipanti, previa iscrizione. SEDE L’appuntamento si terrà presso la sede di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, in Piazza delle Istituzioni 34/a, 31100 Treviso. REGISTRAZIONE Per partecipare al seminario è necessario iscriversi attraverso il form online PER INFORMAZIONI Filippo Fiori filippo.fiori@confartigianatomarcatrevigiana.it 0422 433300 Locandina dell'evento (pdf) Con il contributo di:

    Leggi tutto »


  • Una rete per l’integrazione nel mondo del lavoro di rifugiati e migranti

    data News: 19/11/2018

        Si è tenuto nel pomeriggio del 6 Novembre, presso la sede di t2i Trasferimento Tecnologico e Innovazione, un incontro di presentazione e discussione dei Progetti finanziati dal Programma Europeo Erasmus+ “New Skills for new Entrepreneurs – Qualificazione dei rifugiati come successori d’impresa” e “INTACT - Integrazione dei rifugiati attraverso acquisizione di competenze e formazione professionale”, dove T2I e la Cooperativa sociale “Una casa per l’Uomo” collaborano attivamente. L’integrazione dei rifugiati e dei migranti rappresenta una sfida eccezionale ed urgente per molti Paesi dell’Unione Europea, frangente storico che richiede il coinvolgimento ed impegno di tutti gli Attori della società civile. Entrambi i Progetti, con Capofila Hanse Parlament di Amburgo (Germania), perseguono in tal senso un duplice obiettivo chiave: l’integrazione nel mondo del lavoro di rifugiati e migranti e la salvaguardia del passaggio d’impresa. Attraverso una formazione mirata e professionalizzante di rifugiati e migranti, è possibile disporre di manodopera qualificata da inserire in azienda, oppure per favorire il passaggio di impresa individuando un successore per l’azienda in possesso delle competenze necessarie e adeguate. Per riuscire a perseguire con efficacia questo approccio, fondamentale è la presenza di attori qualificati del territorio che, a seconda delle loro peculiarità e prerogative, in sinergia affrontano il tema dell’integrazione di migranti e rifugiati. Con questo primo incontro, dove erano presenti rappresentanti di Assindustria Veneto Centro, Anolf Belluno-Treviso, Confcooperative Belluno-Treviso, CISL Belluno-Treviso, CIGL Treviso e Acli Treviso, è stato avviato un percorso di condivisione, collaborazione e progettazione congiunta. Il “fare rete” tra attori del territorio, capaci di apportare valore ed esperienza, è imprescindibile per la costruzione di percorsi e progettualità mirati ed efficaci. Per maggiori informazioni circa i Progetti, contattare Elena Zanatta elena.zanatta@t2i.it

    Leggi tutto »


  • Progetti Erasmus+ NEW ENTREPRENEURS e INTACT: incontro tra i partner europei a Treviso

    data News: 15/11/2018

         Il 25 e 26 Ottobre t2i -Trasferimento Tecnologico e Innovazione, insieme alla la Cooperativa “Una Casa per l’Uomo”, hanno partecipato agli incontri periodici di verifica dei Progetti Erasmus+ “NEW ENTREPRENEURS - New Skills for new Entrepreneurs – Attraction and Qualification of Refugees as Successors” e “INTACT - Integration of newly arrived migrants by means of competency assessment and high-quality further vocational training”. Agli incontri partecipavano anche gli altri partner europei, Hanse-Parlament (Capofila di entrambi i progetti), Berufsakademie Hamburg e Handwerkskammer Schwerin per la Germania, Institut für angewandte Gewerbeforschung  per l’Austria, Ipartestületek Országos Szövetsége per l’Ungheria, Warmińsko-Mazurska Izba Rzemiosła I Przedsiębiorczości per la Polonia e Satakunta University of Applied Sciences per la Finlandia. Obiettivo di entrambi gli incontri era quello di fare il punto sullo sviluppo delle progettualità, analizzando le eventuali difficoltà emerse e per proporre miglioramenti per le implementazioni successive delle attività. Rispetto al progetto “New Entrepreneurs”, la progettualità austriaca è già in una fase avanzata, i rifugiati seguiti dal progetto hanno una base della conoscenza della lingua elevata, infatti stanno già procedendo attraverso il lavoro di gruppo e la fase di coaching, attivando dei workshop sulla creatività e motivazione (nelle foto alcuni momenti di questa fase). L’Ungheria attualmente sta invece sviluppando dei corsi di tedesco per studenti universitari per favorire la ricerca lavorativa in Germania e Austria, come opportunità di arricchimento e sviluppo professionale. Diversa è la situazione italiana, presentata all’incontro, in cui si è sottolineata la difficoltà di trovare persone da inserire nel progetto a causa di un livello di conoscenza della lingua italiana scarso, che non permette di pensare allo sviluppo di workshop o corsi di formazione orientati allo sviluppo di una idea imprenditoriale o al passaggio di impresa. Come gruppo di lavoro, assieme a “Una Casa per l’Uomo”, abbiamo proposto di indirizzare questo progetto verso migranti da alcuni anni inseriti in Italia e nel mondo del lavoro, in quanto con più risorse rispetto a chi da poco arrivato.      Rispetto al progetto “Intact”, sta per essere avviata la fase di assessment dei potenziali partecipanti che verranno poi coinvolti in un percorso formativo rispondente a esigenze di professionalità espresse dalle aziende del territorio. Anche in questo progetto sono emerse differenze rilevanti tra i territori europei coinvolti rispetto alle caratteristiche dei rifugiati/migranti e dei contesti di integrazione, diversità che condurranno ad implementazioni diversificate. Durante l’incontro il partner finlandese ha presentato un articolo uscito presso la stampa locale, che racconta l'esperienza di accoglienza sperimentata da una famiglia della provincia di Treviso. Ci ha sorpreso che una storia nata in un piccolo paese trevigiano sia giunta fino ad un paese così lontano, e non solo geograficamente, come la Finlandia. La possibilità di confronto con altri paesi ha permesso di ampliare la conoscenza di modalità differenti di concepire le politiche sull’immigrazione e ci ha aiutato a meglio focalizzare gli indirizzi da dare alle nostre progettualità.

    Leggi tutto »


  • Workshop – Imprese in Azione! 2 (Venezia, 30 ottobre 2018) 

    data News: 23/10/2018

    Unioncamere del Veneto, in qualità di coordinatore di Enterprise Europe Network e del progetto Gymnasium Next - Erasmus for Young Entrepreneurs, organizza: "Imprese in Azione! 2" 30 ottobre 2018 ore 9.00 - 18.30 presso NH Laguna Palace Viale Ancona, 2  - 30172 Mestre,Venezia La giornata ha l'obiettivo di creare spazi e momenti di incontro, formazione e contaminazione fra esperti e imprenditori, nuovi o già affermati, facendo loro acquisire strumenti e accrescere competenze, utili a migliorare la propria impresa o idea d'impresa. I partecipanti saranno invitati ad avere un ruolo attivo e dinamico all'interno di laboratori tematici per facilitare il confronto e lo scambio di informazioni ed esperienze. Si svolgeranno, infatti, in parallelo, tre sessioni di laboratori d'impresa, nella mattinata ed altre tre nel pomeriggio, intervallate da un pranzo che sarà occasione di networking. Il tema che legherà tra loro i 6 laboratori della giornata sarà l’innovazione declinata nelle sue diverse sfaccettature: innovare grazie alle collaborazioni con partner esteri, finanziamenti per le imprese innovative e che vogliono innovare, ripensare alla propria impresa in chiave innovativa, digitalizzarsi per innovare, progetti e servizi che offrono strumenti innovativi per l’impresa e imparare a comunicare la propria impresa in forma innovativa. Al termine dei laboratori tutti i partecipanti, imprese e funzionari camerali, sono invitati a prendere parte al Business Game un momento per consolidare in maniera informale i contenuti della giornata e favorire il networking in maniera interattiva. Durante tutta la giornata saranno inoltre presenti delle postazioni informative con possibilità di iscriversi ai servizi della Rete Enterprise Europe Network e al programma Erasmus per Imprenditori. Il programma è visualizzabile attraverso il seguente link il programma dettagliato della giornata. La partecipazione è gratuita, con registrazione obbligatoria entro il 25 ottobre al seguente link register.unioncamereveneto.it/form/971756. In fase di registrazione, è possibile scegliere di partecipare al massimo a due laboratori: si dovrà quindi indicare il laboratorio del mattino e/o quello pomeridiano a cui si desidera prendere parte. Per maggiori informazioni, contattare Unioncamere del Veneto - Eurosportello tramite e-mail europa@eurosportelloveneto.it, tel. 0410999411 (rif. Stefania De Santi, Geyleen Gonzalez) .

    Leggi tutto »


  • Workshop – Digitalizzare senza sprecare (Treviso, 30 ottobre 2018)

    data News: 24/10/2018

        DIGITALIZZARE SENZA SPRECARE Il “Revamping” 4.0: connettere e aggiornare gli impianti esistenti Martedì 30 ottobre – ore 18.30 Confartigianato Imprese Marca Trevigiana Piazza delle Istituzioni 34/A - 31100 Treviso Che cosa si intende per Revamping? Quali sono le operazioni che consentono di allungare la vita dei propri impianti? E ancora, quali sono le regole fondamentali per rendere la propria impresa competitiva e come sfruttare al meglio le agevolazioni fiscali? Le novità apportate dall’Industria 4.0 stanno radicalmente trasformando il tessuto imprenditoriale veneto, ma non c’è ancora chiarezza in merito alle agevolazioni per l’impresa 4.0 in Italia. L’evento sarà un’occasione per risolvere una serie di quesiti in tema di interventi di ammodernamento degli impianti produttivi e per far luce sui nuovi strumenti e opportunità a disposizione delle aziende. Programma: 18:30 Registrazione e saluti di benvenuto Confartigianato Imprese Marca Trevigiana 18:45 Il ROI dell’investimento in innovazione Marco Galanti – t2i trasferimento tecnologico e innovazione  19:00 Il “revamping”: esperienze pratiche e buone prassi Gian Antonio Susto – Università di Padova 19:20 7 regole fondamentali per rendere la tua impresa agile e competitiva Mauro Salvadori – Twipping Srl 19:35 Le agevolazioni pubbliche per l’Industria 4.0 (Piano impresa 4.0) Emanuele Canetti – Consulente finanza agevolata - Thinkenergy S.r.l. 20:00 Dibattito e conclusioni  DESTINATO A:
    • imprenditori
    • manager
    • responsabili R&S
    • operatori.
    SEDE L’appuntamento si terrà presso la sede di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, in Piazza delle Istituzioni 34/a, 31100 Treviso. REGISTRAZIONE Per partecipare al seminario è necessario iscriversi attraverso il form presente all’indirizzo: http://bit.ly/REVAMPING NUMERO MASSIMO PARTECIPANTI L’incontro è aperto a un massimo di 40 partecipanti, previa iscrizione. PER INFORMAZIONI filippo.fiori@confartigianatomarcatrevigiana.it Tel: 0422 433300 Locandina dell'evento   Con il contributo di:

    Leggi tutto »


  • DIGITALmeet 2018, nasce l’umanesimo digitale

    data News: 11/10/2018

    Ufficio Stampa DIGITALmeet      Unioncamere Veneto con la CCIAA di Treviso-Belluno, la CCIAA di Padova e t2i patrocina e supporta #DM18 Marghera, 11 ottobre 2018 – Impossibile contenere tutto in cinque giorni. DIGITALmeet 2018 è un fiume in piena che trascina oltre 150 incontri (tutti gratis) e 300 speaker in 15 regioni: la sesta edizione del festival diffuso sul mondo dell’alfabetizzazione digitale più grande d’Italia, organizzata da Fondazione Comunica e Talent Garden (TAG) Padova. Unioncamere Veneto con la Camera di Commercio di Treviso-Belluno e la Camera di Commercio di Padova patrocina e supporta la manifestazione organizzando una serie di eventi con la collaborazione di t2i società consortile per l’innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia-Rovigo. «Il sistema camerale veneto - dichiara il Presidente di Unioncamere Veneto Mario Pozza - supporta con convinzione questa iniziativa perché il digitale, inteso come applicazione nei processi e nei prodotti delle imprese è l'indispensabile acquisizione per mantenere e rafforzare la competitività verso i competitor europei e del mondo con cui le nostre imprese, leader in Italia per fatturato export, dialogano abitualmente. Ho voluto sostenere Digitalmeet - precisa il Presidente Pozza - perché è essenziale la diffusione della cultura del digitale tra i giovani, oltre nelle aziende anche nelle scuole. Nel dialogo con le nostre imprese emerge sempre la preoccupazione per la mancanza di risorse profilate con i saperi delle nuove tecnologie, mi auguro che anche questa iniziativa diffusa, sappia dare un fattivo supporto ad una nuova cultura del digitale. Sono lieto che le Camere di Commercio di Treviso-Belluno e Padova sede dei PID camerali – conclude Pozza - contribuiscano fattivamente al programma di #DM18 con una notevole mole di eventi e iniziative sul territorio e nelle scuole. »  «Quest'anno - commenta Gianni Potti, presidente di Fondazione Comunica e Founder DIGITALmeet - vogliamo raccontare un digitale diverso, quasi un rinascimento nel quale la tecnologia è un mezzo e non il fine, quello che ci piace definire "umanesimo digitale". E in questa edizione, accanto ai temi digitali classici per cittadini e imprese, lo facciamo tramite storie di persone che vivono e usano il digitale tutti i giorni, occupandosi della nostra salute, di cultura, sport, servizi sociali. Fondamentale il ruolo della Pubblica Amministrazione per dare i migliori servizi ai cittadini. È molto importante la partecipazione a DIGITALmeet sia di AGID, sia della Regione, sia del mondo camerale».  Ditalmeet va in scena da mercoledì 17 a domenica 21 ottobre, con partenza anticipata a lunedì 15 e chiusura posticipata a martedì 23 per dare spazio a tutti gli stimoli ricevuti dalle comunità digitali, secondo la consueta logica del bottom-up. Dalle imprese alle istituzioni, dagli esperti ai neofiti, la contaminazione è trasversale e tutti sono invitati a partecipare. L’hashtag è #DM18, lo slogan è quello che accompagna il festival dal 2013: Scopri, Usa, Crea, Sogna. E la bussola è su www.digitalmeet.it. Tra gli eventi principali PID, sviluppo DIH e Digital Citizen con Sistema Camerale/Infocamere, mercoledì 17 nella sede di t2i di Treviso, e Call for Ideas&Startup sempre il 17 a Treviso a Palazzo Giacomelli in collaborazione con Digital Magics. Venerdì 19 è previsto Il digitale al servizio del turismo presso la sede della Camera di Commercio a Belluno, mentre nella sede di Treviso di t2i sarà la volta dell’incontro IoT Connected Design in collaborazione con IoT Italy. Gli esperti di t2i e i Digital Evangelist di DIGITALmeet inoltre dispenseranno pillole di Scuola 4.0 in cinque istituti diffusi sul territorio di Treviso e Belluno: giovedì 18 all’ITIS Planck di Treviso e all’Enaip di Conegliano, venerdì 19 all’ITIS Negrelli di Feltre, sabato 20 all’ITIS Barsanti di Castelfranco e al La Salle International Campus - Istituti Filippin di Treviso. Per orientarvi e geolocalizzarvi, il programma completo di DIGITALmeet 2018 è disponibile su www.digitalmeet.it. Progetto promosso da: Rassegna stampa DigitalMeet, ecco il truck dell’innovazione e gli «evangelizzatori digitali» - VenetoEconomia, 10 ottobre 2018 L'alfabeto digitale s'impara...su un camion - TGPadova, 11 ottobre 2018 Con #DM18 l’alfabeto digitale divulgato dai Digital Evangelist - Padova24ore, 11 ottobre 2018 Digitalmeet porta in Veneto il truck dell’innovazione: un’aula da 40 posti e gli evangelizzatori digitali - PadovaNews, 11 ottobre 2018 Al via la sesta edizione di Digital Meet: «La tecnologia deve essere il mezzo, non il fine» - VeneziaToday, 11 ottobre 2018 Con #DM18 l’alfabeto digitale divulgato dai Digital Evangelist - TrevisoToday, 12 ottobre 2018 Mondiali a Cortina, convegno di Digitalmeet 2018 - Corriere delle Alpi, 16 ottobre 2018 Digitalmeet, startup in gara. «Il futuro è nella sanità 4.0» - La Tribuna di Treviso, 18 ottobre 2018

    Leggi tutto »


  • Emotion-Driven Innovation: Conoscere e gestire le emozioni nello sviluppo di nuovi prodotti (Treviso, 22 ottobre 2018)

    data News: 11/10/2018

    Data : 22 ottobre 2018, ore 15.00 - 19.00 Durata: 4 ore Il workshop è ideato in collaborazione con l’Università di Padova nell’ambito del progetto europeo DesAlps e ha lo scopo di testare in anteprima un nuovo Learning Game Tool che si prefigge di aiutare le aziende e i designer a concepire nuovi prodotti legati a specifiche emozioni, imparando a gestirle e utilizzarle con consapevolezza. Programma Fase 1 – Emotion Knowledge Acquisition: il processo emozionale che porta alla creazione nuovo prodotto Fase 2 – Emotion Goal Definition: inserimento del prodotto in un ambito definito Fase 3 – Idea Generation: creazione di un prodotto che offra delle emozioni specifiche. Destinatari Designer di prodotto, Titolari di impresa o start-up, Dipendenti, Esperti di comunicazione. Docenti Teresa Alaniz – phd all’Università di Padova sull’Emotion-Driven Innovation Stefano Biazzo – professore di Gestione dell’Innovazione e di Organizzazione Aziendale presso Università di Padova ISCRIZIONE ONLINE

    Leggi tutto »


  • IoT Connected Design: la monetizzazione dei servizi legati ai prodotti connessi (Treviso, 19 ottobre 2018)

    data News: 1/10/2018

    Venerdì 19 ottobre 2018 presso e in collaborazione con T2i (Trasferimento Tecnologico e Innovazione), si terrà un evento organizzato dall’Associazione IoTItaly: “IoT Connected Design: la monetizzazione dei servizi legati ai prodotti connessi”, in cui interverranno esponenti di Università, come il Politecnico di Milano ed aziende che si occupano di integrare le soluzioni IoT ai prodotti. Il convegno si inserisce all’interno di Digital Meet evento dedicato all’innovazione digitale promosso da Fondazione Comunica, nella persona del sig. Gianni Potti (Presidente CNCT di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici) e Talent Garden Padova. Focus del convegno è l’applicazione delle tecnologie IoT ai prodotti per la creazione di valore aggiunto: nello specifico si parlerà di come attraverso l’IoT il focus imprenditoriale si stia spostando dai prodotti ai servizi per cogliere nuove opportunità di business. Con le tecnologie connesse infatti, si possono fornire insieme ai prodotti anche tutta una serie di servizi (raccolta dati, manutenzione predittiva, risparmio energetico, ecc.) e sistemi utili alle smart building. Così facendo le aziende potranno giovare di un nuovo modello di business che si basa sulla monetizzazione di questi servizi. La presentazione e l’esaltazione dei prodotti e della creatività Made In Italy avranno un ruolo centrale all’interno della manifestazione grazie alla partecipazione di aziende primarie nel loro settore, che hanno contribuito alla produzione di oggetti di design “connessi”. Il case history principale presentato sarà quello di Tecno, presentato al salone del mobile di Milano del 2017 (http://www.tecnospa.com/it/news/ultime-news/io-t-l-intelligenza-di-tecno) che si spinge alla realizzazione di arredi io.T, aggiornabili nelle loro funzionalità interattive. Arredi la cui dotazione digitale connette le attività degli oggetti e delle persone e permette di stabilire prestazioni e bisogni anche in relazione alla vita dell’edificio. Il mondo connesso muta e migliora i processi di business, facilita la comunicazione interna ed esterna, attiva il controllo remoto e permette la riduzione dei costi.” L’evento è aperto a tutte le aziende. Link all’evento: http://www.iotitaly.net/iot-connected-design/ Link Eventbrite: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-iot-connected-design-la-monetizzazione-dei-servizi-legati-ai-prodotti-connessi-50774537007

    Leggi tutto »


  • Gli strumenti per le intellectual property rights intensive industries: esperienze a confronto (Venezia, 9 ottobre 2018)

    data News: 28/09/2018

    Il 9 ottobre 2018, nell’ambito del Progetto Marchi e Disegni Comunitari 2018 e della Venice Design Week, il Consorzio Camerale per il credito e la finanza, l’Ufficio Europeo per la Proprietà Intellettuale e l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, in collaborazione con Unioncamere Veneto, la Camera di Commercio Delta Lagunare e t2i scarl, organizzano un seminario finalizzato a fornire gli strumenti pratici e teorici affinché le cosiddette IPR-intensive industries possano, con maggiore consapevolezza, sfruttare le loro creazioni senza generare conflitti con diritti di terzi. Le IPR-intensive industries (laddove IPR è l’’acronimo inglese per dire “diritti di proprietà industriale e intellettuale”) sono quelle imprese, di qualunque natura giuridica, dalle spa alle ditte individuali, che hanno in uno o più diritti di proprietà industriale e intellettuale il loro maggiore valore (asset). Uno studio realizzato in comunione tra EUIPO e EPO (rispettivamente, l’Ufficio Europeo della Proprietà Intellettuale e Ufficio Europeo Brevetti) ha dimostrato che le Intellectual property rights intensive industries sono le imprese che nell’ultimo decennio hanno avuto le migliori performance economiche e hanno prodotto i migliori (anche in termini di qualità della vita) posti occupazionali. Il seminario vuole essere un’occasione di scambio di esperienze tra coloro che già operano in una Intellectual property rights intensive industry e coloro che si accingono a intraprendere attività economiche che muovono dallo sfruttamento preminente di un asset immateriale. Per ottenere il risultato si proverà a ribaltare la modalità tradizionale e si metteranno al centro una serie di IPR-intensive industries che racconteranno le loro esperienze nel creare e difendere i diritti di proprietà intellettuale. Ogni caso esposto, verrà “contro-relazionato” da un professionista della materia con diversa specializzazione che metterà in luce i profili generali che si possono estrarre dal caso particolare.   PROGRAMMA 09.15 - 09.30 Registrazione dei partecipanti 09.30 - 09.45 Saluti di apertura Roberto Crosta - Segretario Generale Unioncamere Veneto 09.45 - 10.00 Presentazione del progetto “Marchi e disegni comunitari” Carlo Bettonica - Consorzio Camerale per il credito e la finanza 10.00 - 10.15 Il Progetto Marchi e Disegni Comunitari 2018: perché parlare di IPR-S Intensive Industries Emanuele Montelione - Coordinatore scientifico del progetto “Marchi e disegni comunitari” 10.15 - 10.45 Come difendere una DOP: il caso del Prosecco DOC Alessandra Zuccato - CONSORZIO DI TUTELA DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PROSECCO Discussant: Maurizio Borghese, Avvocato 10.45 - 11.15 Come tutelare i modelli nei mercati esteri: il caso VARASCHIN SPA Verena Varaschin - VARASCHIN SPA Discussant: Elisa Toniolo, t2i scarl 11.15 - 11.45 Il brand Modigliani Andrea Mazzon - ITINERANT SHOWROOM SRL Discussant: Emanuele Montelione, Avvocato 11.45 - 12.15 Spunti per la gestione degli IPR’s nel settore medicale Alice Bertoli - DECO MED Srl Discussant: Michela Maggi, Avvocato 12.15 - 12.35 Alcuni tool a disposizione delle aziende per accrescere l’uso degli strumenti IPR Roberto Sandrini - VIP4SME - coordinatore per la Camera di Commercio di Venezia Rovigo 12.35 - 13.00 Le esperienze dei partecipanti 13.00 - 13.15 Dibattito e Conclusioni 13.15 - 14.30 Light lunch La partecipazione è gratuita, previa ISCRIZIONE ONLINE

    Leggi tutto »


  • t2i partecipa a VisionGarden by TEDxCastelfrancoVeneto (6 ottobre 2018)

    data News: 26/09/2018

    t2i partecipa a Vision Garden, la fiera dell’innovazione e della tecnologia organizzata da TEDxCastelfrancoVeneto, che si svolgerà sabato 6 ottobre 2018 dalle ore 9.00 alle ore 19.00 in Piazza Giorgione a Castelfranco Veneto. Nei 500 mq coperti dalla tensostruttura saranno presenti più di 20 aziende e start-up, università e associazioni. La mission di VisionGarden, infatti, è di esporre al pubblico partecipante le proprie idee, la propria tecnologia ed il proprio modo di essere innovativi, offrendo una nuova esperienza di interazione e condivisione che possa ispirare e offrire nuovi stimoli. I partner che partecipano a VisionGarden sono stati scelti proprio per il loro alto contenuto innovativo. Questi condividono con gli organizzatori la volontà di promuovere il mondo della tecnologia, e lo scambio di idee e passioni tra le persone. All’interno della fiera verrà allestito uno spazio dove i partner possono presentarsi, promuovere la propria tecnologia ed il proprio modo di essere innovativi. Il programma aggiornato è nel sito Vision Garden.

    Leggi tutto »


  • Impresa 4.0 e umanesimo digitale: presentato I-Center, l’innovation hub dedicato alle PMI

    data News: 14/09/2018

    Comunicato stampa Toshio Horikiri (TEC – Toyota Engineering Corporation - Giappone) e Mirko Bordignon (IPA Fraunhofer - Germania) tengono a battesimo il progetto nato dalla sinergia tra Considi, t2i e Tag Padova per sostenere le PMI nel percorso di trasformazione digitale, mettendo al centro l'uomo Padova, 14 settembre 2018 - "L’innovazione può considerarsi “vera innovazione” solo quando ha un impatto sociale, in altre parole quando migliora in modo radicale comportamenti e abitudini consolidati elevando la qualità della vita dell’intera società": su questa convinzione di Toshio Horikiri si fonda I-Center, il progetto nato dalla sinergia tra Considi, società di consulenza che, ispirandosi al metodo giapponese TPS - Toyota Production System, affianca le aziende nei processi di cambiamento, t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo, e Talent Garden Padova, il campus degli innovatori del network di co-working internazionale più grande d’Europa. Assieme ai tre fondatori del progetto, rappresentati da Fabio Cappellozza, Presidente di Considi, Giorgio Zanchetta, Presidente t2i, e Gianni Potti, Presidente di TAG Padova, I- Center è stato tenuto a battesimo oggi a Padova da due eccellenze internazionali, Toshio Horikiri, Presidente di T.E.C. (Toyota Engineering Corporation) e Mirko Bordignon, Senior Researcher di IPA Fraunhofer Institutes GmBH, che, partendo da due approcci alla manifattura - giapponese e tedesco - per affrontare la sfida della Quarta Rivoluzione Industriale, si sono confrontate sui nuovi scenari e le traiettorie di sviluppo di "Industria 4.0" e "Society 5.0". Proprio su questi due pilastri si fonda infatti I-Center (http://www.icenter.cloud/), un hub dell'innovazione che nasce con l'obiettivo di accompagnare le piccole e medie imprese italiane nel percorso di trasformazione digitale attraverso un'offerta di servizi innovativi per portare nuove competenze e le migliori tecnologie all'interno delle aziende. Un processo di digital transformation che I-Center propone mettendo al centro l'approccio di derivazione giapponese "Society 5.0", un modello di "umanesimo digitale" in cui la digitalizzazione dei processi mette al centro l'uomo per dare vita a una nuova società intelligente che vede la rivoluzione digitale e le innovazioni della Quarta Rivoluzione Industriale compiute solo se estese a tutte le dimensioni e sfere della società per contribuire a migliorare la vita quotidiana delle persone. I-Center si propone inoltre come un'Agorà dell'innovazione che parte dal basso, una comunità di aziende innovatrici interessate a restare in rete e sperimentare dando vita a case history eccellenti che possano servire come modello di riferimento per altre imprese. Per questo I-Center sarà un network aperto che lavorerà in partnership con istituzioni e centri di ricerca nazionali e internazionali: dal sistema universitario e della ricerca, ai Digital Innovation Hub, dal network dei Fraunhofer Institutes a prestigiose aziende mondiali come Toyota. Sono tre le direttrici su cui si svilupperanno i servizi di I-Center: Spreading, l’attività di informazione, visione, confronto e discussione; Training, la sensibilizzazione e la formazione sui temi di Industria 4.0 e delTPS e Lean Organization Consulting, l’orientamento e la consulenza per la progettazione e implementazione di percorsi innovativi e servizi dedicati. Saranno organizzate attività di workshop formativi innovativi come i laboratori sulla manutenzione predittiva e la sua implementazione nei modelli di business, attività di studio come la missione in Giappone dedicata alle PMI in programma nel mese di novembre, per conoscere direttamente le migliori pratiche del TPS e della lean manufacturing e come queste stanno evolvendo verso l’Industry 4.0, e la creazione di una community aperta di aziende interessate a sperimentare e mettere in rete le best practice. Tra i primi filoni tecnologici su cui si concentrerà l’attività della nuova realtà ci sarà anche la nuova frontiera della “Predictive Maintenance” che sta riscuotendo sempre più interesse nel settore manifatturiero e non solo.  I vantaggi dati dalla possibilità di conoscere in tempo reale e di prevedere il comportamento di reti, macchinari, output e processi in funzione delle diverse variabili che coinvolgono la filiera devono ancora essere colti appieno, ma le applicazioni sviluppate da quanti hanno fatto da apripista in questo territorio lasciano intravedere in che direzione si muoverà il mercato. “In un contesto polarizzato in cui da un lato le grandi aziende hanno già fatto propria Industria 4.0, mentre le piccole e media imprese faticano a integrare questo approccio – ha commentato Fabio Cappellozza, Presidente di ConsidiI-Center vuole dedicarsi alle PMI, ai loro processi interni ed esterni diventando, attraverso servizi innovativi e ad alto valore aggiunto, uno stimolo in più per affiancare le imprese nel loro percorso verso Industry 4.0 accompagnando gli imprenditori e le sue persone nell’ideazione e attivazione di percorsi autonomi di Digital Transformation che portino sempre maggior valore ai clienti e alle persone lungo l’intera filiera del business.” “Abbiamo definito I-Center un’Agorà dell’Innovazione – ha aggiunto Giorgio Zanchetta, Presidente di t2iperché crediamo che l’innovazione sia un processo aperto che parte dal basso e che mette a fattor comune i migliori know-how e le migliori best practice. Diffondere e contaminare sono infatti le parole chiave di questo progetto che ha proprio l’obiettivo di far conoscere le migliori pratiche e le capacità di aziende italiane, ma anche di altri paesi di riferimento come Germania e Giappone, di sperimentare in ambito manifatturiero e industriale. In questo progetto, t2i porta la sua esperienza e il suo network come Digital Innovation Hub europeo mettendosi a disposizione di una rete più vasta che ha l’obiettivo di mettere in rete i poli dell’innovazione nazionali e internazionali facendo diventare I-Center un vero e proprio innovation hub dedicato alle PMI.” “Sono diversi gli strumenti e le traiettorie di sviluppo della rivoluzione digitale in Europa e nel mondo – ha concluso Gianni Potti, co-founder di TAG Padova E certamente l’approccio giapponese di Society 5.0, che rimette la tecnologia al servizio della persona, è una delle strade più interessanti. Ed è proprio questo l’obiettivo di I-Center: attivare quel cambiamento culturale in cui la trasformazione digitale diventa una sfida culturale che deve sempre mettere al centro l’uomo e tendere al traguardo dell’inclusione sociale.” Cartella stampa I partner del progetto (pdf) I relatori (pdf) I servizi e i prossimi appuntamenti (pdf) Rassegna stampa Una "palestra" per allenare le PMI alla rivoluzione digitale (Corriere Imprese Nordest, 17 settembre 2018)

    Leggi tutto »


  • Workshop – Tecnologie innovative per la sostenibilità ambientale

    data News: 12/09/2018

    WORKSHOP: Tecnologie innovative per la sostenibilità ambientale Giovedì 27 settembre 2018 dalle ore 10.00 presso il VEGA Park (Via della libertà 12 - 30175 Venezia Marghera) PRESENTAZIONE Il workshop ha lo scopo di presentare le opportunità dell’applicazione di nuove tecnologie digitali per raccogliere le sfide presentate dalla ricerca di massimizzare la sostenibilità ambientale. L’”eco-sostenibilità” infatti è un requisito sempre più importante sul mercato, sia per vincoli normativi sempre più stingenti che per la crescente sensibilità degli utenti al tema. D’altro canto, però, la ricerca di “eco-sostenibilità” pone significative sfide sia dal punto di vista tecnico che organizzativo. Fortunatamente, le nuove tecnologie offrono nuovi strumenti non solo per gestire queste problematiche, ma per creare anche nuove opportunità di business per chi le utilizza. Alcuni degli interventi saranno in lingua inglese. MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE La partecipazione è gratuita. Per esigenze organizzative è richiesta la prenotazione tramite il modulo alla pagina internet http://bit.ly/MATHER279 La partecipazione sarà subordinata alla conferma da parte degli organizzatori.   AGENDA “Material and chemical monitoring: a business opportunity to increase competitiveness” 9.30 Registrazione partecipanti 10.00 Saluti di benvenuto Innovazione e ambiente in EU2020 e nelle strategie della Regione Veneto Regione Veneto - Direzione Ricerca innovazione ed energia LCA come opportunità di business per le aziende Antonis Kokossis – NTUA Materiali e sostenibilità ambientale Valentina Beghetto – Università di Venezia - Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi Gli strumenti finanziari per il supporto ai progetti di riduzione dell’impatto ambientale Filippo Mazzariol - Sportello APRE Veneto LIFE MATHER Project: “Full material and chemical monitoring data and disclosure for the protection of the human health and environment” Consorzio MATHER LIFE AskREACH - Enabling REACH information rights on chemicals in articles by IT-tools        Ioannis Dosis - German Environment Agency LIFE VERMEER project - Integrating VEGA, toxRead, MERLIN-Expo, and ERICA in a platform for risk assessment and substitution of risky substance Anna Lombardo - IRCSS Mario Negri Digital transformation e sostenibilità ambientale R. Santolamazza - t2i trasferimento tecnologico e innovazione 13.00 Pranzo a Buffet 14.30 Tavola rotonda: la “green way” a Industria 4.0 Gabriella Chiellino - eAmbiente Paolo Longo - Anodica Trevigiana Gian Antonio Susto - Università di Padova 15.30 Ringraziamenti e conclusioni finali COME RAGGIUNGERCI Il workshop si terrà presso VEGA Park – sala conferenze Padiglione Antares. Indicazioni per raggiungere la sede dell’evento: https://www.vegapark.ve.it/vega-park/come-arrivare/ Per informazioni: Area Innovazione e trasferimento tecnologico t2i – trasferimento tecnologico e innovazione s.c. a r.l. Piazza delle Istituzioni 34/a - Edificio M - Secondo piano 31100 Treviso (TV) - ITALY Tel. 0422/1742100 e-mail: eventi@t2i.it  website: www.t2i.it

    Leggi tutto »


  • Nasce “I-Center”, l’agorà dell’innovazione per accompagnare le pmi verso la “Società 5.0”

    data News: 9/08/2018

    Comunicato stampa Dalla sinergia tra Considi, t2i, e Tag Padova nasce un progetto distribuito per aiutare le PMI nel percorso di trasformazione digitale, mettendo al centro la persona. 9 agosto 2018 -  Industria 4.0, PMI, trasformazione digitale, visione 5.0, formazione, competenze, persona al centro: sono questi i pilastri che danno vita a “I-Center”, un progetto per costituire una offerta di servizi innovativi specializzata che nasce dalla sinergia tra Considi, società di consulenza che, ispirandosi al metodo giapponese TPS - Toyota Production System, affianca le aziende nei processi di cambiamento, t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta-Lagunare, e Talent Garden Padova, il campus degli innovatori del network di co-working internazionale più grande d’Europa. I-Center nasce con l’obiettivo di accompagnare le piccole e medie imprese italiane nel percorso di trasformazione digitale per una maggiore competitività, portando nuove competenze e le migliori tecnologie all’interno alle aziende. I-Center si propone di diventare una vera e propria “Agorà dell’Innovazione”, una palestra delle menti e dell’anima nel processo di rinnovamento delle PMI, in cui le aziende possono condividere e generare nuovi processi di innovazione, mettendo a fattor comune le esperienze per dare risposta alle sfide quotidiane e accrescere le competenze delle persone. Un processo di innovazione che sarà applicato concretamente con l’approccio di “Society 5.0”, un modello in cui la digitalizzazione dei processi non esclude l’uomo, ma lo mette al centro. Una nuova società intelligente, che assorbe le innovazioni della Quarta Rivoluzione Industriale non solo per migliorare efficienza e produttività, ma anche per accrescere le competenze e contribuire a migliorare la vita quotidiana delle persone. In un contesto polarizzato in cui, da un lato, le grandi aziende stanno progettando o sono già entrate a grandi passi nella Quarta Rivoluzione Industriale, e dall’altro, le PMI faticano a integrare l’approccio 4.0 nel proprio modello di business, I-Center si propone come interlocutore per le PMI per stimolare, interloquire, suggerire e individuare processi di cambiamento e innovazione accompagnando l’imprenditore e le sue persone nell’ideazione e attivazione di percorsi autonomi di Digital Transformation. I-Center sarà una rete aperta e innovativa che lavorerà in partnership con enti e istituzioni italiane e internazionali – dal sistema universitario e della ricerca, ai Digital Innovation Hub, dal network dei Fraunhofer Institutes a prestigiose aziende mondiali come Toyota – proponendo un network di servizi orientati a creare processi innovativi partendo dal basso. “Le PMI italiane – afferma Fabio Cappellozza, Presidente di Considi – stanno attraversando una fase cruciale in cui sono chiamate ad affrontare un fondamentale passo in avanti dal punto di vista delle tecnologie e delle competenze digitali delle sue persone. Ma come ci dimostrano alcuni paesi come il Giappone, già entrato a pieno ritmo nella Quarta Rivoluzione Industriale, la digitalizzazione è un mondo fatto non solo di applicazioni tecnologiche, ma un contesto dove l’uomo assume un ruolo ancora più centrale in quella che ormai viene chiamata società 5.0. Con I-Center vogliamo quindi progettare e attivare il cambiamento culturale che ben presto porterà la Society 5.0 anche in Italia contribuendo a costruire un vera e propria task force per favorire il processo di digitalizzazione delle PMI e creare il giusto ecosistema per la formazione delle competenze digitali.” “Secondo l’ultima indagine del Mise – ha aggiunto Giorgio Zanchetta, Presidente di t2i -  le aziende italiane che hanno adottato politiche digitali sono solo l’8,4% del totale. Ciò significa che c’è ancora tanto da fare, dal momento che oltre il 90% delle aziende deve ancora iniziare un vero e proprio percorso di digitalizzazione. Con I-Center vogliamo dare impulso al lavoro già avviato con t2i diventando polo aggregante per altri soggetti e mettendo il nostro Digital Innovation Hub europeo al servizio delle imprese, come piattaforma di collegamento diretto con l’Europa. I-Center non si pone in competizioni con altre organizzazione come i Digital Innovation Hub o i Competence Center, al contrario vuole diventare un ulteriore nodo di questa rete per portare le migliori best practice internazionali a servizio delle PMI italiane, dando peso e diffusione ai processi di digitalizzazione.” “I-Center – ha concluso Gianni Potti, co-founder di TAG Padova – ricorda già nel nome che l’io, l’uomo non è escluso dalla rivoluzione digitale, al contrario ne è parte integrante, se non decisiva. Se la visione tedesca della digitalizzazione è incentrata sulla riduzione dei costi e la produttività, il modello Society 5.0 e la visione giapponese, mettono l’uomo al centro dell’ecosistema digitale, insegnandoci che digitalizzazione e tecnologia non sono solo sinonimi di efficienza, ma anche di un nuovo approccio che influenza ogni aspetto della vita quotidiana. Ed è proprio il valore aggiunto della visione 5.0 e l’approccio “uomo-centrico” che, grazie a I-Center, vogliamo contribuire a diffondere. La persona al centro, in una sorta di innovativo “umanesimo digitale”.

    Leggi tutto »


  • Bando per contributi a fondo perduto per progetti di digitalizzazione I4.0 in azienda

    data News: 6/08/2018

    La Camera di Commercio di Venezia Rovigo ha pubblicato una nuova iniziativa “Bando Voucher Digitali I4.0 Anno 2018” ideata per offrire l’opportunità alle micro e PMI di finanziare le domande per i servizi di formazione e consulenza tramite l’utilizzo di contributi a fondo perduto, finalizzati all’introduzione delle tecnologie innovative digitali. La scadenza della presentazione della domanda è il 31/10/2018. Per i servizi di consulenza, il contributo è elevabile fino al 100% per i costi ammissibili. T2i, quale partner operativo della Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare, offre un servizio di assistenza per l’analisi dei fabbisogni di innovazione digitale, compilazione della domanda di contributo, consulenza e formazione specifica. La partecipazione al bando è usufruibile anche dalle aziende non residenti a Rovigo, ma che hanno un’unità locale presso la Provincia di Rovigo o Venezia. Per maggiori informazioni e per iscriversi al bando: Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare Per assistenza o ulteriori informazioni: Incubatore certificato t2i Tel. 0425 471067 E-mail: info.rovigo@t2i.it

    Leggi tutto »


  • Concluso con successo il progetto OPENiSME

    data News: 20/07/2018

    Si è tenuta lo scorso 17 luglio la review finale presso la Commissione Europea del progetto OPENiSME (co finanziato dalla UE all’interno del programma CIP-ICT-PSP, Grant Agreement 621121), coordinato da t2i e focalizzato sul supporto alla creazione di relazioni di collaborazione tra PMI e mondo della ricerca. Il “cuore” di OPENiSME è una piattaforma basata sull’analisi semantica della letteratura scientifica, che permette di entrare in contatto con oltre 10 milioni di ricercatori in tutto il mondo. La piattaforma offre un workflow strutturato sulle esigenze specifiche delle PMI e dei soggetti che le supportano, offrendo anche suggerimenti dinamici basati su un sistema di Intelligenza Artificiale per guidare l’utente nella ricerca. Nel corso del progetto sono state coinvolte nella sperimentazione 1.215 piccole imprese in tutta Europa, e sono state avviate 92 collaborazioni di ricerca, per un valore stimato di oltre 5,1 milioni di Euro, e con benefici per le imprese (in termini di ricavi e/o risparmi attesi grazie ai risultati delle collaborazioni avviate) di oltre 50 milioni di euro. L’avvio di collaborazioni tra PMI e mondo della ricerca peraltro è solo uno dei possibili usi della piattaforma: il progetto infatti ha permesso di mettere a fuoco altri impieghi di OPENiSME di grande valore per le imprese, ed in particolare:
    • Supporto alla creazione di partenariati per progetti collaborativi;
    • Ricerca di personale altamente qualificato;
    • Analisi dello stato dell’arte della tecnologia;
    • Sviluppo di nuove idee;
    • Individuazione di nuove opportunità di mercato.
    I servizi sviluppati all’interno del progetto OPENiSME continueranno ad essere erogati ed ulteriormente sviluppati da t2i, nell’ottica di supportare al meglio le imprese che vogliono crescere.  

    Leggi tutto »


  • Presentazione PID (Punti Impresa Digitale)

    data News: 3/07/2018

    Treviso, 6 luglio 2018 ore 9.00 - 12.30 Sala Conferenze della Camera di Commercio (sede di Treviso) Presentazione La Camera di Commercio di Treviso - Belluno in collaborazione con t2i e Infocamere scpa organizza un seminario di presentazione dei PID (Punti Impresa Digitale) e dei relativi servizi. Per le persone già in possesso di CNS sarà predisposta una postazione per il rilascio dell'Identità Digitale SPID, e per la dimostrazione di accesso al Cassetto Digitale (si raccomanda di portare con sé il proprio dispositivo di firma digitale/CNS, un valido documento di identità, il codice fiscale e uno smartphone con memoria libera sufficiente per l'installazione dell'applicazione). Programma Il programma della giornata è il seguente:
    • Introduzione lavori
    • Digital Transformation: inquadramento ed esempi sui vari settori (industria, artigianato, commercio, agricoltura)
    • Le Camere per la Trasformazione Digitale: il progetto PID
    • Il bando PID: contributi a fondo perduto per mettere in pratica la Digital Transformation nelle PMI
    • Il cassetto digitale dell'imprenditore e altri servizi digitali della Camera di Commercio per la semplificazione del rapporto con la PA (a cura di Infocamere)
    • Case History
    • Q&A
    Partecipazione gratuita. Si prega di procedere all'iscrizione on line nel sito della Camera di Commercio Treviso-Belluno

    Leggi tutto »


  • DesAlps: Design Thinking news

    data News: 22/06/2018

    4 Kinds of Design Thinking The Design Thinking (DT) approach has been described as the capacity of designers and professionals to face complex problems, reframing them through the identification of emerging themes. In order to better understand the main features of such a "reframing process" very recently an investigation has been conducted by POLIMI on how DT could support enterprises. The research shows that there is not a single approach to adapt to all problems emerging by innovation processes, but that it is possible to recognize four main models: Creative Problem Solving, Sprint Execution, Creative Confidence, Innovation of Meaning.
    Read more
          What Did We Learn from Our International Design Thinking Trainings? Since October 2017 we carried out several training actions in Design Thinking (DT). After finishing this big milestone in our DesAlps project we paused to look back on capturing lessons learnt from our DT training sessions in order to record good practices which can be repeated in future DT workshops, improve the performance of DT workshops as well as create a learning environment.       Read more      International Design Thinking Day Over 150 participants from Slovenia, Austria, Italy, France and Germany discussed the integration of the design thinking process and the introduction of new innovative approaches that will lead to new custom tailored products and services. According to Prof. Dr. Jonathan Edelman (Hasso Plattner Institute, Postdam) DT has been transformed in recent years. The success and longevity of DT depends on how well its principles are understood and performed. He emphasized the importance of empathy introduced by designer thinking in the implementation of digitization.
    Read more
            Design Thinking Lab: the DesAlps Virtual Community Design Thinking Lab is the DesAlps virtual community for Design Thinking experts, innovators, designers, acting as a Design Think hub for professionals and companies, where members can learn about cutting-edge methodologies, share experience and interests on different topics, discuss about case studies, find partnership to launch new projects. Design Thinking Lab will serve as an inspiring tool to gather the attention of local SMEs, by creating awareness about a place where resources and experts on Design Thinking can be found, and where they can self-assess their level of maturity on their innovation process stage. The DT Lab will be soon open to the public.
    Read more

    Leggi tutto »


  • International Design Thinking Day

    data News: 4/05/2018

    t2i e il progetto DesAlps vi invitano il 29 maggio a Lubiana per la Giornata Internazionale del Design Thinking, organizzata presso la Camera di Commercio della Slovenia. L’evento è gratuito ed aperto a designer, aziende, formatori, enti intermediari e policy maker interessati ad approfondire l’argomento in un contesto di cooperazione internazionale. La mattina prevede una sessione plenaria con interventi di attori di spicco quali il Politecnico di Milano e l’Hasso Plattner Institute di Berlino, unico interlocutore europeo della Stanford University, titolare della metodologia. Nel pomeriggio potrete sperimentarne il processo in prima persona e partecipare a tavoli di lavoro incentrati su specifiche sfide da affrontare con l’approccio Design Thinking, per un’innovazione sostenibile e user- friendly. Maggiori informazioni e iscrizioni  

    Leggi tutto »


  • Made in Italy. Made in Digital. Viaggio nell’eccellenza italiana

    data News: 6/04/2018

    Vicenza, 12 aprile 2018 Ore 9.30 - 14.00 | CANTINE LE FORGE | Via S. Rocco, 8 - 36030 Montecchio P.no (VI) Vuoi fare delle tecnologie digitali il nuovo alleato della tua azienda di produzione? Vieni a conoscere il livello di digitalizzazione delle imprese manifatturiere del territorio e scopri quali tecnologie abilitanti hanno adottato nel loro percorso di trasformazione digitale verso nuovi livelli di competitività ed efficienza. Appuntamento a Vicenza il 12 aprile con gli esperti della School of Management del Politecnico di Milano e dell’Università di Padova. Programma
    9.00 Registrazione e Welcome Coffee
    9.30 Benvenuto - Emanuele Ghiringhelli, SAP Sales Manager
    9.35 Benvenuto istituzionale e introduzione ai lavori Filippo Miola, Presidente della sezione Servizi innovativi e tecnologici, Delegato innovazione e fabbrica 4.0 di Confindustria Vicenza Manuel Maraschin, Direttore Generale di Apindustria Confimi Vicenza
    10.00 Made in Italy. Made in Digital Lucio Lamberti, Docente di Marketing Multicanale – Politecnico di Milano, School of Management Lara Agostini, Docente di Gestione Aziendale e Sviluppo Prodotto, Dipartimento di Tecnica e Gestione dei sistemi Industriali, Università di Padova
    10.20 Testimonianza di un'eccellenza del Made in Italy
    10.45 Coffee break
    11.00 Sessione di envisioning
    11.20 Talk show. Made in Italy - moderato da Roberto Filippini, con la partecipazione di:
    • Fabio Capellozza, Presidente di Considi
    • Diego Caron, Presidente di CARON A&D 
    • Stefano Nagy, Quality Manager, Mevis
    • Gianni Potti, CNCT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Delegato Industria 4.0 Confindustria Veneto, Presidente Fondazione Comunica
    • Marco Rosati, Responsabile Direzione Relazioni Interne e Sviluppo Associativo UCIMU-Sistemi per produrre
    • Roberto Santolamazza, Direttore generale t2i – trasferimento tecnologico e innovazione
    • Eccellenze del Made in Italy
    12.10 Sessione di domande e risposte e chiusura lavori
    12.30 Lunch
    Registrazione online

    Leggi tutto »


  • Auto, oggetti, idee alla fiera del futuro: un editoriale di Roberto Santolamazza

    data News: 31/01/2018

    Fonte: La Tribuna di Treviso - Nordest Economia - Top 500 31 gennaio 2018                                              

    Leggi tutto »


  • PensoFUTURO – Concorso di idee per studenti

    data News: 6/12/2017

    PensoFUTURO2018 è un bando di idee riservato a ragazzi compresi tra i 16 ed i 19 anni. Obiettivo del bando è quello di dare voce alla creatività ed alle visioni dei nostri ragazzi, che rischiano di restare chiuse nei cassetti. Il sostegno ricevuto dal territorio conferma che il mondo delle imprese e delle istituzioni è sempre più interessato ad ascoltare e capire meglio il mondo dei giovani. «Siamo contenti del supporto che ha ricevuto l’iniziativa – ha sottolineato Gianpaolo Pezzato, presidente di Innovation future School e ideatore del progetto – e siamo felici che scuole e studenti abbiano già dimostrato interesse per il bando». Come si partecipa? Ai partecipanti, attraverso un mini video della durata di 1,5-2 minuti, da inviare semplicemente anche solo via WhatsApp viene chiesto di presentare una soluzione/risposta alle quattro seguenti sfide proposte: n.1 AMBIENTE ed ENERGIA: come riuscire a ridurre l’inquinamento nei prossimi 10 anni? n.2 INNOVAZIONE/DIGITALE: come ti immagini che funzionerà la casa in cui abiterai tra 10 anni? n.3 FINANZA/ECONOMIA: quale saranno i metodi di pagamento per l’acquisto di prodotti e servizi tra 10 anni? n.4 ENOGASTRONOMIA: come possiamo valorizzare la nostra cultura culinaria per aiutare tutta l’Italia? Gli studenti potranno proporre la loro idea anche per più di una sfida. Le migliori 5 idee individuate tra i 15 finalisti della giornata finale di aprile ospitata presso la Nice spa di Oderzo a Treviso riceveranno in omaggio un tablet di ultima generazione mentre tutti i 15 finalisti potranno vivere l’esperienza di un test drive con la mitica Tesla S, la più famosa auto sportiva elettrica del mondo e visitare una delle più importanti Digital Factory d’Italia ; in più Volksbank Banca Popolare selezionerà due partecipanti tra i finalisti a riservare due borse lavoro per la durata di almeno un mese in una delle filiali del gruppo. Infine ai primi 50 video sarà omaggiata una chiavetta USB della serie della Marvel. Tutti i dettagli del bando su www.pensofuturo.it Pensofuturo è organizzato da Innovation Future School, con il Patrocinio della Regione Veneto, con il supporto di Nice spa, Ascotrade spa, Banca Popolare Volksbank, Tesla Club Italia e Var Group e con la collaborazione di Be.Family, Ghea Consulting, Ca’Foscari Alumni, Primo Round, TreCUORI e t2i – trasferimento tecnologico ed innovazione.

    Leggi tutto »


  • Seminari meccatronica: Human-Robot Collaboration (Nuclei-Treviso, 8 feb. 2018) + Powertrains (Inn4Mech-Rovereto, 15 feb. 2018)

    data News: 8/02/2018

    [vc_row][vc_column][vc_column_text]Human-Robot Collaboration (HRC) and ergonomics è il tema del terzo seminario del ciclo organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione e promosso da Unindustria Treviso dal titolo "Trasformazione digitale per una fabbrica 4.0 uomo-centrica" nell'ambito del progetto Interreg NUCLEI. Attraverso la presentazione di casi di trasferimento tecnologico di applicazioni innovative, l’obiettivo è di facilitare collaborazioni tecnico-scientifiche d’eccellenza e rendere concreta la trasformazione digitale per la competitività delle aziende del manifatturiero avanzato. Link di registrazione al terzo seminario: Human-Robot Collaboration (HRC) and ergonomics Giovedì 8 febbraio 2018, ore 15.00 (Palazzo Giacomelli. Piazza Garibaldi, 13, Treviso) Video report della giornata
      Programma 14.45 Registrazione 15.15 Trasformazione competitiva e digitale: dalle strategie al ruolo di Digital Innovation Hub Roberto Santolamazza, direttore generale t2i trasferimento tecnologico e innovazione 15.25 Collaborazione, competenze e tecnologia nel programma di trasformazione della fabbrica: modello operativo BellaFactory Ivan Lavatelli, Associate Partner Operations e membro Piattaforma Industry 4.0 PwC Italia 15.45 Trend e trasferimento tecnologico nei progetti di robotica, dalla ricerca al mercato Emanuele Menegatti, Professore Robotica Autonoma, socio fondatore IT+Robotics srl Università di Padova 16.05 Dalla Dark Factory alla Smart Factory: come le nuove tecnologie riportano l'uomo al centro del lavoro Mirko Bordignon, Group Manager Software Engineering and System Integration - Robotics Dpt Fraunhofer IPA Institute for Manufacturing Engineering and Automation 16.30 Robot collaborativi in supporto all’operatore: sfide e prospettive Loris Roveda, Ricercatore gruppo IRAS Intelligent and Autonomous Robot Systems CNR-ITIA Istituto di Tecnologie Industriali e Automazione 16.50 Metodologie e applicazioni innovative fra efficienza ed ergonomia, l’esperienza del CRF Alessandro Zanella, Specialista Produttività, Ricerca e Innovazione Centro Ricerche Fiat 17.10 Dibattito e conclusione 17.30 Aperitivo di networking Durante il seminario è possibile inoltrare domande collegandosi a www.sli.do (codice evento OS3hrc) Inn4Mech Un altro importante evento negli ambiti meccatronica e automazione è Inn4Mech, workshop organizzato da Trentino Sviluppo e Polo Meccatronica con il patrocinio di t2i trasferimento tecnologico e innovazione. Il tema centrale di Inn4Mech 2018 sarà Future Powertrains per applicazioni automobilistiche e fuoristrada, con particolare attenzione all’ottimizzazione del powertrain, al controllo innovativo, alle tecnologie di rilevamento, alla modellazione, alla simulazione e alle tecnologie di comunicazione. Link di registrazione al workshop: Inn4Mech | Workshop “Future Powertrains" Giovedì 15 - Venerdì 16 Febbraio 2018 (Rovereto)
    A chi è rivolto
    • imprenditori, AD
    • responsabili produzione
    • responsabili ricerca e sviluppo
    • digital transformation manager
    • innovation manager
    Settori
    • automotive
    • meccatronica e automazione
    • macchinari
    • elettrodomestici
    • HVAC
    Segreteria organizzativa Area Ricerca e Innovazione www.t2i.it/nuclei | nuclei@t2i.it | 0422 1742129 [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

    Leggi tutto »


  • Impresa 4.0, Verona scelta tra i 77 Punti di impresa digitale

    data News: 1/12/2017

    Comunicato stampa Fonte: Ufficio stampa Camera di Commercio di Verona La presentazione nel Digitale day del prossimo 5 dicembre Verona, 29 novembre 2017. La Camera di Commercio di Verona è uno dei 77 Pid ovvero uno dei nodi del Network nazionale Impresa 4.0 che offrirà la diffusione della conoscenza di base sulle tecnologie della digitalizzazione. Cos’è il Pid, Punto di impresa digitale, a cosa serve e come funziona,  lo spiega il Digital Day della Camera di Commercio martedì 5 dicembre prossimo, in collaborazione con T2I, l’hub dell’innovazione del sistema regionale delle camere di commercio. “I Punti Impresa Digitale – spiega Cesare Veneri, digital leader del Pid scaligero - sono strutture di servizio localizzate nelle Camere di commercio dedicate alla diffusione della cultura e della pratica del digitale nelle medie, micro e piccole imprese di tutti i settori economici. Al network di punti «fisici» si aggiunge una rete “virtuale” attraverso il ricorso ad un’ampia gamma di strumenti digitali: siti specializzati, forum e community, utilizzo dei social media”. A cosa servono? Servono a fare crescere la consapevolezza “attiva” delle imprese sulle soluzioni possibili offerte dal digitale e sui loro benefici, ma anche sui rischi connessi al suo mancato utilizzo. Dopo l’introduzione di Veneri, segretario generale della Camera di Commercio di Verona, toccherà a Gianni Tortella, responsabile della sede di Verona di T2i, spiegare come la digitalizzazione possa “cambiare la vita gestionale” di Imprese, di qualsiasi dimensione e settore economico, e dei liberi professionisti. Marco Galanti di T2i, porterà dei casi di successo, di aziende “incubate” in T2i. Sarà, poi, Nicoletta Chiavinato di Infocamere a presentare una rapida carrellata dei servizi che il sistema delle camere di commercio mette a disposizione delle imprese grazie al superamento del digital divide: la Spid e la Cns, che rappresentano l’identità digitale dell’impresa, il Cassetto digitale dell'imprenditore che raccoglie tutta la documentazione relativa al rapporto tra imprese e amministrazioni pubbliche, la fatturazione elettronica verso la pubblica amministrazione e le imprese e il nuovo portale del Registro Imprese. Il progetto dei 77 si inserisce all’interno del Piano nazionale varato dal Governo per dare vita alla quarta rivoluzione impresale in Italia. Sono più di 116 milioni di euro le risorse incrementali attivate per consentire la realizzazione del progetto (al netto degli oneri fiscali e delle spese generali). Quasi il 40% di queste risorse è diretto alle imprese attraverso voucher. La restante parte serve a coprire le spese di avviamento e di gestione dei PID. Dei contributi per la digitalizzazione via voucher parlerà il digital coordinator del Pid veronese, Riccardo Borghero, vice segretario generale della Camera di Commercio scaligera. La Camera di Commercio ha stanziato infatti nel 2017 240 mila euro euro per la digitalizzazione delle imprese e ne stanzierà altrettanti nel 2018. Il bando aprirà nei primi mesi dell’anno. L’appuntamento con il Punto di impresa digitale si terrà martedì 5 dicembre dalle ore 15 in Camera di Commercio. Per partecipare è necessario iscriversi al link: http://prenotazioni.vr.camcom.it/eventi

    Leggi tutto »


  • Digital Day: Nuovi strumenti e opportunità per le imprese veronesi

    data News: 28/11/2017

    Martedì 5 dicembre ore 15.00 Nuovo Centro Congressi Camera di Commercio di Verona Programma Ore 15:00
    • Cesare Veneri – Camera di Commercio di Verona, Digital Leader P.I.D. Il Punto Impresa Digitale
    • Gianni Tortella – t2i, Responsabile sede di Verona Impresa 4.0, ovvero la Trasformazione Digitale delle Aziende
    • Marco Galanti – t2i, Area Innovazione e Trasferimento Tecnologico Progetti per la digitalizzazione e casi di successo
    • Nicoletta Chiavinato – Infocamere Servizi digitali per le imprese del sistema camerale (Spid, CNS, Cassetto digitale dell'imprenditore, Fatturazione elettronica verso PA e B2B, Nuovo portale Registro Imprese)
    • Riccardo Borghero – Camera di Commercio di Verona, Digital Coordinator P.I.D. Contributi camerali per la digitalizzazione delle imprese veronesi
    Confronto e scambio tra i partecipanti Ore 17.00 Chiusura dei lavori La partecipazione è gratuita, per motivi organizzativi è necessario iscriversi online sul  sito http://prenotazioni.vr.camcom.it/eventi Il seminario rientra nell’ambito delle attività del Punto Impresa Digitale del sistema camerale.      

    Leggi tutto »


  • Il futuro dell’industria: internet of things e integrazione della filiera

    data News: 20/11/2017

    Comunicato stampa Al seminario di t2i trasferimento tecnologico e innovazione in collaborazione con Unindustria Treviso, interverranno gli esperti di Università di Padova e Fraunhofer FOKUS di Berlino e saranno presentati alcuni casi di studio aziendali. Treviso, 20 novembre 2017 – Un elemento chiave per la trasformazione digitale delle imprese è la completa integrazione delle soluzioni IT (sensori, analisi dei dati, cloud) nel processo produttivo e logistico. L’internet-of-things applicato alle imprese manifatturiere può essere paradigma abilitante per coniugare efficienza produttiva e customizzazione del prodotto. Per approfondire questi aspetti, t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta-Lagunare, in collaborazione con Unindustria Treviso ha organizzato il seminario “Industrial internet-of-things (IoT) and supply chain integration” L’appuntamento è in programma giovedì 23 novembre 2017, dalle 15.00 alle 19.00, a Treviso presso Palazzo Giacomelli (Piazza Giuseppe Garibaldi, 13). Il programma vedrà l’intervento di esperti di istituti di ricerca (Fraunhofer FOKUS) e di esponenti del mondo accademico dell’Università di Padova. Verranno poi presentate alcune case history aziendali per raccontare come l’accesso ad un “ecosistema di competenze” consente alle PMI di incrementare l'impatto delle applicazioni Industrial Internet of Things nell’adozione di modelli di business non convenzionali, integrando, ad esempio, innovativi sensori, il monitoraggio remoto, l’analisi e la manutenzione predittiva per macchine utensili o un efficiente Manufacturing Operations Management. L’appuntamento è il secondo di tre seminari del ciclo “Trasformazione digitale per una fabbrica 4.0 uomo-centrica” organizzato da t2i nell’ambito del progetto europeo NUCLEI e promosso da Unindustria Treviso. Il prossimo appuntamento si terrà l’8 febbraio 2018 e sarà dedicato alla robotica collaborativa nella fabbrica del futuro. Partito a luglio 2016, e della durata di tre anni, NUCLEI nasce dall’esigenza di favorire i processi di innovazione nelle industrie europee dell’automazione e meccatronica delle regioni centro-europee. Scopo di NUCLEI è quello di accelerare la trasposizione nel manifatturiero avanzato di tecnologie abilitanti fondamentali (Key Enabling Technologies – KET) in nuovi componenti e applicazioni passando da un approccio di scouting tecnologico “local-based” a un pool transnazionale di conoscenza che sostiene l’innovazione oltre i confini regionali. NUCLEI conta su un budget di 2 milioni di euro, co-finanziati dal programma Interreg Central Europe dell’UE, e coinvolge 10 partner di elevato standing nel campo della ricerca applicata e dell’innovazione, tra cui t2i. Il seminario si rivolge a imprenditori, responsabili della produzione, responsabili ricerca e sviluppo, digital transformation e innovation manager. Ulteriori informazioni e le indicazioni per iscriversi all’evento sono disponibili al link: http://www.t2i.it/iot-tv  
    Di seguito il programma degli interventi: Saluti introduttivi Bruno Carrera, vicedirettore Unindustria Treviso   Trasformazione competitiva e digitale: dalle strategie al ruolo di Digital Innovation Hub Roberto Santolamazza, direttore generale t2i trasferimento tecnologico e innovazione   Modellazione e controllo di sistema applicati ai processi manifatturieri Alessandro Beghi, Professore Ordinario di Automazione, Dip. di Ingegneria dell’Informazione (DEI) Università degli Studi di Padova   Un “ecosistema di competenze” per cavalcare il paradigma IoT: dalla validazione dell’idea alla soluzione di sistema Luciano Pini, Direttore Vendite Sviluppo IoT Sud Europa e Presidente Anie Componenti Elettronici STMicroelectronics NV   Industria 4.0 in una visione olistica della Supply Chain Patrizia Cavallo, Business Development Manager Reply S.p.A.   Monitoraggio, analisi e predittività su macchine utensili e impianti di processo: Breton, un caso di successo Christian Peloso, Executive Sales Manager B.U. Industry 4.0 & Business Analytics beanTech S.p.A.   OpenMTC – oneM2M middleware for prototyping IoT services Ronald Steinke, Business Unit Software-based Networks (NGNI) Fraunhofer FOKUS Institute for Open Communication Systems  
     

    Leggi tutto »


  • Open Innovative Living Labs: 21/11_Sportsystem | 22/11_Agritech

    data News: 16/11/2017

    AVVERTI L'URGENZA DELL'INNOVAZIONE? HAI L'INTENZIONE DI INNOVARE NEI PROSSIMI MESI? Sì? Partecipa allora a due laboratori di approfondimento sull’accesso al mercato internazionale in modalità Open Innovation per le imprese di due importanti settori per il nostro territorio: Sportsystem e Agritech. Verranno presentati e discussi casi reali e internazionali di innovazione aperta di PMI al fine di declinare tale modalità alle specificità e potenzialità delle imprese e dei talenti del territorio. L’open innovation (“innovazione aperta”), come noto, è un modello di innovazione che si basa sul fatto che le imprese per generare innovazione, in un mercato sempre più competitivo e con un’accelerazione tecnologica sempre più spinta, non possono più basarsi soltanto su talenti e risorse interne o sul proprio consolidato network di relazioni e competenze, ma devono ricorrere a nuove collaborazioni e attivare strumenti e competenze tecnologiche che arrivano dall’esterno. L’open innovation consente da un lato di supportare le imprese che vogliono accelerare i propri processi di ricerca e innovazione rivolgendosi a un network mondiale di potenziali risolutori. Il tempo medio per ricevere le proposte di soluzione è infatti di sole poche settimane, sicuramente un elemento importante per la competitività e la crescita delle nostre imprese. Allo stesso tempo permette a molti talenti e imprese presenti nell’area, inclusi ricercatori e università, di partecipare alle richieste di collaborazione e alle proposte di business da parte di imprese medie e grandi di tutto il mondo. La partecipazione è gratuita, previa registrazione. La disponibilità di posti è limitata. SPORTSYSTEM - Martedì 21 Novembre dalle ore 09.30-13.30 @InfiniteArea Partecipazione gratuita, iscrizione obbligatoria. Incontro riservato a imprese e operatori della ricerca. SPORTSYSTEM_ISCRIVITI   AGRITECH - Mercoledì 22 Novembre dalle ore 09.30-13.30 @InfiniteArea Partecipazione gratuita, iscrizione obbligatoria. Incontro riservato a imprese e operatori della ricerca. AGRITECH_ISCRIVITI Depliant dell'evento (pdf) I DUE WORKSHOP SONO PROPOSTI NELL’AMBITO DEL PROGETTO DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DIGITAL INNOVATIVE THINKING (DIG.IT) CODICE PROG.: 4940-2-1284-2016 IL CUI ENTE CAPOFILA È T2I - TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E INNOVAZIONE SCARL.

    Leggi tutto »


  • t2i entra nel circuito VENETEX: un accordo per sviluppare l’economia del territorio

    data News: 15/11/2017

    Comunicato stampa Collaborazione strategica che intende supportare un esempio di “social innovation 4.0” basato sulla tecnologia, ma mirato al consolidamento del tessuto economico locale. t2i, società consortile partecipata da Camera di Commercio di Treviso–Belluno, Camera di Commercio di Verona e Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare, entra nel circuito Venetex offrendo i suoi servizi di formazione e numerosi servizi specialistici per le imprese, al fine di facilitarne l’accesso anche attraverso l’uso della moneta complementare (oltre 350 aziende già aderiscono al circuito Venetex). Padova, 15 novembre 2017 - Accordo strategico fra t2i trasferimento tecnologico e innovazione e Venetex.net. t2i, società consortile partecipata da Camera di Commercio di Treviso–Belluno, Camera di Commercio di Verona e Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare, entra a far parte delle oltre 350 aziende che hanno già aderito a Venetex, il Circuito di Credito Commerciale® del Veneto, nato con l'obiettivo di fare rete fra le imprese del territorio, erogare servizi di promozione ad alto valore aggiunto e fornire alle imprese ed ai professionisti del Veneto strumenti di pagamento e di credito paralleli e complementari a quelli tradizionali, per sostenere l’economia reale e le produzioni locali. Questa partnership prevede una serie di incontri congiunti sul territorio per una migliore conoscenza del circuito e dei servizi che entrambe le parti offrono; ed anche un progetto di sviluppo del circuito Venetex nell’area di Rovigo, dove t2i è presente con la struttura di Incubatore Certificato. t2i è la società consortile per l’innovazione costituita per offrire servizi alle imprese e per sostenerle nei percorsi di innovazione e trasferimento tecnologico, con focus locale ma forte capacità di entrare nei circuiti eccellenti internazionali, supportati dai programmi europei. “E' nata con l'ambizione – commenta il direttore Roberto Santolamazza di costruire il nodo di una rete che permetta di capitalizzare, selezionandole, le migliori esperienze e di indirizzare strategicamente le prossime scelte di sviluppo, a supporto di un sistema economico moderno e con una riconquistata competitività. In questo senso, l'accordo con Venetex, interessante modello di Social Innovation, abilitato dalla tecnologia ma con un profondo senso di sviluppo economico locale, ha più significati: migliore accesso ai nostri servizi per le imprese, sviluppo dei rapporti di filiera locali e allargamento dei network con un respiro europeo.” “Noi lavoriamo affinché il potenziale produttivo inespresso di migliaia di aziende e professionisti della nostra Regione – spiega Francesco Fiore, amministratore delegato del Circuito Venetex.net - si trasformi in ricchezza reale. In Venetex.net, infatti, vengono venduti e acquistati beni e servizi che, complice la crisi, non troverebbero spazio nel mercato tradizionale. Per le imprese iscritte, il circuito Venetex.net rappresenta dunque un mercato complementare e aggiuntivo, consentendo di ottimizzare la capacità produttiva, di liberare preziosa liquidità e di usufruire di uno strumento di finanziamento e di marketing economico e innovativo, capace di rendere fin da subito la singola impresa più efficiente e competitiva. L'accordo con t2i allarga il nostro orizzonte operativo in un settore, come quello dell'innovazione tecnologica, che crediamo abbia un'ampia possibilità di sviluppo e possa essere trainante per l'intera economia regionale”. Fra gli obiettivi di t2i c’è quello di incrementare la capacità di attrazione e l'utilizzo di risorse economiche europee, attraverso la creazione di servizi specifici per far conoscere alle imprese bandi e progetti europei, accompagnando le aziende nel percorso di strutturazione dei propri progetti. Inoltre rappresenta un hub istituzionale a supporto di start up in regione per lo sviluppo di nuove idee di business attraverso la creazione di un network di incubatori a valenza e supporto pubblico. E promuove attività di formazione per lo sviluppo di competenze e organizzazioni innovative, la valorizzazione e certificazione dei prodotti e le iniziative di tutela della proprietà intellettuale, nonché lo sviluppo di prodotti, processi e servizi innovativi con tecnologie digitali avanzate. La società, il cui volume di attività per il 2017 è atteso a 4,7 milioni di euro, è diretta da Roberto Santolamazza ed ha un organico di 60 persone con un’età media di 35 anni, di cui oltre il 70% di laureati. Venetex.net, il Circuito di Credito Commerciale® del Veneto, in appena sedici mesi di operatività (il circuito veneto è nato ad aprile 2016, ma la prima transazione è avvenuta a luglio), ha già raggiunto risultati importanti: ad oggi sono oltre 350 le aziende aderenti in Veneto; 250 i conti personali di dipendenti ed amministratori di aziende;  oltre 1.500.000 di Venetex (l'equivalente di 1.500.000 di euro) il transato. I Circuiti di Credito Commerciale, 11 in tutta Italia, sono network progettati per facilitare le relazioni tra soggetti economici operanti in un dato territorio. Attraverso l’implementazione di un sistema di conti online e l’utilizzo di una “moneta” digitale locale, il Circuito offre la possibilità ad imprese e professionisti di finanziarsi reciprocamente, senza interessi, e di trasformare la propria capacità produttiva inespressa in liquidità supplementare utile a sostenere parte delle proprie spese correnti, operare investimenti e, tramite l’apertura di conti personali, effettuare anche parte delle proprie spese personali. Ad oggi sono oltre novemila le imprese in Italia che hanno scelto di affiancare all’euro un’altra unità di conto (ogni circuito ha la propria), con la quale finanziarsi reciprocamente senza interessi. Nato nel 2010 in Sardegna, nel corso degli anni il “modello Sardex” ha attirato su di sé l’attenzione di istituzioni internazionali tra le quali la Commissione Europea e il Dipartimento di Sviluppo delle Nazioni Unite, stampa internazionale come il “Financial Times”, e prestigiose università come la Yale University, il Politecnico di Zurigo e la London School of Economics. A partire dal 2014 il modello di Circuito di Credito Commerciale® ideato da Sardex è stato esportato con successo in 11 Regioni (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Lazio, Molise, Campania, Umbria e Veneto). E’ un nuovo modo di fare impresa: innovativo, etico, fondato sui valori della collaborazione, della fiducia e della reciprocità. Nei circuiti Sardex la moneta complementare gira 11 volte contro 1,9 dell’euro:è facile comprendere come il circuito in Veneto rappresenti una soluzione efficace per combattere la mancanza di liquidità. Rassegna stampa La Camera di Commercio dà fiducia a Venetex - Il Gazzettino di Treviso, 18.11.2017 Tra t2i e Venetex un accordo per lo sviluppo del Polesine - La Voce di Rovigo, 17.11.2017 Accordo tra il Consorzio t2i e il circuito Venetex - Il Giornale di Vicenza, 17.11.2017 Accordo t2i-Venetex su trasferimento tecnologico/innovazione - Ansa.it, 15.11.2017 Accordo t2i-Venetex su trasferimento tecnologico e innovazione - Ilnordestquotidiano.com, 15.11.2017 T2i entra nel circuito Venetex - Nordesteconomia.it, 15.11.2017 t2i entra nel circuito Venetex - Rovigoindiretta.it, 15.11.2017 t2i entra nel circuito di credito commerciale Venetex.net - Venezie Post, 15.11.2017

    Leggi tutto »


  • Seminario: Industrial internet-of-things (IoT) and supply chain integration (Treviso, 23 nov. 2017)

    data News: 8/11/2017

    [vc_row][vc_column][vc_column_text]Industrial internet-of-things (IoT) è il tema del secondo seminario del ciclo organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione e promosso da Unindustria Treviso dal titolo "Trasformazione digitale per una fabbrica 4.0 uomo-centrica" nell'ambito del progetto Interreg NUCLEI. Attraverso la presentazione di casi di trasferimento tecnologico di applicazioni innovative, l’obiettivo è di facilitare collaborazioni tecnico-scientifiche d’eccellenza e rendere concreta la trasformazione digitale per la competitività delle aziende del manifatturiero avanzato. Link di registrazione al secondo seminario: IIoT and supply chain integration Giovedì 23 novembre 2017, ore 15.00 (Palazzo Giacomelli. Piazza Garibaldi, 13, Treviso) Video report della giornata
      Abstract A key enabler of the digital transformation is the in-depth integration of IT solutions (sensors, data analysis, cloud, ...) in the whole production and logistic processes. Manufacturing companies need to merge product customization and efficient production, so industrial Internet-of-Things is a powerful mean to approach a holistic synergy of global supply chains. Experts from international research orgs and industry players will explain for example how open middleware for prototyping IoT services provide the foundation for interoperable end-to-end testing and proofs of concept (Fraunhofer FOKUS). The event will also showcase how universities can develop innovative data-driven solutions for automation systems (Dpt of Information Engineering, University of Padova). The access to an ‘ecosystem of competencies’ involving reliable RTD and industrial players let SMEs ramp up impact of IIoT applications and adopt unconventional business models, integrating e.g. new powerful sensors (STMicroelectronics), remote monitoring, analytics and predictive maintenance for machine tools (beanTech) and efficient Manufacturing Operations Management (Reply).   Programma e materiali 15.00 Registrazione e sessioni demo 15.30 Trasformazione competitiva e digitale: dalle strategie al ruolo di Digital Innovation Hub Roberto Santolamazza, direttore generale t2i trasferimento tecnologico e innovazione 15.45 Modellazione e controllo di sistema applicati ai processi manifatturieri Alessandro Beghi, Professore Ordinario di Automazione, Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione (DEI) Università degli Studi di Padova 16.00 Un “ecosistema di competenze” per cavalcare il paradigma IoT: dalla validazione dell’idea alla soluzione di sistema Luciano Pini, Direttore Vendite Sviluppo IoT Sud Europa e Presidente Anie Componenti Elettronici STMicroelectronics NV 16.20 Industria 4.0 in una visione olistica della Supply Chain Patrizia Cavallo, Business Development Manager Brick Reply Reply S.p.A. 16.50 Monitoraggio, analisi e predittività su macchine utensili e impianti di processo: Breton, un caso di successo Christian Peloso, Executive Sales Manager B.U. Industry 4.0 & Business Analytics beanTech S.p.A. 17.10 OpenMTC - oneM2M middleware for prototyping IoT services (intervento in inglese) Ronald Steinke, Business Unit Software-based Networks (NGNI) Fraunhofer FOKUS Institute for Open Communication Systems 17.45 Dibattito e conclusione 18.15 Aperitivo di networking e sessioni demo A chi è rivolto
    • imprenditori, AD
    • responsabili produzione
    • responsabili ricerca e sviluppo
    • digital transformation manager
    • innovation manager
    Settori
    • automotive
    • meccatronica e automazione
    • macchinari
    • elettrodomestici
    • HVAC
    Segreteria organizzativa Area Ricerca e Innovazione www.t2i.it/nuclei | nuclei@t2i.it | 0422 1742129 [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

    Leggi tutto »


  • Workshop informativi su opportunità Bandi POR FESR 2014 – 2020

    data News: 7/11/2017

    Unioncamere del Veneto – Eurosportello nell’ambito della Convenzione 2017 per le Piccole e Medie Imprese con la Regione del Veneto (DGR. 1281 dell’8 agosto 2017) ed in collaborazione t2i – trasferimento tecnologia ed innovazione, organizzano un ciclo di workshop informativi per cogliere le opportunità offerte dai bandi POR FESR 2014 – 2020 finalizzati a supportare la presentazione dell’idea progettuale, fornendo strumenti per valutarla criticamente, e per conoscere i principali meccanismi operativi di presentazione della domanda con la piattaforma regionale. I workshop saranno focalizzati sui bandi POR FESR 2014 - 2020 e sulla relativa progettualità nelle Azioni in capo alla Direzione regionale Industria, Commercio e Servizi: programma workshop 7 novembre
    • 3.1.1, “Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili ..”
    • 3.5.1 “Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese….”
    • 4.2.1 “Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas …”
    nell’ambito delle quali saranno pubblicati nuovi bandi fino al 2020. A conclusione, sono previste delle sessioni 1-to-1 per gli utenti interessati, per valutare le idee progettuali, ed esaminare il metodo di sviluppo, pianificazione e presentazione della proposta. Il workshop avrà luogo presso la Camera di Commercio Treviso-Belluno nelle seguenti date:
    • 7 novembre 2017  ore 9.00  sala Luciani, sede secondaria di Belluno, piazza S. Stefano 15/17;
    • 13 novembre 2017 ore 9.00 sala Conferenze, sede di Treviso, piazza Borsa 3/B.
    La partecipazione è gratuita. Per aderire confermare la presenza all’indirizzo e–mail  europa@eurosportelloveneto.it  entro il 3 novembre per Belluno ed il 9 novembre per Treviso compilando e inviando la seguente scheda di adesione. Programma del workshop

    Leggi tutto »


  • DIGITALmeet 2017 sbarca a Verona Open Innovation e Industria 4.0: le nuove frontiere dell’innovazione

    data News: 18/10/2017

      Sabato 21 ottobre l’incontro organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione e dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno. Verona, 18 ottobre 2017 – DIGITALmeet 2017 sbarca a Verona con il convegno “Open Innovation&I4.0” organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta-Lagunare, con il sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno. L’appuntamento è in programma sabato 21 ottobre 2017 alle ore 16.30 a Verona presso spazio 311 (Lungadige Galtarossa, 21). L’open innovation è la chiave del progresso tecnologico e del percorso di crescita delle imprese che, per rimanere competitive nel mercato globale, devono far ricorso ad idee, progetti e risorse esterne che aiutino lo sviluppo del business, attraverso la contaminazione, la crescita professionale delle risorse interne, coinvolgendole nel processo di cambiamento. L’open innovation coinvolge diversi aspetti ed aree dell’impresa, andando ad incidere su obiettivi diversi sia nei mercati esistenti, dando la possibilità di concentrarsi sulla fornitura di nuove soluzioni, idee, prodotti e servizi, sia accelerando verso nuovi mercati per affrontare così nuovi potenziali clienti, lavorando su nuove linee di business, diversificando l’attività principale, gli obiettivi, il know-how, le tecnologie e le esperienze. Partendo dall’idea di Open Innovation come strada per attingere a idee e nuove competenze nelle imprese e per costruire nuove opportunità nell’ottica dell’Industria 4.0, l’incontro sarà anche l’occasione per illustrare i risultati raggiunti dal progetto europeo OPENISME, dedicato alla diffusione dell’Open Innovation nelle PMI, di cui t2i è l’unico partner italiano. L’incontro sarà anche l’occasione per presentare la piattaforma di matching tra imprese e ricerca sviluppata nell’ambito del progetto OPENISME: la collaborazione tra questi due mondi è infatti un fattore strategico per il successo sui mercati, perché permette di creare prodotti che puntino all’eccellenza, anziché competere puramente sul fattore prezzo. Ne parleranno: Gianni Tortella, coordinatore della sede di Verona di t2i trasferimento tecnologico e innovazione, Gianni Dal Pozzo, Amministratore Delegato di Considi e Luca Degano, Sales Manager di bean Tech. L’incontro è organizzato nell’ambito di DIGITALmeet 2017, il più grande e diffuso festival italiano sulla cultura digitale organizzato da Fondazione Comunica e Talent Garden di Padova che dal 19 al 22 ottobre porta in tutto il Veneto e in altre regioni italiane oltre 140 incontri e più di 300 speaker per parlare di innovazione e digitale. Anche quest’anno t2i trasferimento tecnologico e innovazione è partner dell’edizione 2017 di DIGITALmeet. Grazie al sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, t2i organizza 10 eventi portando nelle scuole e nei poli di innovazione di tutto il territorio veneto incontri tematici sul digitale nelle sue diverse declinazioni quali l’Open Innovation, la robotica collaborativa, la manifattura digitale, l’Internet of Things e i Big Data, la Cybersecurity e l’Industria 4.0. Di seguito il calendario degli appuntamenti organizzati da t2i e dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno: Giovedì 19 ottobre “Open Innovation & I4.0” – Treviso Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “CYBERSECURITY in pillole” – Paderno del Grappa (TV) Ore 10.30 - Istituto Filippin “IOT e BIG DATA in pillole” – Castelfranco Veneto (TV) Ore 10.30 – IPSIA Galileo Galilei Venerdì 20 ottobreIOT e BIG DATA in pillole” – Feltre (BL) Ore 10.30 - ITIS Negrelli Forcellini “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Belluno Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “La gestione della relazione con il cliente 2.0” – San Polo di Piave (TV) Ore 16.30 – azienda Padoan Forme e Progetti “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Treviso Ore 16.30 – sede t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Piazza delle Istituzioni 34/a) “Open Innovation&I4.0” – Rovigo Ore 16.30 – incubatore t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Viale Porta Adige, 45) Sabato 21 ottobreOpen Innovation&I4.0” - Asolo Ore 10.30 - Fornace dell’Innovazione “Open Innovation&I4.0” - Verona Ore 16.30 - spazio 311 (Lungadige Galtarossa, 21)   RASSEGNA STAMPA Digital meet sbarca a Verona, la frontiera dell'innovazione - La Cronaca di Verona e del Veneto, 19.10.2017

    Leggi tutto »


  • DIGITALmeet 2017: azienda – cliente, una relazione 2.0

    data News: 18/10/2017

        Venerdì 20 ottobre presso l’azienda Padoan Arredamenti di San Polo di Piave, l’incontro organizzato dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno e t2i trasferimento tecnologico e innovazione. Treviso, 18 ottobre 2017 – L’evoluzione della relazione azienda –cliente nell’era del web 2.0 sarà al centro dell’incontro “La gestione della relazione con il cliente 2.0” organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta-Lagunare, con il sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno nell’ambito di DIGITALmeet 2017. L’appuntamento è in programma venerdì 20 ottobre 2017 alle ore 16.30 a San Polo di Piave (TV) presso l’azienda Padoan Arredamenti (Via Tezze, 1). Il web 2.0 e i social media sono diventati uno strumento di relazione diretta tra le aziende e i propri clienti. Le strategie di marketing sono perciò sempre più orientate a implementare questa evoluzione, non solo nell’ottica dell’ascolto e del dialogo con il cliente, ma anche favorendo l’interazione attraverso l’engagement. Si inserisce in quest’ottica il cosiddetto “Social Customer Relationship Management”, ovvero l’interazione tra i social media e la gestione della relazione con il cliente, ponendo l’utente al centro della relazione con l’azienda. Una trasformazione che si traduce in attività quali l’assistenza e la lead generation che passano attraverso la riorganizzazione di processi e conoscenze in modo armonico ed organico con le pre-esistenti strutture organizzative aziendali. Obiettivo dell’incontro è perciò aiutare le piccole imprese a comprendere i vantaggi di una nuova gestione della relazione con il cliente in ottica 2.0. Ne parleranno Franca Bandiera, Responsabile Area Formazione di t2i trasferimento tecnologico e innovazione, Massimiliano Anziutti, CTO di bean Tech, realtà specializzata nella ricerca e nello sviluppo di soluzioni software innovative e affidabili, e Fabio Sutto, Digital Strategist & Performance Marketing Specialist. L’incontro è organizzato nell’ambito di DIGITALmeet 2017, il più grande e diffuso festival italiano sulla cultura digitale organizzato da Fondazione Comunica e Talent Garden di Padova che dal 19 al 22 ottobre porta in tutto il Veneto e in altre regioni italiane oltre 140 incontri e più di 300 speaker per parlare di innovazione e digitale. Anche quest’anno t2i trasferimento tecnologico e innovazione è partner dell’edizione 2017 di DIGITALmeet. Grazie al sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, t2i organizza 10 eventi portando nelle scuole e nei poli di innovazione di tutto il territorio veneto incontri tematici sul digitale nelle sue diverse declinazioni quali l’Open Innovation, la robotica collaborativa, la manifattura digitale, l’Internet of Things e i Big Data, la Cybersecurity e l’Industria 4.0. Di seguito il calendario degli appuntamenti organizzati da t2i e dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno: Giovedì 19 ottobre “Open Innovation & I4.0” – Treviso Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “CYBERSECURITY in pillole” – Paderno del Grappa (TV) Ore 10.30 - Istituto Filippin “IOT e BIG DATA in pillole” – Castelfranco Veneto (TV) Ore 10.30 – IPSIA Galileo Galilei Venerdì 20 ottobreIOT e BIG DATA in pillole” – Feltre (BL) Ore 10.30 - ITIS Negrelli Forcellini “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Belluno Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “La gestione della relazione con il cliente 2.0” – San Polo di Piave (TV) Ore 16.30 – azienda Padoan Forme e Progetti “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Treviso Ore 16.30 – sede t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Piazza delle Istituzioni 34/a) “Open Innovation&I4.0” – Rovigo Ore 16.30 – incubatore t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Viale Porta Adige, 45) Sabato 21 ottobreOpen Innovation&I4.0” - Asolo Ore 10.30 - Fornace dell’Innovazione “Open Innovation&I4.0” - Verona Ore 16.30 - spazio 311 (Lungadige Galtarossa, 21)

    Leggi tutto »


  • DIGITALmeet 2017 sbarca a Rovigo Open Innovation e Industria 4.0: le nuove frontiere dell’innovazione

    data News: 17/10/2017

    Comunicato stampa Venerdì 20 ottobre l’incontro organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione e dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno. Rovigo, 17 ottobre 2017 – DIGITALmeet 2017 sbarca a Rovigo con il convegno “Open Innovation&I4.0” organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta-Lagunare, con il sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno. L’appuntamento è in programma venerdì 20 ottobre 2017 alle ore 16.30 a Rovigo presso l’incubatore di t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Viale Porta Adige, 45). L’Open Innovation è la chiave del progresso tecnologico e del percorso di crescita delle imprese che, per rimanere competitive nel mercato globale, devono far ricorso ad idee, progetti e risorse esterne che aiutino lo sviluppo del business, attraverso la contaminazione, la crescita professionale delle risorse interne, coinvolgendole nel processo di cambiamento. L’Open Innovation coinvolge diversi aspetti ed aree dell’impresa, andando ad incidere su obiettivi diversi sia nei mercati esistenti, dando la possibilità di concentrarsi sulla fornitura di nuove soluzioni, idee, prodotti e servizi, sia accelerando verso nuovi mercati per affrontare così nuovi potenziali clienti, lavorando su nuove linee di business, diversificando l’attività principale, gli obiettivi, il know-how, le tecnologie e le esperienze. Partendo dall’idea di Open Innovation come strada per attingere a idee e nuove competenze nelle imprese e per costruire nuove opportunità nell’ottica dell’Industria 4.0, l’incontro sarà anche l’occasione per illustrare i risultati raggiunti dal progetto europeo OPENISME, dedicato alla diffusione dell’Open Innovation nelle PMI, di cui t2i è l’unico partner italiano. L’incontro sarà anche l’occasione per presentare la piattaforma di matching tra imprese e ricerca sviluppata nell’ambito del progetto OPENISME: la collaborazione tra questi due mondi è infatti un fattore strategico per il successo sui mercati, perché permette di creare prodotti che puntino all’eccellenza, anziché competere puramente sul fattore prezzo. Ne parleranno: Alberto Previato, responsabile dell’Incubatore di t2i trasferimento tecnologico e innovazione, Luca Giuman, consigliere della sezione Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Padova, membro del Comitato tecnico di ICT Lab e Coordinatore della Sezione Nordest di ITSMF Italia, e Luca Potti, ‎CEO di Com.unica Srl e fondatore della start up PadovaMe. L’incontro è organizzato nell’ambito di DIGITALmeet 2017, il più grande e diffuso festival italiano sulla cultura digitale organizzato da Fondazione Comunica e Talent Garden di Padova che dal 19 al 22 ottobre porta in tutto il Veneto e in altre regioni italiane oltre 140 incontri e più di 300 speaker per parlare di innovazione e digitale. Anche quest’anno t2i trasferimento tecnologico e innovazione è partner dell’edizione 2017 di DIGITALmeet. Grazie al sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, t2i organizza 10 eventi portando nelle scuole e nei poli di innovazione di tutto il territorio veneto incontri tematici sul digitale nelle sue diverse declinazioni quali l’Open Innovation, la robotica collaborativa, la manifattura digitale, l’Internet of Things e i Big Data, la Cybersecurity e l’Industria 4.0. Di seguito il calendario degli appuntamenti organizzati da t2i e dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno: Giovedì 19 ottobre “Open Innovation & I4.0” – Treviso Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “CYBERSECURITY in pillole” – Paderno del Grappa (TV) Ore 10.30 - Istituto Filippin “IOT e BIG DATA in pillole” – Castelfranco Veneto (TV) Ore 10.30 – IPSIA Galileo Galilei Venerdì 20 ottobreIOT e BIG DATA in pillole” – Feltre (BL) Ore 10.30 - ITIS Negrelli Forcellini “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Belluno Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “La gestione della relazione con il cliente 2.0” – San Polo di Piave (TV) Ore 16.30 – azienda Padoan Forme e Progetti “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Treviso Ore 16.30 – sede t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Piazza delle Istituzioni 34/a) “Open Innovation&I4.0” – Rovigo Ore 16.30 – incubatore t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Viale Porta Adige, 45) Sabato 21 ottobreOpen Innovation&I4.0” - Asolo Ore 10.30 - Fornace dell’Innovazione “Open Innovation&I4.0” - Verona Ore 16.30 - spazio 311 (Lungadige Galtarossa, 21)   RASSEGNA STAMPA Open Innovation, incontro nella sede di t2i - Il Gazzettino di Rovigo, 20.10.2017 Nuove competenze nelle imprese per costruire altre opportunità - Il Resto del Carlino, ed.Ro, 20.10.2017 Open Innovation, serbatoio di idee per le imprese - Rovigoindiretta.it, 17.10.2017

    Leggi tutto »


  • Manifattura digitale e robotica collaborativa: DIGITALmeet 2017 arriva a Belluno

    data News: 17/10/2017

    Comunicato stampa       Venerdì 20 ottobre l’incontro organizzato dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno e t2i trasferimento tecnologico e innovazione. Belluno, 17 ottobre 2017 – DIGITALmeet 2017 sbarca a Belluno con il convegno “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta-Lagunare, con il sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno. L’appuntamento è in programma venerdì 20 ottobre 2017 alle ore 15.00 a Belluno presso la sede della Camera di Commercio di Treviso-Belluno (piazza Santo Stefano n. 15/17). Il digitale ha ridefinito gli equilibri del mercato cambiando il concetto stesso di business, che oggi deve rivolgersi ad un’audience sempre più connessa, tecnologica ed esigente. La trasformazione digitale è una rivoluzione che ogni imprenditore o manager deve affrontare insieme alla sua azienda. Al centro dell’incontro l’approfondimento sulla reingegnerizzazione del processo produttivo e le nuove sfide della robotica integrata per arrivare ad una produzione sempre più flessibile e connessa con il mercato e quindi il consumatore finale. Ne parleranno figure ed esponenti del mondo dell’innovazione e dell’Università che ogni giorno lavorano per portare sul campo la trasformazione digitale: Roberto Santolamazza, direttore t2i trasferimento tecnologico e innovazione, Fabio Cappellozza, Presidente di Considi, Vladi Finotto, Ricercatore presso l’Università Cà Foscari di Venezia. Modera Luca De Pietro, docente di E-government ed E-democracy all'Università di Padova. L’incontro è organizzato nell’ambito di DIGITALmeet 2017, il più grande e diffuso festival italiano sulla cultura digitale organizzato da Fondazione Comunica e Talent Garden di Padova che dal 19 al 22 ottobre porta in tutto il Veneto e in altre regioni italiane oltre 140 incontri e più di 300 speaker per parlare di innovazione e digitale. Anche quest’anno t2i trasferimento tecnologico e innovazione è partner dell’edizione 2017 di DIGITALmeet. Grazie al sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, t2i organizza 10 eventi portando nelle scuole e nei poli di innovazione di tutto il territorio veneto incontri tematici sul digitale nelle sue diverse declinazioni quali l’Open Innovation, la robotica collaborativa, la manifattura digitale, l’Internet of Things e i Big Data, la Cybersecurity e l’Industria 4.0. Di seguito il calendario degli appuntamenti organizzati da t2i e dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno: Giovedì 19 ottobre “Open Innovation & I4.0” – Treviso Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “CYBERSECURITY in pillole” – Paderno del Grappa (TV) Ore 10.30 - Istituto Filippin “IOT e BIG DATA in pillole” – Castelfranco Veneto (TV) Ore 10.30 – IPSIA Galileo Galilei Venerdì 20 ottobreIOT e BIG DATA in pillole” – Feltre (BL) Ore 10.30 - ITIS Negrelli Forcellini “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Belluno Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “La gestione della relazione con il cliente 2.0” – San Polo di Piave (TV) Ore 16.30 – azienda Padoan Forme e Progetti “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Treviso Ore 16.30 – sede t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Piazza delle Istituzioni 34/a) “Open Innovation&I4.0” – Rovigo Ore 16.30 – incubatore t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Viale Porta Adige, 45) Sabato 21 ottobreOpen Innovation&I4.0” - Asolo Ore 10.30 - Fornace dell’Innovazione “Open Innovation&I4.0” - Verona Ore 16.30 - spazio 311 (Lungadige Galtarossa, 21)   RASSEGNA STAMPA Digitalmeet a Belluno, domani - Corriere delle Alpi, 19.10.2017 Venerdì in Camera di Commercio il convegno Digital Manufacturing & AR/COBOTICS - BellunoPress.it, 18.10.2017  

    Leggi tutto »


  • DIGITALmeet 2017 – Open Innovation e Industria 4.0: a che punto siamo?

    data News: 17/10/2017

    Comunicato stampa   Giovedì 19 ottobre a Treviso l’incontro organizzato dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno e t2i trasferimento tecnologico e innovazione. Treviso, 17 ottobre 2017 – Che cosa significa Open Innovation? In che modo si interseca con l’Industria 4.0? Qual è il bilancio dei primi sei mesi del Piano Industria 4.0? Come prosegue il percorso per la costituzione dei Competence Center? Quali le competenze per un modello di sviluppo in ottica 4.0? Intorno a queste domande si svilupperà il convegno Open Innovation&I4.0” organizzato nell’ambito di DIGITALmeet da t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta-Lagunare, e dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno. L’appuntamento è in programma giovedì 19 ottobre 2017 alle ore 15.00 a Treviso presso la sala conferenze della Camera di Commercio di Treviso-Belluno (Piazza Borsa 3b). Il Piano Industria 4.0 ha chiuso il primo semestre tra luci e ombre, come rivelano gli ultimi dati nazionali: da una parte l’incremento degli ordinativi sul mercato interno di beni strumentali come i macchinari (+11,6%), i dati positivi sul numero di imprese che aumenteranno la spesa in ricerca e sviluppo (+10/15%), l’investimento di 3,5 miliardi per la Banda Ultra Larga, l’importo del Fondo di Garanzia (+10,7%) e le agevolazioni concesse con i Contratti di Sviluppo; dall’altra la crescita contenuta degli investimenti early stage e soprattutto il lento percorso nella costituzione dei Competence Center. Partendo dall’idea di Open Innovation come strada per attingere a idee e nuove competenze nelle imprese, l’incontro farà il punto su Industria 4.0 cercando di capire cosa è stato fatto e cosa c’è ancora da fare attraverso le voci di chi ogni giorno lavora per portare sul campo la rivoluzione 4.0: Roberto Santolamazza, direttore t2i trasferimento tecnologico e innovazione,  Fabio Cappellozza, Presidente di Considi, Maria Raffaella Caprioglio, Presidente Umana Spa, Alessandro Beghi, Professore Associato Dipartimento Ingegneria dell'Informazione dell’Università degli Studi di Padova, Davide Dattoli, presidente e co-founder di Talent Garden. Modera Ario Gervasutti, Caporedattore de Il Gazzettino. L’incontro è organizzato nell’ambito di DIGITALmeet 2017, il più grande e diffuso festival italiano sulla cultura digitale organizzato da Fondazione Comunica e Talent Garden di Padova che dal 19 al 22 ottobre porta in tutto il Veneto e in altre regioni italiane oltre 130 incontri e più di 300 speaker per parlare di innovazione e digitale. Anche quest’anno t2i trasferimento tecnologico e innovazione è partner dell’edizione 2017 di DIGITALmeet. Grazie al sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, t2i organizza 10 eventi portando nelle scuole e nei poli di innovazione di tutto il territorio veneto incontri tematici sul digitale nelle sue diverse declinazioni quali l’Open Innovation, la robotica collaborativa, la manifattura digitale, l’Internet of Things e i Big Data, la Cybersecurity e l’Industria 4.0.   Di seguito il calendario degli appuntamenti organizzati da t2i e dalla Camera di Commercio di Treviso-Belluno: Giovedì 19 ottobre “Open Innovation & I4.0” – Treviso Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “CYBERSECURITY in pillole” – Paderno del Grappa (TV) Ore 10.30 - Istituto Filippin “IOT e BIG DATA in pillole” – Castelfranco Veneto (TV) Ore 10.30 – IPSIA Galileo Galile Venerdì 20 ottobreIOT e BIG DATA in pillole” – Feltre (BL) Ore 10.30 - ITIS Negrelli Forcellini “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Belluno Ore 15.00 - sede Camera di Commercio di Treviso-Belluno “La gestione della relazione con il cliente 2.0” – San Polo di Piave (TV) Ore 16.30 – azienda Padoan Forme e Progetti “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS” – Treviso Ore 16.30 – sede t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Piazza delle Istituzioni 34/a) “Open Innovation&I4.0” – Rovigo Ore 16.30 – incubatore t2i trasferimento tecnologico e innovazione (Viale Porta Adige, 45) Sabato 21 ottobreOpen Innovation&I4.0” - Asolo Ore 10.30 - Fornace dell’Innovazione “Open Innovation&I4.0” - Verona Ore 16.30 - spazio 311 (Lungadige Galtarossa, 21)   RASSEGNA STAMPA Rivoluzione impresa 4.0 "Prima i cervelli, poi i pc" - Il Gazzettino di Treviso, 20.10.2017 Pozza scommette su t2i "Risorsa per il Veneto" - Il Gazzettino di Treviso, 19.10.2017 Impresa digitale, patto tra gli Hub veneti "Finalmente uniti, ora tocca al Governo" - Corriere del Veneto, 18.10.2017 Sfida digitale: sei ditte su dieci rischiano di restare al palo - Il Gazzettino di Treviso, 18.10.2017 Tutte le imprese del comune in una app - Il Gazzettino di Treviso, 18.10.2017 Pmi e Impresa 4.0. Alla formazione 800 mila euro - La Tribuna di Treviso, 18.10.2017 Open Innovation. Digitalmeet sbarca in città - Il Resto del Carlino, ed.Rovigo, 18.10.2017 Digitalmeet sbarca all'Incubatore T2i con le nuove competenze per le imprese - La Voce di Rovigo, 18.10.2017 Cyber security al Digital Meet 2017: "Solo il 7% delle aziende denuncia gli attacchi" - TrevisoToday, 18.10.2017

    Leggi tutto »


  • t2i trasferimento tecnologico e innovazione, con il supporto della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, protagonista a DIGITALmeet 2017

    data News: 16/10/2017

           Dal 19 al 22 ottobre, la società per l’innovazione porterà su tutto il territorio Veneto 10 eventi nell’ambito del più grande festival italiano sulla cultura digitale. Giovedì 19 ottobre a Treviso il convegno “Open Innovation & I4.0”, venerdì 20 ottobre a Belluno l’appuntamento dedicato al digital manufacturing e alla robotica collaborativa. Treviso, ottobre 2017t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta-Lagunare, sarà anche quest’anno partner di DIGITALmeet 2017, il più grande e diffuso festival italiano sulla cultura digitale organizzato da Fondazione Comunica e Talent Garden di Padova che dal 19 al 22 ottobre porterà in tutto il Veneto e in altre regioni italiane oltre 140 incontri e più di 300 speaker per parlare di innovazione e digitale. Grazie al sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, t2i sarà parte attiva della kermesse dedicata all’innovazione e al digitale e organizzerà 10 eventi su tutto il territorio veneto, che avranno al centro il tema del digitale nelle sue diverse declinazioni quali l’Open Innovation, la robotica collaborativa, la manifattura digitale, l’Internet of Things e i Big Data, la Cybersecurity e l’Industria 4.0. Giovedì 19 ottobre il primo appuntamento con il convegno “Open Innovation & I4.0” che si terrà a Treviso presso la sala conferenze della Camera di Commercio di Treviso-Belluno alle 15.00. L’incontro sarà l’occasione per tracciare un bilancio sul primo semestre del Piano Industria 4.0 tra dati positivi sulle imprese che aumentano la spesa in ricerca e sviluppo e il percorso verso la costituzione dei Competence Center. Venerdì 20 ottobre a Belluno presso la sala convegni della Camera di Commercio di Treviso-Belluno si terrà invece l'appuntamento “Digital Manufacturing & AR/COBOTICS”, con un approfondimento sulla manifattura digitale e la robotica collaborativa come strumenti di innovazione dei processi produttivi delle aziende. Sempre venerdì 20 ottobre a San Polo di Piave (TV), l’azienda Padoan Forme e Progetti, in collaborazione con t2i, ospiterà l’appuntamento “La gestione della relazione con il cliente 2.0” per aiutare le piccole imprese a comprendere i vantaggi di una nuova gestione della relazione con il cliente in ottica 2.0. t2i inoltre porterà DIGITALmeet nelle scuole e nei poli di innovazione di tutto il territorio veneto con incontri tematici sul digitale e sulle sue applicazioni nella vita quotidiana, nella formazione e nell’innovazione dei processi aziendali:
    • CYBERSECURITY in pillole”: giovedì 19 ottobre ore 10.30 a Paderno del Grappa (TV) presso l’Istituto Filippin
    • IOT e BIG DATA in pillole”: giovedì 19 ottobre ore 10.30 a Castelfranco Veneto (TV) presso l’IPSIA Galileo Galilei
    • IOT e BIG DATA in pillole”: venerdì 20 ottobre ore 10.30 a Feltre (BL) presso l’ITIS Negrelli Forcellini
    • Digital Manufacturing & AR/COBOTICS”: venerdì 20 ottobre ore 16.30 a Treviso presso la sede di t2i (Piazza delle Istituzioni 34/a)
    • Open Innovation&I4.0”: venerdì 20 ottobre ore 16.30 a Rovigo presso l’incubatore di t2i (Censer, Viale Porta Adige, 45)
    • Open Innovation&I4.0”: sabato 21 ottobre ore 10.30 ad Asolo presso la Fornace dell’Innovazione di Asolo
    • Open Innovation&I4.0”: sabato 21 ottobre ore 16.30 a Verona presso lo spazio 311 (Lungadige Galtarossa, 21)
    Un percorso di alfabetizzazione digitale diffuso – afferma il Presidente della Camera di Commercio di Treviso-Belluno Mario Pozzacostruito su misura verso target diversi con il preciso obiettivo di creare una nuova cultura nell'essere imprenditore e cittadino che nel digitale trova nuove soluzioni per traghettare il paese verso l'innovazione di sistema.” “DIGITALmeet è un’esperienza straordinaria per diffondere la cultura digitale tra le persone, nelle piazze, nei luoghi della nostra quotidianità – ha commentato Roberto Santolamazza, Direttore di t2i trasferimento tecnologico e innovazioneQuesto è parte della mission di t2i che ha scelto di essere partner della kermesse anche per quest’anno, portando in diverse città e scuole del Veneto incontri su temi fondamentali come l’open innovation, l’Industria 4.0 e la sicurezza sul web che costituiscono driver strategici fondamentali di sviluppo. Il digital divide che impatta sull’apprendimento, sulla ricerca e sul trasferimento tecnologico, continua ad essere uno svantaggio competitivo per il nostro paese, ed è per questo necessario promuovere e sostenere occasioni divulgative come DIGITALmeet per contribuire a colmare questo divario. Ne va della competitività del nostro paese e delle competenze del nostro capitale umano.”

    Leggi tutto »


  • Workshop – La gestione della relazione con il cliente 2.0

    data News: 13/10/2017

    Venerdì, 20 ottobre 2017 Ore: 16.30 c/o Padoan Forme e Progetti Via Tezze, 1 - 31020 - San Polo Di Piave (TV) In un mondo che cambia ed evolve sempre più rapidamente, anche le relazioni con i clienti devono evolvere per rimanere in sintonia con le esigenze del mercato. Il workshop, nell’ambito della settimana del DIGITALmeet, è dedicato alle piccole imprese per illustrare i vantaggi di una nuova gestione della relazione con il cliente in ottica 2.0. Verrà affrontata la relazione con il cliente, da un punto di vista aziendale, illustrando le ultime novità in tema di gestione delle informazioni (CRM), seguirà un focus sulle attività di promozione e marketing attraverso il web ed i canali social, per concludere con le opportunità formative con metodologie innovative per le aziende per rispondere al meglio alle esigenze aziendali. Relatori:
    • Franca Bandiera – Responsabile Formazione, t2i trasferimento tecnologico e innovazione
    • Massimiliano Anziutti - CTO beanTech
    • Fabio Sutto - Digital Strategist & Performance Marketing Specialist, Performance Based Italia
    Destinatari: Piccole e medie imprese L'evento è gratuito con prenotazione obbligatoria. ISCRIZIONI ONLINE

    Leggi tutto »


  • Interfaccia Uomo–Macchina nella fabbrica 4.0: giovedì 28 settembre a Treviso

    data News: 21/09/2017

    Comunicato stampa Al seminario di t2i trasferimento tecnologico e innovazione in collaborazione con Unindustria Treviso, interverranno gli esperti di CNR-ITIA e Fraunhofer Institute e saranno presentati i casi di studio di alcune aziende dei principali cluster della meccatronica. Treviso, 21 settembre 2017 – Che cosa sono le interfacce uomo-macchina? Come funzionano? Come è possibile migliorare l’interazione nell’ambito manifatturiero? In che modo trovano applicazione nella fabbrica 4.0? Come progettare interfacce smart e adattive per i sistemi di produzione? Attorno a queste domande ruoterà il seminario “Human-Machine Interface (HMI) and adaptive manufacturing” organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta-Lagunare, in collaborazione con Unindustria Treviso, in programma giovedì 28 settembre 2017, dalle 16.00 alle 19.00, a Treviso presso Palazzo Giacomelli (Piazza Giuseppe Garibaldi, 13). Il programma vedrà l’intervento di esperti di istituti di ricerca (CNR-ITIA, Fraunhofer IAO) e di esponenti del mondo accademico dell’Università di Modena e Reggio Emilia con la presentazione di case history di aziende dei principali cluster della meccatronica italiani ed europei. L’obiettivo è facilitare collaborazioni tecnico-scientifiche d’eccellenza e rendere concreta la trasformazione digitale per la competitività delle aziende del manifatturiero avanzato. L’appuntamento è il primo di tre seminari del ciclo “Trasformazione digitale per una fabbrica 4.0 uomo-centrica” organizzato da t2i nell’ambito del progetto europeo NUCLEI e promosso da Unindustria Treviso. I prossimi appuntamenti si terranno il 23 novembre e l’8 febbraio 2018 e saranno dedicati rispettivamente all’Internet of Things e alla robotica collaborativa nella fabbrica del futuro. Partito a luglio 2016, e della durata di tre anni, NUCLEI nasce dall’esigenza di favorire i processi di innovazione nelle industrie europee dell’automazione e meccatronica delle regioni centro-europee. Scopo di NUCLEI è quello di accelerare la trasposizione nel manifatturiero avanzato di tecnologie abilitanti fondamentali (Key Enabling Technologies – KET) in nuovi componenti e applicazioni passando da un approccio di scouting tecnologico “local-based” a un pool transnazionale di conoscenza che sostiene l’innovazione oltre i confini regionali. NUCLEI conta su un budget di 2 milioni di euro, co-finanziati dal programma Interreg Central Europe dell’UE, e coinvolge 10 partner di elevato standing nel campo della ricerca applicata e dell’innovazione, tra cui t2i. Il seminario si rivolge a imprenditori, responsabili della produzione, responsabili ricerca e sviluppo, digital transformation e innovation manager. Ulteriori informazioni e le indicazioni per iscriversi all’evento sono disponibili al link: www.t2i.it/hmi-tv  
    Di seguito il programma degli interventi Introduzione ai lavori Roberto Santolamazza, direttore generale t2i trasferimento tecnologico e innovazione Realtà Virtuale e Aumentata: tecnologie per la Fabbrica 4.0 Marco Sacco, Head of Division, Enterprise Engineering and Virtual Application (EVA) Istituto di tecnologie industriali e automazione CNR-ITIA Human Work and Interaction in the Networked Factory of the Future Matthias Peissner, Director and Head of Business Unit Human-Technology Interaction Fraunhofer Institute for Industrial Engineering IAO Interfacce smart e adattive per sistemi di produzione, il progetto H2020 INCLUSIVE Cesare Fantuzzi, Prof Ordinario, Head of the Laboratory of Automation, Robotics and System Control Università di Modena e Reggio Emilia Riconfigurare l’interazione uomo-macchina per garantire flessibilità ed efficienza, il caso SCM Giuseppe Lucisano, Industrial Group Coordinator, Comitato tecnico-scientifico Cluster Fabbrica Intelligente Consorzio Studi e Ricerche, SCM Group
    RASSEGNA STAMPA Fabbrica 4.0. L'integrazione uomo-robot - Il Gazzettino di Treviso, 27.09.2017 Interfaccia tra uomo e macchina - La Tribuna di Treviso, 22.09.2017

    Leggi tutto »


  • Workshop – Far Crescere l’economia digitale in Europa

    data News: 13/09/2017

    Strategie, buone pratiche e implicazioni per la trasformazione dell'industria Giovedì 21 settembre 2017 ore 9.00 sala Convegni Confindustria Padova via E.P. Masini 2 Padova I Digital Innovation Hub (DIH) e i Competence Centre (CC) costituiscono l’architettura fondamentale per l’implementazione della strategia europea di digitalizzazione delle imprese e del Piano Industria 4.0. Rappresentano la cerniera tra la produzione di conoscenza, le tecnologie abilitanti più avanzate e le best practices industriali, per supportare le imprese, soprattutto le PMI, nella trasformazione verso l’Industria 4.0. Questi poli tecnologici nella visione europea sono deputati anche a coordinare le iniziative regionali e favorire l’accesso ai finanziamenti europei delle imprese. L’incontro offre un’occasione per conoscere e confrontarsi sulla strategia europea per la digitalizzazione delle imprese e la sua realizzazione attraverso la testimonianza diretta di esperienze internazionali, come la piattaforma I4MS. Sarà possibile approfondire la conoscenza delle iniziative in corso di realizzazione in Veneto per la costruzione di un network di DIH e per il Competence Centre triveneto, al fine di supportare le imprese nel percorso della trasformazione digitale, anche attraverso il Piano Nazionale industria 4.0 e programmi di finanziamento dell’Unione Europea. Programma Enrico Del Sole CEO, Corvallis SpA VP Innovation and Industry 4.0 Michael Berz DG for Internal Market, Industry, Entrepreneurship and SMEs Unit GROW.F.3 KETs, Digital Manufacturing and Interoperability, Brussel, Belgio Marcel de Heide Senior Research Scientist in Economics, TNO, Delft, Paesi Bassi Rikardo Bueno Director Advanced Manufacturing Area, TECNALIA Research & Innovation, Donostia, San Sebastián, Spagna Gianni Potti Delegato Industria 4.0 e Innovazione, Confindustria Veneto Fabrizio Dughiero Prorettore ai Rapporti con le Imprese e al Trasferimento Tecnologico, Università di Padova Luciano Miotto Presidente Imesa S.p.A. Moderatore Roberto Santolamazza Managing Director t2i - I4MS Digital Innovation Hub Locandina dell'evento Iscrizione online  

    Leggi tutto »


  • Seminario: Human-Machine Interface (HMI) and adaptive manufacturing

    data News: 11/09/2017 16:00

    [vc_row][vc_column][vc_column_text]Ciclo di seminari organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione e promosso da Unindustria Treviso dal titolo "Trasformazione digitale per una fabbrica 4.0 uomo-centrica" nell'ambito del progetto Interreg NUCLEI. Attraverso la presentazione di casi di trasferimento tecnologico di applicazioni innovative, l’obiettivo è di facilitare collaborazioni tecnico-scientifiche d’eccellenza e rendere concreta la trasformazione digitale per la competitività delle aziende del manifatturiero avanzato. Link di registrazione al primo seminario: HMI and adaptive manufacturing Eventbrite - Seminario: human-machine interface (HMI) and adaptive manufacturing Video report della giornata
      Giovedì 28 settembre 2017, ore 16 Palazzo Giacomelli Piazza Garibaldi, 13, Treviso Programma e materiali 16.00 Registrazione 16.15 Roberto Santolamazza, direttore generale t2i trasferimento tecnologico e innovazione Trasformazione competitiva e digitale: dalle strategie al ruolo di Digital Innovation Hub 16.30 Marco Sacco, Head of Division, Enterprise Engineering and Virtual Application (EVA) Istituto di tecnologie industriali e automazione CNR-ITIA Realtà Virtuale e Aumentata: tecnologie per la Fabbrica 4.0 17.00 Matthias Peissner, Director and Head of Business Unit Human-Technology Interaction Fraunhofer Institute for Industrial Engineering IAO Human Work and Interaction in the Networked Factory of the Future (intervento in inglese) 17.30 Cesare Fantuzzi, Professore Ordinario, Head of the Laboratory of Automation, Robotics and System Control Università di Modena e Reggio Emilia Interfacce smart e adattive per sistemi di produzione, il progetto H2020 INCLUSIVE 17.50 Giuseppe Lucisano, Industrial Group Coordinator, Comitato tecnico-scientifico Cluster Fabbrica Intelligente Consorzio Studi e Ricerche, SCM Group Riconfigurare l’interazione uomo-macchina per garantire flessibilità ed efficienza, il caso SCM 18.15 Domande e conclusione 18.30 Aperitivo di networking   A chi è rivolto
    • imprenditori, AD
    • responsabili produzione
    • responsabili ricerca e sviluppo
    • digital transformation manager
    • innovation manager
    Settori
    • automotive
    • meccatronica e automazione
    • macchinari
    • elettrodomestici
    • HVAC
      Segreteria organizzativa Area Ricerca e Innovazione www.t2i.it/nuclei | nuclei@t2i.it | 0422 1742129 [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

    Leggi tutto »


  • Un ecosistema a sostegno delle Start-Up Veronesi

    data News: 10/04/2017

    Comunicato stampa Giovedì 13 aprile a Verona l’incontro promosso da t2i trasferimento tecnologico e innovazione, in collaborazione con UniCredit, Università di Verona e Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Verona su strumenti e prassi a supporto delle nuove idee d'impresa. Durante l’incontro la presentazione delle iniziative a sostegno delle start up "UniCredit Start Lab" e "Start Cup Veneto" Verona, 10 aprile 2017 – Un incontro per allargare il proprio punto di vista sull'innovazione; una narrazione di storie di successo in cui competenza e creatività si uniscono e danno vita a nuove prospettive che si tramutano poi in innovazione tecnologica. E infine un focus sugli strumenti dedicati, le buone prassi e la costituzione di un ecosistema favorevole allo sviluppo e al sostegno delle start-up. Sono questi i temi al centro dell'incontro "Innovazione e sviluppo per start-up: buone prassi e strumenti dedicati" (iscrizioni al link http://www.veronainnovazione.it/events/113)   organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società per l'innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare, in collaborazione con UniCredit, Università di Verona e Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Verona. L'appuntamento è per giovedì 13 aprile 2017 a Verona a partire dalle 16.45 presso UX Lab - spazio 311 Verona (Lungadige Galtarossa). Obiettivo dell'incontro è presentare attraverso gli interventi di professionisti ed esponenti del mondo accademico la rilevanza delle start up nel business contemporaneo, nonché gli strumenti e i provvedimenti che ne favoriscono lo sviluppo. In particolare verranno approfonditi aspetti quali il valore delle reti per l'innovazione e l'internazionalizzazione e le normativa sul Patent Box applicata a PMI e start-up. L'incontro sarà anche l'occasione per presentare due progetti mirati a supportare la nascita e lo sviluppo di idee d'impresa innovative - UniCredit Start Lab e Start Cup Veneto – e a raccontare la case history di successo di Diamante srl, start up innovativa guidata da Valentina Garonzi, vincitrice dell'edizione 2015 di UniCredit Start Lab e 2^ classificata all'edizione 2015 di Start Cup Veneto. In particolare, UniCredit Start Lab (www.UniCreditstartlab.eu) è il percorso di accelerazione per startup innovative, ideato da banca UniCredit. L’edizione 2017 di UniCredit Start Lab, lanciato nelle scorse settimane e le cui iscrizioni sono aperte fino al 2 maggio, si rivolge a realtà ad alto contenuto tecnologico e innovativo operanti nei 4 settori del Life Science (biotecnologie e farmaceutica, medical device, digital health care e tecnologie assistive), del Clean Tech (efficienza energetica, le energie rinnovabili, la mobilità sostenibile e il trattamento dei rifiuti), del Digital (sistemi cloud, hardware, app mobile, internet of things, servizi e piattaforme B2B e fintech) e dell’Innovative Made in Italy (agrifood, moda, design, nanotecnologie, robotica, meccanica e turismo). Start Cup Veneto (http://www.startcupveneto.it/) invece è un concorso per le migliori idee imprenditoriali innovative espresse in forma di business plan che ha come obiettivo quello di sostenere la ricerca e l’innovazione tecnologica finalizzata allo sviluppo economico. Il progetto è nato dalla collaborazione tra le Università di Verona, Vicenza, Padova e Venezia. L'edizione 2017 (preiscrizione facoltativa entro il 19 aprile e iscrizione obbligatoria entro il 19 maggio) intende stimolare la ricerca e l'innovazione tecnologica per sostenere lo sviluppo economico del territorio regionale, dando concretezza alle idee dei partecipanti e mettendoli in condizione di affrontare adeguatamente la fase di start up di una nuova impresa, non solo attraverso forme di sostegno in denaro, ma anche attraverso servizi di formazione e consulenza. Dopo i saluti introduttivi di Alessandro Ferrari, Consigliere di t2i delegato della CCIAA di Verona, e Roberto Santolamazza, direttore di t2i, interverranno: Anilkumar Dave, Responsabile area Servizi per l'Innovazione, Ricerca e Sviluppo di t2i “Il valore delle reti per l’innovazione e l’internazionalizzazione” Davide Zorzi, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Verona “Giovani imprenditori e nuova imprenditorialità” Marco Ghelli, membro dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona “La normativa sul Patent Box applicata alle PMI e Startup” Renzo Chervatin e Antonio Bassi, Territorial Development Manager Region Nord Est di UniCredit “Presentazione UniCredit StartLab” Mario Pezzotti, delegato del rettore alla Ricerca scientifica e al Trasferimento tecnologico dell’Università di Verona “Presentazione StartCupVeneto ed. 2017” Valentina Garonzi, AD di Diamante srl “Testimonianza di una start-up innovativa vincitrice UniCreditStartLab ed. 2015 e 2° classificata StartCupVeneto ed. 2015” RASSEGNA STAMPA Start-up, l'innovazione "è leva per la crescita" - L'Arena, 14.04.2017 Università, t2i e Uicredit: l'alleanza per le startup - Corriere di Verona, 14.04.2017 Le nuove start-up tra sviluppo e innovazione - La Cronaca di Verona, 12.04.2017 Allo Spazio 311 incontro su start-up e Patent Box - L'Arena, 12.04.2017 Il 13 aprile l'incontro "Innovazione e sviluppo per start-up: buone prassi e strumenti dedicati" - Veronasera.it, 10.04.2017

    Leggi tutto »


  • Tutela della Proprietà Industriale: un vantaggio competitivo per le imprese

    data News: 7/04/2017

    Comunicato stampa Lunedì 10 aprile a Treviso il workshop di t2i trasferimento tecnologico e innovazione Treviso, 7 aprile 2017 – Come proteggere i brand aziendali? Quali gli strumenti a disposizione? Quali gli asset aziendali da tutelare? Come accedere a strumenti di finanza e tassazione agevolata? In che modo la tutela degli asset strategici può diventare un driver di competitività? Attorno a queste domande ruota il workshop "La tutela della proprietà industriale per passare da industria 3.0 a 4.0" organizzato da t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società per l'innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare, e promosso da INTA (International Trademark Association) e De Tullio & Partners, studio di consulenza legale e tecnica. L'appuntamento è per lunedì 10 aprile 2017 a partire dalle ore 14.30 a Treviso presso la sede t²i (Piazza delle Istituzioni, 34/a). Nell'attuale mercato globalizzato, caratterizzato da una sempre più pressante e ampia concorrenza, i diritti di proprietà industriale possono rappresentare un importante vantaggio competitivo per le aziende. Sempre più imprese del settore high-tech vedono nei propri brand e nei relativi marchi d'impresa degli asset aziendali valorizzabili a bilancio e veicoli per accedere a strumenti di credito e tassazione agevolata come il "Patent Box". Lo stesso vale per i segreti commerciali, i cosiddetti "trade secrets", come stabilito dalla Direttiva europea sulla protezione del know how e delle informazioni commerciali riservate contro l'acquisizione, l'utilizzo e la divulgazione illeciti, entrata in vigore a luglio 2016. Dalla voce di professionisti ed esperti, l'incontro sarà l'occasione per approfondire alcuni temi quali la brand protection, i segreti commerciali, knowledge&technology intelligence e i nuovi servizi ad alto valore aggiunto che rappresentano asset strategici su cui le imprese sia di piccole che di grandi dimensioni possono costruire nuovi elementi di competitività e favorire il passaggio al paradigma dell'industria 4.0. Dopo i saluti di Roberto Santolamazza, Direttore di t2i, interverrà Milesh Gordhandas, Advisor esperto dell'Ufficio europeo e membro di International Trademark Association (INTA) per illustrare l'attività della più grande associazione internazionale di brand-owners e consulenti nata con lo scopo di sostenere i detentori di diritti in azioni di advocacy e supporto nella protezione e promozione dei propri brand a livello internazionale. A seguire gli interventi di Elisa Toniolo, responsabile dell'area "Marchi, brevetti e normativa tecnica" di t2i, con un focus sugli strumenti di valutazione della proprietà intellettuale per aumentare il vantaggio competitivo delle imprese e di Elio De Tullio, Managing Partner dello studio Tullio&Partners, con un approfondimento sulla brand protection e i trade secrets come leve competitive per le imprese high tech. Il workshop si concluderà con l'intervento di Anilkumar Dave, responsabile area Ricerca e Innovazione di t2i, che fornirà una panoramica dei servizi innovativi a valore aggiunto per l'Industria 4.0. Il workshop è gratuito, per partecipare è necessario iscriversi online entro il 09/04/2017 al seguente link: http://www.t2i.it/eventi/?ID=589    RASSEGNA STAMPA Tutela della proprietà industriale, un vantaggio competitivo per le imprese - TrevisoToday.it, 07.04.2017 Industria 4.0 e tutela della proprietà industriale. A Treviso seminario gratuito - Venetoeconomia.it, 07.04.2017 [gallery size="medium" link="file" columns="2" ids="19965,19966,19967,19968,19969,19970,19964"]

    Leggi tutto »


  • DesAlps: MEET & MATCH forum – Together we move mountains!

    data News: 27/03/2017

    Il 21-22 marzo 2017, t2i, come capofila del progetto DesAlps –Design Thinking for a Smart Innovation Ecosystem in the Alpine Space ha partecipato al MEET & MATCH forum - Together we move mountains! a Milano, organizzato dal Programma Spazio Alpino in vista dell’apertura della terza call per la presentazione di progetti. All’incontro erano presenti circa 250 persone, rappresentanti di istituzioni pubbliche e private che per due giorni, attraverso keynote, workshop e casi pratici hanno potuto apprendere gli ultimi progressi dei progetti approvati nella prima e nella seconda call (come DesAlps) e sentire in anteprima le prossime idee progettuali. Tra le altre cose, il forum si è focalizzato sulla strategia europea per la regione alpina (EUSALP), e su sinergie e fonti di finanziamento per raggiungere gli obiettivi comuni per le regioni dell’arco alpino. Il forum è stato organizzato per affrontare in maniera innovativa i quattro obiettivi strategici del territorio alpino: innovazione sostenibile, low carbon economy, migliore governabilità, valorizzazione e protezione del territorio. Il primo giorno, seguendo le istruzioni del format "la mia montagna", i partecipanti hanno identificato delle sfide comuni per l’area alpina, seguendo gli obiettivi specifici del programma;  Il secondo giorno, i partecipanti hanno lavorato in piccoli gruppi per sviluppare la loro “catena montuosa” di idee innovative per affrontare le sfide comuni  individuate il giorno prima. Fabiana Mei, project manager di t2i ci racconta: “E’ stato un momento di confronto molto stimolante. Come sempre il programma Spazio Alpino è particolarmente attento alle sinergie tra progetti e tra i programmi europei e le attività di brainstorming di gruppo sono sempre fondamentali per individuare, in un contesto di grande collaborazione, strategie condivise per affrontare le sfide del territorio. Inoltre ci fa particolarmente piacere il fatto che la metodologia utilizzata per i workshop sia stata proprio quella del Design Thinking, il tema focus del nostro progetto: ci rende fiduciosi di avere individuato la metodologia giusta per supportare le aziende in un percorso di innovazione creativa e sostenibile”. I dettagli e i risultati dell’evento si trovano nel sito di Programma. [gallery link="none" size="full" columns="1" ids="19892,19893,19894"]

    Leggi tutto »


  • Sai cos’è il Design Thinking? Noi te lo spieghiamo

    data News: 14/03/2017 11:30

    Il Design Thinking è una metodologia di problem solving che applica i procedimenti del design (in particolare quelli centrati sull’utente) alla risoluzione di problemi in tutti gli ambiti aziendali, dalla creazione di prodotti o servizi fino alla definizione o innovazione del modello di business. Non si implementano quindi cambiamenti strutturali, ma ci si focalizza sugli aspetti organizzativi interni e sulla conoscenza approfondita dei bisogni dell’utente. Il progetto DesAlps indaga le opportunità presenti nell’ecosistema dell’innovazione per inserire questa metodologia nei servizi di supporto alle imprese dello Spazio Alpino. Se ti abbiamo incuriosito qui trovi alcune informazioni in più sul Design Thinking (in inglese) http://www.richmedia-plus.de/shows/present/se58cc5ca94270acaceed13bc82dfedf7/?ipad Sito di progetto: http://www.alpine-space.eu/projects/desalps/en/home

    Leggi tutto »


  • Bando – Investire in tecnologie abilitanti per il manifatturiero avanzato: candida la tua azienda per partecipare da protagonista

    data News: 15/03/2017

    Dal 15 marzo al 5 maggio 2017, le aziende dell’indotto manifatturiero possono candidarsi per definire un percorso di innovazione che coinvolge esperti, centri di ricerca, università ed aziende. L’obiettivo, attraverso la facilitazione di collaborazioni tecnico- scientifiche d’eccellenza, è di favorire il trasferimento tecnologico di soluzioni innovative in diversi ambiti (Robotics, Electronics, ICT, Modeling and Simulation). Il contesto transnazionale in cui si inseriranno i seminari e le tavole rotonde, progettati attorno a temi specifici condivisi con le imprese che andranno a candidarsi, vede rappresentati i più importanti cluster industriali della meccatronica e dell’automazione del centro Europa.   Maggiori informazioni e modalità di adesione: Documento di approfondimento sul progetto, i servizi e i benefici per i partecipanti Comunicato stampa Le aziende dovranno candidarsi mediante il seguente form online entro il 5 maggio 2017

    Leggi tutto »


  • t2i: nasce il primo Digital Innovation Hub del Triveneto riconosciuto dall’Unione Europea

    data News: 2/03/2017

    Presentato oggi il percorso di t2i e Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, per creare nel Triveneto una rete di sportelli per favorire la digitalizzazione della manifattura Treviso, 2 marzo 2017t2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare, sostenuta da Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici (CSIT),  ha ottenuto la qualifica come primo Digital Innovation Hub (DIH) del Triveneto riconosciuto dall’Unione Europea, nell’ambito del programma I4MS (ICT Innovation for Manufacturing SMEs) che promuove la digital transformation delle aziende manifatturiere. Il percorso, avviato in collaborazione con CSIT, porterà alla creazione di una rete diffusa di sportelli nel Triveneto per favorire la digitalizzazione della manifattura in linea con i principi dell’Industria 4.0. Il progetto è stato presentato oggi a Treviso presso la sede di t2i alla presenza di Roberto Marcato, Assessore alle Attività Produttive della Regione Veneto, Mario Pozza, Presidente della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, Roberto Crosta, Segretario Generale della Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare, Gianni Potti, Presidente del Comitato Nazionale di Coordinamento Territoriale di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici e Roberto Santolamazza, Direttore di t2i trasferimento tecnologico e innovazione. Il Digital Innovation Hub europeo di t2i è il primo del Triveneto e il sesto in Italia attivato in collaborazione con Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici – gli altri in Puglia, Lazio, Marche, Emilia Romagna e Piemonte – e fa parte di una rete di 39 DIH in tutta Europa, voluti e finanziati dalla Commissione Europea nell’ambito del programma I4MS per portare innovazione nelle aziende e nelle PMI manifatturiere. t2i è stato riconosciuto come Digital Innovation Hub nella rete europea in base all’esperienza sviluppata in progetti di innovazione e Ricerca&Sviluppo, a cui ha portato alcune aziende del territorio, sulla base di tre ambiti di specializzazione: HPC- High Performance Computing (simulazioni online di calcolo distribuito con uso intensivo di risorse computazionali), Cyber Physical System (sistemi robotici avanzati di tipo collaborativo o autonomo a supporto dell’operatore) e l’Internet of Things (supporto al primo miglio dell’IoT per PMI e sviluppo di piccole applicazioni aziendali). In particolare, il percorso che ha portato al riconoscimento di t2i come Digital Innovation Hub è il risultato dell’impegno di t2i come promotore dell’innovazione, non solo digitale. Grazie a prestigiosi progetti europei, il laboratorio NeroLuce di t2i ha sviluppato delle competenze digitali al servizio dell’innovazione nell’ambito dell’usabilità, della realtà aumentata, del design funzionale, della computazione parallela e dei servizi per l’internet delle cose. Accordi ed iniziative con molti istituti, come il CINECA di Bologna, la Fondazione Bruno Kessler di Trento o l’Università di Pisa, hanno inoltre permesso di sviluppare servizi ad alto valore aggiunto. Le altre componenti qualificanti di t2i sono state le attività di formazione delle competenze digitali, il riconoscimento come ente di ricerca e la qualifica di incubatore certificato per start-up innovative. t2i ha inoltre avuto un ruolo importante nel supportare la nascita degli altri DIH italiani in collaborazione con il coordinamento nazionale di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici e attualmente è impegnata nello sviluppo di tematiche come la robotica collaborativa e il Data Science per le imprese. “Esprimo il mio apprezzamento per il lavoro svolto per promuovere la digital transformation delle aziende manifatturiere – ha dichiarato Gianluca Forcolin, Vice Presidente della Regione Veneto con delega all’Agenda DigitaleIl processo di diffusione delle nuove tecnologie è sicuramente un valore aggiunto e le istituzioni hanno il compito di aiutare a far propri nuovi modelli. L’innovazione tecnologica è infatti uno degli assi portanti della nuova programmazione europea. Occorre favorire un nuovo approccio imprenditoriale a questa materia e sfruttare fino in fondo tutte le opportunità per favorire sia un modo nuovo di fare impresa, sia le occasioni di occupazione per i giovani. Innovare è una sfida che riguarda anche la pubblica amministrazione ed è una strada che stiamo facendo insieme, anche grazie all’Agenda Digitale, per essere in grado di dare risposte puntuali alle esigenze del mondo delle imprese e del territorio.” “t2i, strumento delle Camere di Commercio, è espressione del lavoro di messa in rete del sistema camerale. Grazie a questa azione congiunta t2i si mette a disposizione delle imprese in ambito d’innovazione tecnologica. Bene il riconoscimento a Digital Innovation Hub da parte della commissione europea per rafforzare il lavoro di accompagnamento alle imprese nella digitalizzazione dei processi – afferma il presidente della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, Mario Pozza” “L’intesa tra t2i e CSIT per la nascita del primo Digital Innovation Hub del Triveneto – ha aggiunto Gianni Potti, Presidente del Comitato Nazionale di Coordinamento Territoriale di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologiciè fondamentale perché la trasformazione digitale ha come fattore competitivo lo sviluppo di servizi a valore aggiunto e la creazione di nuovi modelli di business attraverso la cosiddetta servitization, cioè la forte integrazione tra manifatturiero e servizi innovativi e tecnologici. L’obiettivo del DIH di t2i, attraverso la rete di sportelli sul territorio che andremo a costruire, sarà proprio quello di fare modo che il patrimonio industriale del Triveneto, composto in larga parte da PMI, possa cogliere appieno le opportunità della trasformazione digitale 4.0.” “Siamo orgogliosi che t2i sia stato riconosciuto come primo Digital Innovation Hub del Triveneto – ha concluso Roberto Santolamazza, Direttore di t2it2i è una struttura tecnica e con questo riconoscimento sono stati premiati l’expertise e il know how che la nostra società ha saputo creare negli anni anche grazie alle collaborazioni e all’inserimento in network di eccellenza europei e internazionali. La particolarità del Digital Innovation Hub di t2i sarà proprio quella di essere radicato sul territorio, ma saldamente inserito in una rete europea nella quale gli ecosistemi dell'innovazione industriale, formati da imprese, scienziati, investitori, università, possono rafforzarsi reciprocamente. Il DIH di t2i non sarà in contrasto con altre strutture nascenti, ma al contrario intende essere uno snodo del network di DIH e avere un ruolo di interfaccia con i Competence Center, con una chiara specializzazione orientata alla digitalizzazione dei processi nel settore manifatturiero.” Comunicato stampa in pdf I Digital Innovation Hub dell’iniziativa I4MS   RASSEGNA STAMPA E con i Digital Hub il Veneto rischia i campanili 4.0: "Subito una regia" - Corriere del Veneto, 04.03.2017 A Treviso nasce il primo digital hub del Triveneto - Cronaca del Veneto, 04.03.2017 Metamorfosi per Industry 4.0 - Milano Finanza Nordest, 04.03.2017 Perché i Digital Hub sono il primo strumento concreto per evangelizzare le Pmi italiane - AgendaDigitale.eu, 03.03.2017 Debutta t2i, polo digitale per le piccole medie imprese - Il Gazzettino, 03.03.2017 Digitale e start-up. Treviso frontiera dell'innovazione - Il Gazzettino di Treviso, 03.03.2017 E' una battaglia decisiva, il Nordest può morire - Il Gazzettino di Treviso, 03.03.2017 H-Farm l'altra frontiera - Il Gazzettino di Treviso, 03.03.2017 Le vie della banda ultralarga - La Nuova di Venezia e Mestre, 03.03.2017 Il primo hub digitale per imprese 4.0 - La Tribuna di Treviso, 03.03.2017 Un grande passo in Europa di Gianni Potti - La Tribuna di Treviso, 03.03.2017 Ecco il terzo Hub digitale - Corriere del Veneto, 03.03.2017 ICT: t2i, primo Digital Innovation Hub del Triveneto riconosciuto da UE - Adnkronos/Labitalia, 03.03.2017 A Treviso il nuovo polo per la trasformazione digitale delle aziende - Radio Veneto Uno, 02.03.2017 Il Nordest protagonista della rivoluzione digitale di Roberto Santolamazza - La Tribuna di Treviso, 02.03.2017 Rivoluzione digitale una rete per lo sviluppo delle imprese a Nordest di Roberto Santolamazza - Il Gazzettino, 02.03.2017 A Treviso nasce il primo digital hub del Triveneto - Nordesteconomia.it, 02.03.2017 t2i, il primo digital innovation hub del Triveneto - OggiTreviso.it, 02.03.2017 T2i promuove il primo Digital Innovation Hub del Triveneto riconosciuto dalla UE - Venetoeconomia.it, 02.03.2017 4.0: nasce t2i, il Digital Innovation Hub del triveneto riconosciuto dalla UE - VeneziePost.it, 02.03.2017 Industria 4.0: al via a Treviso Digital Innovation Hub t2i - ANSA, 02.03.2017 Impresa 4.0. Un progetto con t2i - La Tribuna di Treviso, 01.03.2017   [gallery size="medium" link="none" ids="19728,19730,19731,19732,19733,19734,19735,19736,19729"]

    Leggi tutto »


  • T2i a supporto della meccatronica, avviato il progetto NUCLEI

    data News: 20/12/2016

    Tecnologie e servizi innovativi per il manifatturiero avanzato nel progetto NUCLEI. Il progetto NUCLEI, partito a luglio 2016 e della durata di tre anni, nasce dall’esigenza di favorire i processi di innovazione nelle industrie europee dell’automazione e meccatronica delle regioni centro-europee. Scopo di NUCLEI è quello di accelerare la trasposizione nel manifatturiero avanzato di tecnologie abilitanti fondamentali (Key Enabling Technologies – KET) in nuovi componenti e applicazioni passando da un approccio di scouting tecnologico “local-based” a un pool transnazionale di conoscenza che sostiene l’innovazione oltre i confini regionali. L’incontro di kick-off si è tenuto il 26 Settembre a Modena presso la sede del capofila CRIT. Il giorno successivo CNH Italia ha ospitato un workshop di confronto sul tema dell’open innovation e sui trend tecnologici organizzato da NUCLEI, al quale hanno partecipato aziende provenienti da regioni e cluster dei partner di progetto. Il primo meeting tecnico è stato ospitato da Clusterland Upper Austria a Linz il 13 Dicembre, seguito da un tour del Linz Centre of Mechatronics. Le prossime attività, a seguito dell’identificazione di priorità tecnologiche e metodologie condivise, vedranno l’organizzazione di seminari e tavoli di lavoro al fine di promuovere un ambiente collaborativo transnazionale fra cluster, aziende e centri R&S nei settori automotive, elettrotecnica, IT, robotica e automazione. L’obiettivo è anche quello di definire priorità da condividere con i manager delle Smart Specialization Strategy (S3) regionali. NUCLEI conta su un budget di 2 milioni di euro, co-finanziati dal programma Interreg Central Europe dell’UE, e coinvolge 10 partner nel campo della ricerca applicata e dell’innovazione: CRIT Centre of Research and Technological Innovation s.r.l. (IT, capofila), BIZUP Clusterland Upper Austria (AT), t2i - Technology Transfer and Innovation s.c.a r.l. (IT), Cluster AT+R Automation Technology and Robotics z.p.o. (SK), Wroclaw University of Technology (PL), CMAB Cluster Mechatronik & Automation Bayern e.V. (DE), ITQ GmbH (DE), Czech Technical University in Prague (Rep. Ceca), ASTER s.c.p.a. (IT) e Steinbeis Innovation GmbH (DE). [caption id="attachment_19248" align="alignnone" width="300"]Partner del progetto NUCLEI durante la visita in CNH Italia. Partner del progetto NUCLEI durante la visita in CNH Italia.[/caption] Per maggiori informazioni ed adesioni al progetto: Presentazione progetto NUCLEI (pdf) http://www.t2i.it/innovazione-ricerca-finanziamento/networking-ricerca-trasferimento-tecnologico/progetti-innovativi/nuclei/ http://www.interreg-central.eu/Content.Node/NUCLEI.html

    Leggi tutto »


  • Innovazione per le PMI: a Venezia la 15^ edizione di IEF International Entrepreneurship Forum

    data News: 14/12/2016

    iefIl 14 dicembre si è tenuta all’Isola di San Servolo la conferenza di tre giornate organizzata dal network mondiale INSME ed Essex Business School. Insieme agli oltre 50 ricercatori, policy maker e manager da tutto il mondo, nel panel dei relatori anche t2i. Generare nuove idee, visioni strategiche e scambio di pratiche efficaci per definire una roadmap globale nell’indirizzare e supportare - attraverso servizi concreti - l’innovazione continua nelle piccole imprese come driver principale verso i mercati globali. E’ stato questo l’obiettivo della 15^ edizione di IEF - International Entrepreneurship Forum partito il 14 dicembre, a Venezia presso l’Isola di San Servolo che ha visto riunirsi fino a venerdì 16 dicembre ricercatori, policy maker e manager non solo europei che si sono confrontati sulle strategie di innovazione e internazionalizzazione delle PMI. Sono stati oltre 50 i relatori che hanno partecipato ai panel della tre giorni veneziana; tra questi anche t2i Trasferimento Tecnologico e Innovazione, la società consortile per l’innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare. Oltre all’intervento nel panel, t2i ha presentato in una sessione demo dedicata le attività del progetto europeo Openisme, di cui è capofila e unico partner italiano. Il progetto è nato con lo scopo di creare nuovi strumenti per supportare e facilitare l’innovazione nelle piccole e medie imprese, semplificando e rendendo più agevole il contatto e la collaborazione tra PMI, Università e Centri di Ricerca. La conferenza internazionale è stata organizzata da INSME, maggiore network mondiale di agenzie e service provider per l’innovazione per le PMI che comprende 84 Membri in 37 paesi di 4 continenti, ed Essex Business School – University of Essex, con il sostegno di numerosi partner prestigiosi tra cui OCSE – con il suo LEED Programme. t2i ha contribuito all'iniziativa in qualità di membro di INSME. La demografia, la globalizzazione dei mercati - non solo di sbocco ma anche di acquisto di competenze e tecnologie -, l’accelerazione tecnologica e il complesso panorama del contesto finanziario non permettono a nessuna impresa di rimandare scelte strategiche che devono mirare alla sostenibilità innanzitutto economica, inevitabilmente con radici nell’ecosistema locale. Focus particolare dell’appuntamento è stato quindi dato alla ricerca, attraverso benchmark internazionali, degli elementi chiave che permettono di attivare un ecosistema, con meccanismi virtuosi di partnership pubblico-private tra stakeholder, policy maker e imprese. La presenza di alcuni fondi e banche di sviluppo dell’area mediorientale ha testimoniato inoltre la rilevanza che i nostri sistemi produttivi locali e distrettuali hanno ancora oggi, pur richiedendo urgentemente meccanismi di finanza completamente nuovi, che considerino il potenziale economico dell’impresa e il complesso del suo capitale intangibile, superando gli schemi del credito tradizionale. Un appuntamento che, vista la rilevanza delle scelte e delle traiettorie evolutive compiute dalle PMI nello scenario economico globale, ha reso la scelta dell’Italia e del Nordest, ancora più rilevante proprio per gli scenari, completamente nuovi e turbolenti, che i sistemi produttivi locali stanno affrontando ormai da lungo tempo. Tutte le informazioni sull’evento sono disponibili al link: ‎http://www.iefconference.com/   RASSEGNA STAMPA Comunicato stampa Innovazione delle Pmi - Il Gazzettino di Venezia Mestre, 15.12.2016 A Venezia tre giorni sull'innovazione con IEF - International Entrepreneurship Forum - Venetoeconomia.it, 14.12.2016

    Leggi tutto »


  • Il filo rosso del design un valore per l’economia produttiva del Nordest

    data News: 18/11/2016

    Comunicato stampa t2i - trasferimento tecnologico e innovazione S.c.a r.l.     adi       fabrica Martedì 22 novembre Fabrica ospiterà il workshop gratuito organizzato da ADI Veneto e Trentino Alto Adige in collaborazione con t2i - Trasferimento Tecnologico e Innovazione. Insieme a Roberto Pezzetta (Compasso d’Oro alla Carriera), in mostra i recenti successi del design del Veneto e del Trentino Alto Adige Treviso, 18 novembre 2016 – Produzione industriale, innovazione e tecnologia unite da un filo rosso al design, una contaminazione che costituisce una leva competitiva da cui le imprese non possono più prescindere. E proprio il valore del design nell’economia produttiva del Nordest italiano sarà il tema del workshopLe Fil Rouge” organizzato da ADI Veneto e Trentino Alto Adige in collaborazione con t2i Trasferimento Tecnologico e Innovazione, società consortile per l'innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare. L’appuntamento è in programma martedì 22 novembre 2016 presso Fabrica, il centro di ricerca sulla comunicazione di Benetton Group, a Catena di Villorba, a partire dalle ore 15.00. Una mostra illustrerà i più recenti successi del design del Veneto e del Trentino Alto Adige, presentando i premi ricevuti al XXIV Compasso d'Oro ADI da designer, ricercatori e prodotti del territorio. Sarà l’occasione per presentare la storia del designer Roberto Pezzetta (Compasso d’Oro alla Carriera) e di Eleonora Toniolo, che si è distinta nel premio con la Targa Giovani. Nella mostra verranno inoltre esposti i prodotti che hanno ottenuto Menzioni d’Onore nell’ultima edizione del premio. Seguirà una presentazione dedicata al tema “ADI e il Compasso d’Oro: il significato dei premi internazionali di design”, a cui parteciperanno Luciano Galimberti, Presidente di ADI, Paolo Favaretto e Roberto Santolamazza, membri del direttivo ADI Veneto e Trentino Alto Adige, e Alex Terzariol, membro del comitato esecutivo ADI e delegato all’internazionalizzazione. In chiusura la tavola rotondaDesign: leva competitiva di innovazione” a cui prenderanno parte: Paolo Collini, rettore dell'Università di Trento, con un intervento sul valore economico del design per le imprese del Nordest,  Carlo Bagnoli professore dell'Università Ca’ Foscari di Venezia che approfondirà il tema del valore strategico del design per la competitività delle aziende, Alberto Bassi docente dell’Università IUAV di Venezia il cui intervento si focalizzerà sul significato del design per l’innovazione e Giorgia Zanellato, designer di Fabrica, con un intervento  sulle modalità di comunicazione de Design con un approfondimento sul metodo creativo tra distretto e internazionalità. Per registrazione e maggiori informazioni, clicca qui Rassegna stampa Un solo fil rouge, i successi del design - Il Gazzettino di Treviso, 22.11.2016 Industria, innovazione e valore del design. Incontro con il Compasso d'Oro a Fabrica - La Tribuna di Treviso, 22.11.2016 "Le Fil Rouge" Workshop alla Fabrica - Corriere del Veneto, 22.11.2016 Il filo rosso del design un valore per l’economia produttiva del Nordest - Treviso Today, 21.11.2016

    Leggi tutto »


  • T2i al Digital Italy Summit 2016: per una strategia nazionale dell’Innovazione Digitale

    data News: 21/11/2016

    Logo_Openisme-150T2i è stata presente come sponsor al "Digital Italy Summit 2016: per una Strategia Nazionale dell’Innovazione Digitale", il 22-23 novembre a Roma. A un anno dall’incontro di Venaria, in cui il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha dato un segnale forte per accelerare la crescita digitale del nostro Paese, il “Digital Italy Summit 2016” ha proposto alla Pubblica Amministrazione, all’Industria, all’Economia, al Governo, all’Università e alla Ricerca un primo momento di verifica e di discussione sui progressi fatti e sulle sfide che ci attendono. Il cambiamento indotto dal digitale è profondo e pervasivo: le imprese e le organizzazioni pubbliche devono diventare piattaforme di servizi attraverso ecosistemi digitali che ridisegnano modelli di business e interi settori dell’economia. Il convegno è stato promosso da The Innovation Group in collaborazione con Agid, Assinform, Confindustria Digitale, Fondazione Astrid e Gruppo Maggioli, con il sostegno di un gruppo di prestigiosi partner e con il contributo scientifico di un Advisory Board, composto da 40 tra i più autorevoli esperti e protagonisti del mondo digitale. Nel corso del convegno è stato presentato il Rapporto “Digital Italy 2016”, edito e distribuito da Maggioli Editore, in cui sono raccolte le conclusioni e le raccomandazioni dei sei tavoli di lavoro e i contributi dei coordinatori. T2i ha presentato il progetto OPENiSME, che mira a rendere disponibili alle PMI tecnologie attualmente di uso esclusivo di grandi aziende, permettendo di trovare esperti partendo da un database di oltre 500 milioni di paper scientifici e di entrare così in contatto con oltre 10 milioni di ricercatori in tutto il mondo. La piattaforma OPENiSME è attualmente disponibile gratuitamente per le PMI italiane, mettendosi in contatto con l’area “Ricerca e Trasferimento Tecnologico” di t2i (openisme@t2i.it). Rassegna stampa La sfida digitale per il mondo delle PMI di Anilkumar Dave su Corriere Comunicazioni

    Leggi tutto »


  • Il mio collega robot: le due facce positive della robotica per le aziende

    data News: 25/10/2016

    Comunicato stampa   t2i - trasferimento tecnologico e innovazione S.c.a r.l.     bnp IIT, CNR e Centro Piaggio: giovedì 27 ottobre a Castelfranco Veneto le eccellenze italiane della robotica nel workshop organizzato da t2i Trasferimento Tecnologico e Innovazione e dall'azienda BNP srl. Treviso, 25 ottobre 2016 - Internet of things, digital factory, sistemi cyber-fisici: le fabbriche con macchine connesse capaci di modificare i modelli produttivi della tradizione manifatturiera sono il paradigma dell'Industria 4.0 in cui i robot diventano collaborativi condividendo lo spazio di lavoro con l'uomo. Per approfondire i vantaggi che si possono ottenere da una collaborazione diretta tra uomo e robot nei processi produttivi, t2i - Trasferimento Tecnologico e Innovazione, società consortile per l'innovazione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare, e BNP srl, azienda veneta specializzata nello studio e sviluppo di soluzioni ergonomiche avanzate per migliorare la qualità delle postazioni di lavoro in ambito industriale, organizzano il workshop "Il mio collega robot. Tecnologia che supporta l'uomo, non lo sostituisce". L'appuntamento è per giovedì 27 ottobre 2016 a Castelfranco Veneto (Treviso) presso la sala convegni di Ferrowine. Interverranno esperti di centri di ricerca che rappresentano l'eccellenza a livello nazionale nel campo della robotica, come l'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, il CNR di Milano e il Centro "E. Piaggio" dell'Università di Pisa. Verrà inoltre presentato il caso aziendale di Anodica Trevigiana, realtà d’eccellenza veneta che, in collaborazione con BNP srl, ha iniziato ad utilizzare la robotica collaborativa come strumento per migliorare i propri processi produttivi. Due le facce (entrambe positive) delle applicazioni della robotica per le aziende, che il workshop intende portare alla luce. Da un lato, la robotica collaborativa è sinonimo di flessibilità, produttività e immediatezza, ma anche di dubbi e paure dovute alla poca applicabilità di queste tecnologie in contesti industriali tradizionali. Il seminario intende invece dimostrare come l'ampio spettro delle applicazioni robotiche, quella collaborativa in primis, sia di facile accesso anche per aziende non di grandi dimensioni e porti vantaggi concreti mantenendo comunque la centralità dell'operatore umano. Dall'altro lato, la robotica avanzata, la scienza che studia robot con spiccate caratteristiche di autonomia che operano in ambienti non strutturati o scarsamente strutturati, non pone limiti alle applicazioni. Il seminario intende dunque esplorare alcuni aspetti quali l’intelligenza artificiale e l’auto-apprendimento dei robot, su cui si stanno concentrando sempre più le ricerche nel campo della robotica. Obiettivo della giornata è dunque fornire alle imprese una visione a 360° sul mondo della robotica collaborativa ed avanzata, attraverso la voce dei massimi esperti del settore per fare in modo che le imprese non si trovino impreparate al cambiamento, ma ne facciano parte. Per ulteriori informazioni http://www.t2i.it/eventi/ RASSEGNA STAMPA ICT: collaborazione e flessibilità, robot diventa migliore collega di lavoro - Adnkronos, 27.10.2016 Il rapporto tra l'uomo e il robot - Il Gazzettino di Treviso, 26.10.2016 "Il mio collega è un robot" seminario a Castelfranco - La Tribuna di Treviso, 26.10.2016 Castelfranco. Workshop sui robot - Treviso Press, 26.10.2016

    Leggi tutto »


  • Arriva “Rovi-Go! Card” per far crescere la competitività delle attività commerciali di Rovigo

    data News: 20/10/2016

    Comunicato stampa innovative-tradelab-150Da venerdì 21 ottobre attivabile la card che premia l’esperienza d’acquisto dei cittadini presso 9 attività commerciali del centro di Rovigo. L’iniziativa ideata nell’ambito di “Innovative TradeLab” il progetto promosso da ASCOM Servizi Padova e t2i - Trasferimento Tecnologico e Innovazione. Rovigo, 20 ottobre 2016 – Sarà attivabile da domani, venerdì 21 ottobre, Rovi-Go! Card”, l’iniziativa promozionale promossa da 9 attività commerciali del centro di Rovigo e nata contestualmente al progetto Innovative TradeLab, promosso da ASCOM Servizi Padova e t2i - Trasferimento Tecnologico e Innovazione. Il laboratorio, espressione delle strategie della Regione Veneto nell'ambito della crescita della competitività d’impresa e della valorizzazione del capitale umano in essa presente, è sviluppato con professionisti operanti nel territorio polesano. Rovi-Go! Card sarà promossa in occasione della tradizionale fiera rodigina d’ottobre (22-25.10.2016) e già distribuita e attivabile a partire da venerdì 21 ottobre. Si tratta di un servizio di raccolta punti con premi in palio offerto ai cittadini per agevolare e incrementare la loro esperienza d'acquisto presso alcune delle attività commerciali del centro di Rovigo e per creare e sostenere un'identità commerciale tra le attività imprenditoriali partecipanti al progetto. La card rimarrà attivabile e usufruibile fino al 31.12.2016 per la raccolta punti presso le attività commerciali aderenti: Melograno Eco Boutique, Affetteria Cantina 22, Maison Tada, Ecosmile, Libreria CAlibrì, Roverella 14, Enoteca DivinHO, DEcanter Wine & Coffee Bar, Caffetteria Bar Commenda. Ad ogni acquisto, con una spesa minima indicata dalla singola attività, corrisponderà un timbro sulla card. È possibile ricevere uno ed un solo timbro dall’attività in cui il cliente effettuerà l’acquisto. Al raggiungimento dei nove timbri, corrispondenti ad altrettanti singoli acquisti nelle attività commerciali aderenti, il cliente potrà scegliere l’attività presso cui ritirare il premio esclusivamente dal 01.01.2017 al 31.01.2017. Rovi-Go! Card è il primo risultato raggiunto nell'ambito del Progetto Innovative TradeLab, traduzione di una strategia volta alla comprensione del cliente, dei suoi bisogni e all'offerta di una soluzione adeguata. Il progetto, per struttura e contenuti, è un percorso che accoglie e accompagna le attività commerciali partecipanti nella autoanalisi e formazione. Il fine è di accrescere le competenze per formulare gli obiettivi che desiderano raggiungere analizzando la loro misurabilità ed effettiva realizzazione. Creare identità commerciale tra le attività partecipanti significa voler trasmettere ai clienti un messaggio di dialogo e integrazione con la città per apportare maggiore qualità e valore in essa per la cittadinanza. Creare con il cliente un rapporto di fiducia e stima duraturo e proficuo, porta in modo naturale alla crescita nel cliente di consapevolezza del vivere la propria città e di usufruire dei servizi a disposizione. Da un ascolto attivo della clientela e dal suo coinvolgimento emotivo, le attività commerciali partecipanti al progetto Innovative TradeLab si sono poste come scopo primario la soddisfazione dei propri clienti ma anche dei clienti delle altre attività, creando e ampliando le proprie relazioni e, di conseguenza, i propri contatti. Questo permetterà loro di comprendere come sta evolvendo il processo di vendita all’interno della città di Rovigo e, di conseguenza, come rendere unica e speciale l'esperienza di acquisto di una clientela, sempre più informata, aggiornata e perciò giustamente esigente. E permetterà il raggiungimento di uno degli obiettivi principali di questo progetto: fornire strumenti tali da rendere queste realtà fiduciose dei propri mezzi ed in grado di crescere, essere competitive ed efficaci.   RASSEGNA STAMPA Da oggi attivabile la nuova "card" dello shopping - La Voce di Rovigo, 21.10.2016

    Leggi tutto »


  • Digital Meet sbarca a Rovigo con t2i trasferimento tecnologico e innovazione

    data News: 19/10/2016

    Comunicato stampa Da giovedì 20 a sabato 22 ottobre l'incubatore di t2i ospiterà 4 incontri nell'ambito del più grande evento del Nordest dedicato al digitale. Rovigo, 19 ottobre 2016t2i – trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l'innovazione partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare, porta a Rovigo DIGITALmeet 2016, il più grande evento sul digitale del Nordest che si terrà dal 20 al 23 ottobre con l’obiettivo di sostenere la diffusione delle competenze digitali nel territorio. Da giovedì 20 ottobre a sabato 22 ottobre il nuovo incubatore di t2i di Viale Porta Adige a Rovigo ospiterà 4 incontri che approfondiranno ciascuno un tema specifico legato al digitale. Giovedì 20 ottobre si inizia con due appuntamenti organizzati in collaborazione con LoveMarketing®, rivolti a imprenditori, startupper, professionisti e studenti.
    • Dalle 15.00 alle 17:00 il Workshop “Costruisci il tuo sito web con carta e penna”: attraverso un semplice laboratorio pratico i partecipanti potranno imparare a costruire un sito web disegnandolo su carta dopo una veloce progettazione.
    • Dalle 17:00 alle 19:00 si terrà il convegno “La tua presenza on-line: a cosa serve e come costruirla”, con un approfondimento su che cos'è la “presenza on-line” e come è possibile costruirla in modo che sia efficace a raggiungere gli obiettivi di mercato.
    Entrambi gli incontri saranno tenuti da Enrico Colacillo, Fondatore del progetto LoveMarketing® e Sara Bari, digitalizzatrice del progetto Eccellenze in Digitale di Google e Unioncamere. Venerdì 21 ottobre a partire dalle ore 14.00 si terrà l'appuntamento "Dal virtuale al reale passando per il digitale" organizzato da t2i in collaborazione con PoPlab, il laboratorio di prototipazione per l’architettura e il design parametrico e il primo FabLab italiano orientato allo sviluppo sostenibile. L’evento, organizzato sotto forma di visita itinerante, vuole raccontare, dalle voci degli esperti di t2i e PoPlab, il percorso di sviluppo di nuovi prodotti, dal concept alla possibile stampa 3D di componenti, in particolare legati all'architettura e al design in chiave sostenibile. Sabato 22 ottobre il ciclo di appuntamenti su Rovigo si conclude con il convegno “Professioni: quando il digitale traccia nuove prospettive” organizzato da LoveMarketing® in collaborazione con t2i. Con inizio alle ore 11 il convegno vuole offrire uno spaccato sul mondo del lavoro attraverso le storie di quattro professioniste che, da punti di vista diversi, racconteranno alcune delle sfide e delle opportunità messe in campo dal digitale. Interverranno Enrica Crivellaro, life coach, esperta di comunicazione e organizzazione eventi, Laura Bortoloni, Art Director di Identity Atlas, studio di comunicazione multidisciplinare, Silvia Lonardo, blogger, autrice e fondatrice di cosedamamme.it e Natalia Bertelli, imprenditrice e formatrice nel campo delle traduzioni. Tutti gli appuntamenti sono gratuiti, per partecipare è necessario iscriversi. Per ulteriori informazioni e per registrarsi agli eventi consultare il link: http://www.t2i.it/events/event/digitalmeet-2016-dal-20-al-23-ottobre-piu-grande-evento-sul-digitale-del-nordest/   RASSEGNA STAMPA Tre giorni con il "Digitalmeet" - La Voce di Rovigo, 20.10.2016 Mondo virtuale le nuove frontiere del digitale - Il Resto del Carlino, ed. Rovigo, 20.10.2016    

    Leggi tutto »


  • Tecnologie Innovative: t2i all’assemblea dei commercialisti del Triveneto

    data News: 4/10/2016

    headerVenerdì 7 ottobre alla Fiera di Vicenza,  t2i è stata presente alla 1ª Giornata del Triveneto organizzata dall’Associazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili delle Tre Venezie (ADCEC3V) dal titolo “Al confine tra reale e virtuale”. T2i è stata presente con l’ing. Roberto Santolamazza alla tavola rotonda per parlare delle prospettive future per l’impresa con focus sull’innovazione, e presentare quello che può essere un percorso ideale a partire dall’idea di progetto fino ad arrivare alla prototipazione virtuale. Verranno presentate tecnologie innovative quali la realtà aumentata, il tracciamento oculare, il software di modellazione e simulazione e la stampante 3D, in collaborazione con 3DZ. La giornata è stata un confronto aperto tra rappresentanti del mondo accademico, imprenditori, professionisti ed esponenti del mondo dell'innovazione e dell'informazione che si sono confrontati sugli effetti della "digital transformation" sul mondo professionale e imprenditoriale, non solo in termini di innovazioni tecnologiche e nuovi strumenti informatici a disposizione, ma anche in termini di investimenti, creazione di nuovi modelli di business e di organizzazione del lavoro. Programma dell'evento [gallery size="medium" ids="19009,19007,19006,19005,19004,19003,19002,19010"]

    Leggi tutto »


  • Avvio indagine ‘INDUSTRIA 4.0 E TECNOLOGIE DIGITALI ‘

    data News: 6/07/2016

    logo-cciaa-TV-BLQuanto sono conosciute e quanto sono usate dalle aziende venete?
    Un'indagine del Campus Ca' Foscari di Treviso in collaborazione con la Camera di Commercio di Treviso e Belluno e "t²i" - società per l'innovazione delle Camere di Commercio. La Scuola in Economia, Lingue e Imprenditorialità per gli Scambi Internazionali dell'Università Ca' Foscari di Venezia promuove un'indagine sul tema "Industria 4.0", in collaborazione con la Camera di Commercio di Treviso - Belluno e t²i, società per l'innovazione delle Camere di Commercio. A partire dai prossimi giorni, un questionario, di veloce compilazione, viene sottoposto a circa 12.000 aziende venete, operanti nellamanifattura, nell'edilizia e nel terziario avanzato. Lo scopo è di analizzare la conoscenza e l'utilizzo delle tecnologie della "Digital Revolution" nel sistema produttivo regionale. Si cercherà anche di capire il grado di integrazione di queste tecnologie con i cicli produttivi aziendali, e le relazioni fra innovazione tecnologiche e capitale umano necessario al loro impiego. Un focus particolare è dedicato all'uso dell'additive manufacturing (mediante ricorso di stampanti 3D). I questionari sono inviati sulle PEC istituzionali delle aziende-target: le informazioni saranno poi rielaborate in forma anonima e aggregata, nel rispetto della privacy. L'Area Studi Statistica della Camera di Commercio di Treviso e Belluno resta a disposizione per qualsiasi chiarimento sull'iniziativa (0422.595239-222). Il supporto tecnico alla compilazione del questionario viene garantito da ricercatori dell'Università Ca' Foscari (0422.513.611). Camera di Commercio, Università Ca' Foscari e t²i ringraziano in anticipo tutti coloro che vorranno fornire la loro preziosa collaborazione a questa indagine. I risultati saranno utilizzati per definire le più opportune politiche di sviluppo, funzionali a facilitare l'adozione di queste tecnologie digitali nei processi aziendali. Il Segretario della Camera di Commercio di Treviso - Belluno Dott. Marco D'Eredità Fonte: Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Treviso – Belluno

    Leggi tutto »


  • Un po’ di t2i alle Nazioni Unite

    data News: 28/06/2016

    C'era anche un po' di Veneto a New York al primo forum mondiale sugli obiettivi di sviluppo sostenibile organizzato dall'ONU ed intitolato "Multi-stakeholder Forum on Science, Technology and Innovation for the Sustainable Development Goals (STI Forum)" gli scorsi 6 e 7 giugno. E' stato il primo momento nel quale le Nazioni Unite hanno voluto ribadire l'importanza della tecnologia e delle politiche per l'innovazione nel supporto alle sfide globali per i paesi in via di sviluppo. I Sustainable Development Goals (SDGs) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d’azione firmato durante l'ultima assemblea generale ONU tenutasi lo scorso 27 settembre e sottoscritto da 193 paesi membri. I Paesi si impegnano a raggiungerli entro il 2030 e rappresentano obiettivi comuni su un insieme di questioni importanti per lo sviluppo: la lotta alla povertà, l’eliminazione della fame e il contrasto al cambiamento climatico ma anche l'innovazione nella produzione e le infrastrutture, la crescita economica, le fonti rinnovabili di energia, la salute ecc. La sessione plenaria ha visto la partecipazione delle più alte cariche istituzionali ed i saluti del segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon nonchè gli interventi di gran parte delle rappresentanze permanenti e di tecnici di altissimo profilo come, una su tutte, la consigliera per le scienze e la tecnologia del presidente Obama ed ex vice presidente di Google, Megan Smith. Il format prevedeva delle sessioni parallele pomeridiane (sideshow), selezionate (così come i relatori) attraverso un concorso aperto a tutte le principali istituzioni mondiali operanti nel settore. La sessione intitolata "Realizing the potential of science, technology and innovation for all to achieve the Sustainable Development Goals: let's walk the talk!” è stata il frutto di una collaborazione tra l'Università di Maastricht (Olanda) ed il dott. Anilkumar Dave (in qualità di advisor su temi di innovazione inclusiva ed innovazione sociale per i paesi in via di sviluppo) ed è stata un momento di confronto molto importante ed apprezzato, oltre ad aver avuto un buon successo di pubblico e di visibilità. Nella candidatura della sessione, scritta in collaborazione con la Prof.ssa Shyama Ramani (Fondazione STI4Change e Univ. Maastricht), si è enfatizzato come nella lista dei 17 SDGs e dei 169 obiettivi la parola ‘science’ sia ripetuta 10 volte; ‘technology’ 31 volte ed ‘innovation’ 17 volte, a riprova dell'importanza che rivestono e del loro ruolo centrale. L'intervento del dott. Dave ha aperto la sessione e si è focalizzato sul ruolo degli intermediari e delle Piccole Medie Imprese come motori di crescita in paesi nei quali i termini stessi 'Innovazione' e 'Tecnologia' devono essere adattati ad aspetti non solo di crescita ma anche di sfide globali. Partendo da alcuni esempi concreti sulle prossime sfide nei paesi in via di sviluppo ed in particolare dagli SDG 9 "Industry, Innovation and Infrastructure" ed SDG 17 "Partnerships for the Goals"  il dott. Dave ha suggerito degli approcci per lo sviluppo di un nuovo tipo di intermediari per l'innovazione (e la crescita) ed il nuovo ruolo delle piccole imprese nei paesi emergenti o in quelli arretrati. Durante la presentazione si sono presentati dei casi di successo da cui sono maturate (adattandole al contesto socio-economico) alcune buone prassi tra cui l'esperienza di t2i ed il suo ruolo di motore propulsivo per le imprese del territorio sempre con  l'innovazione 'al centro'. "E' stata un'esperienza indimenticabile", ha dichiarato il dott. Dave, "ma al tempo stesso un importantissimo punto di partenza in quanto è stato riconosciuto il ruolo della scienza e tecnologia. Pur occupandomi ogni giorno di tecnologie di alto profilo per imprese 'occidentali' di medie dimensioni, le attività che svolgo in altri ambiti e che mi portano a conoscere meglio i paesi in via di sviluppo, India in primis, mi hanno permesso di capire come a volte non sia il valore della tecnologia in sè quanto la sfida socio-economica che contribuiscono a risolvere il vero valore intrinseco". [gallery link="none" size="large" ids="18732,18733,18734,18735,18736,18738"]

    Leggi tutto »


  • Innovazione a portata di PMI: partner meeting del progetto OPENiSME a Treviso

    data News: 27/06/2016

    openisme - newsletterSi è tenuto a Treviso lo scorso 20 e 21 giugno il meeting del progetto OPENiSME – Open Platform for Innovative SMEs, importante progetto cofinanziato dal programma CIP dell’Unione Europea per lo sviluppo di una piattaforma Europea per supportare le collaborazioni tra PMI e centri di ricerca. Il progetto, di cui t2i è l’unico partner italiano, vede partecipare università, centri di trasferimento tecnologico e imprese da Francia, Regno Unito, Germania, Slovenia, Grecia e Turchia. Lo scopo del progetto è quello di mettere a disposizione delle Piccole e Medie Imprese tecnologie e metodologie collaborative che attualmente sono a disposizione solo delle grandi e grandissime imprese: in particolare, la base di partenza è una piattaforma di “Open Innovation” che permette di entrare in contatto con oltre 10 milioni di ricercatori tramite l’analisi di oltre 200 milioni di pubblicazioni scientifiche, che sta venendo ulteriormente sviluppata ed adattata per andare incontro alle esigenze delle PMI. Ma cosa consente in pratica la piattaforma OPENiSME? La possibilità di trovare esperti specializzati per la specifica esigenza dell’impresa consente di affrontare in modo efficace praticamente qualunque bisogno di innovazione, permettendo inoltre di raggiungere risultati migliori e in minor tempo e con minor costo. Il tutto assistito da un sistema di gestione del flusso di lavoro che guida l’utente nella ricerca e nel contatto con i ricercatori, superando molti degli ostacoli tipici della collaborazione tra imprese e mondo della ricerca, e in questo modo migliorando la competitività delle PMI sul mercato.

    Leggi tutto »


  • Atti del convegno – SMART: Strumenti MARketing Territorio

    data News: 4/07/2016

    LogoSmartVerona_01Diversi studi evidenziano come il  mondo del retail in senso ampio, del turismo e dei servizi territoriali vengano erroneamente considerati poco coinvolti nello sviluppo della tecnologia e vengano visti come fruitori ultimi ed impotenti delle applicazioni tecnologiche sviluppate per altri scopi o ambiti di utilizzo. Il seminario “SMART: Strumenti Marketing Territorio” è stato un primo passo per portare il mondo dei servizi (compreso il mondo banking) e del turismo ad essere “visibilmente” promotori di innovazione e non utilizzatori “silenti” delle tecnologie. Entrambe queste componenti danno un enorme valore aggiunto al marketing territoriale e all’economia territoriale grazie al contatto diretto con i clienti/utilizzatori, limitando il rischio di prodotti e applicazioni “distanti” dal soddisfare i bisogni degli utenti. Obiettivo dell’incontro è stato quello di dare una panoramica sulle innovazioni e sugli scenari tecnologici alle realtà economiche del territorio partendo dai trend del futuro legati al mondo del retail (commercio, finanza, ecc) e del turismo per un nuovo marketing territoriale 3.0.  
    Programma:
    9:00 Registrazione partecipanti
    9:30 Saluti introduttivi Paolo Arena Presidente Confcommercio As. Co. Verona 
    9:45 La rivoluzione digitale come motore di crescita per il territorio Roberto Santolamazza t2i - trasferimento tecnologico e innovazione Atti del convegno (pdf)
    10:00 I trend digitali che disegnano il futuro del retail Stefano Galassi Accenture
    10:45 Innovation window: casi reali di customer experience design Beatrice Mantero / Francesco Magagnino Accenture
    11:30 La banca, le nuove tecnologie e il digitale Ferdinando Natali Regional Manager UniCredit Nord Est Atti del convegno (pdf)
    12:15 L’altra faccia del marketing territoriale, l’ICT per il turismo e i servizi Mirko Lalli Travel Appeal - Startup di successoFabrizio Prior Epson ambassador/Innovare srl Atti del convegno (pdf)
    12:45 Q&A
    13:30 Networking lunch
    14:30 Incontri 1 to 1 su prenotazione | Meeting desk Attività facoltativa: le aziende interessate potranno prenotare un incontro personalizzato di approfondimento con un esperto
    Brochure dell'evento (PDF) Loghi per sito

    Leggi tutto »


  • t2i al 12° Meeting Annuale di INSME a Doha, Qatar

    data News: 2/05/2016

    t2i ha partecipato al 12° Meeting Annuale di INSME, che si è svolto a Doha, in Qatar, dal 12 al 14 aprile 2016.

    Anilkumar Dave, responsabile area Innovazione e Trasferimento Tecnologico di t2i, ha presieduto una tavola rotonda sul ruolo degli intermediari dell'innovazione per la crescita sostenibile. La sessione ha visto la partecipazione di più di 40 delegati in rappresentanza di 15 nazionalità diverse e si è incentrata su come le opportunità per le micro-PMI dei paesi in via di sviluppo nel campo dell’innovazione possano essere amplificate se adottate nell’ambito delle sfide globali ed in particolare degli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goal) delle Nazioni Unite. La sessione ha visto la partecipazione dell’ex segretario generale ASEAN e di rappresentanti della Qatar Development Bank a cui sono stati anche presentate le metodologie e gli strumenti di supporto all’innovazione di t2i, in qualità di buone prassi replicabili anche in altri paesi.

    INSME – International Network for Small and Medium Enterprises, è un’organizzazione internazionale no-profit, il cui scopo è quello di incentivare la cooperazione transnazionale e la collaborazione tra enti governativi, organizzazioni internazionali, ONG e un network di intermediari che agiscono nel campo dell’innovazione e del trasferimento tecnologico a favore delle PMI.

    L’accesso adeguato all’innovazione e alla conoscenza costituisce un fattore chiave per la competitività delle imprese nell’economia globale. Pertanto, INSME intende stimolare i processi di innovazione e la competitività delle PMI a livello internazionale attraverso la promozione, l’integrazione e il miglioramento dei servizi di innovazione e trasferimento tecnologico forniti dagli intermediari e dalle loro reti.

    INSME comprende attualmente 97 membri in 42 paesi diversi ed è supportato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dall’OCSE e, da giugno del 2015, t2i ha un suo rappresentante tra i membri del board.

    Per ulteriori informazioni: Area Innovazione e Trasferimento Tecnologico t2i – trasferimento tecnologico e innovazione s.c. a r.l. Telefono:  +39 0422.1742100 interno 3 e-mail: innovazione@t2i.it [gallery size="full" link="none" ids="18542,18543,18544,18546,18547,18549,18545,18548"]

    Leggi tutto »


  • Proseguono gli incontri di “Smart Retail” per il mondo dei commercianti di Rovigo

    data News: 13/04/2016

    logo-smartretailGrande successo per l'iniziativa "Smart Retail" destinata al mondo dei commercianti della provincia di Rovigo. I primi cinque appuntamenti hanno visto la partecipazione di realtà importanti quali Cisco System, MHT (partner Microsoft), Drawlight/Senso Immersive, Human Inspired Technology Lab dell'Università degli Studi di Padova, Epson Italia. Durante ogni incontro sono state presentate tecnologie e metodologie utili al mondo del commercio per continuare ad innovarsi ed essere sempre più "attractive". La prima parte di questo viaggio nell'innovazione è stata incentrata sul raccordo tra il consumatore 'on-line' e l'acquisto 'on-site'. I prossimi appuntamenti della vetrina delle tecnologie di Rovigo saranno rivolti alla 'shopping experience' e alle innovazioni applicabili negli spazi commerciali (dal negozio alla GDO) che rendono unica l'esperienza di acquisto del consumatore. Si parlerà di tavoli interattivi, software di supporto alla selezione dei prodotti e criteri di usabilità per allestimento di vetrine ed espositori. Prossimi incontri: Per ulteriori informazioni: SmartRetail [gallery size="medium" link="none" ids="18460,18459,18457,18454,18453,18452,18448,18447,18462,18465,18455"]

    Leggi tutto »


  • Smart Retail: La digitalizzazione nel mondo del retail

    data News: 27/02/2016

    logo-smartretailFebbraio - Maggio 2016 Piazza Vittorio Emanuele II, Rovigo (RO) Smart Retail è un’iniziativa promossa da t2i - trasferimento tecnologico e innovazione (società per l’innovazione promossa dalle Camere di Commercio di Treviso, Delta Lagunare e Verona) con lo scopo di mostrare tecnologie e innovazioni rivolte al mondo del commercio. Un “temporary living lab” ed un luogo di incontro con esperti, innovatori e sviluppatori di tecnologie per dare nuovi spunti e migliorare l’esperienza di acquisto. Nello Smart Retail sono state installate alcune tecnologie permanenti, alle quali si affiancano altre innovazioni e soluzioni a rotazione. Da febbraio a maggio sono previsti una serie di incontri che presentano queste tecnologie. Il primo appuntamento "Infrastrutture e servizi digitale per il retail" è stato il 18 febbraio,  con la presentazione dell’iniziativa da parte del Direttore Generale di t2i Roberto Santolamazza, e gli interventi di Antonio Loborgo, Territory Business Manager  e Marco Bacci, account manager di Cisco System Italy, che hanno spiegato l’importanza della digitalizzazione nel mondo del commercio e hanno proposto una dimostrazione di tecnologie innovative per il mondo del retail. Il secondo appuntamento "Dal consumatore on-line al cliente on-site“ del 25 febbraio ha visto presente Andrea Cisolla, MHT Product Manager CRM, che ha illustrato lo scenario del retail e l’importanza di avere un contatto diretto con il cliente, sia online che on site. Nel sito Smart Retail è possibile trovare le presentazioni dei primi due appuntamenti. Smart Retail è un'iniziativa destinata a commercianti e proprietari di negozi, franchisor/franchisee, interior designer, aziende del settore contract/allestimento, GDO, retailer. Ciclo di incontri e approfondimenti per il retail: tecnologie e competenze di eccellenza per il settore del commercio (pdf) Rassegna stampa Intervento realizzato avvalendosi del contributo concesso dalla Regione del Veneto ai sensi della D.G.R. n. 1995 del 28.10.2014 e successiva n. 294 del 10.03.2015 regioneveneto2 Smart Retail è un'iniziativa di: t2i_logo_pantone Si ringraziano per la partecipazione: Cisco_Logo_RGB-2color_92x52   MHT_logo_def_RGB-300x217   Drawlight-300x300   Pannelli_SmartRetail_03

    Leggi tutto »


  • Replicate: un progetto di ricerca europeo per la creatività

    data News: 25/01/2016

    logo replicateIl 12 gennaio 2016, t2i ha partecipato, come partner di progetto, al kick off di REPLICATE (cReative-asset harvEsting PipeLine to Inspire Collective-AuThoring and Experimentation), un progetto europeo di ricerca scientifica dedicato alla creatività e alla mixed reality. Il progetto, coordinato della Fondazione Bruno Kessler (FBK), durerà 3 anni e riceverà un contributo europeo di 3,2 milioni di euro. Oltre a FBK, partner capofila, e a t2i,  i partner che parteciperanno a REPLICATE, saranno alcuni importanti centri di ricerca e aziende, quali  ETH Zurich (Svizzera), Fraunhofer Heinrich Hertz Institute (Germania), Wikitude (Austria), Gameware (UK) e Animal Vegetable Mineral (UK). “In REPLICATE” – spiega Dr. Paul Chippendale, Project Manager della Technologies of Vision Unit del Center for Information Technology di FBK, e coordinatore of REPLICATE – “vogliamo stimolare e supportare la creatività in ogni luogo e momento, attraverso l’uso di smartphone, tablet e cloud computing, integrando la ricerca sulla computer vision con concetti moderni come la mixed reality”. Per spiegare l’attività del progetto, si può immaginare un giovane architetto o un web designer che tramite l’app di REPLICATE, può generare automaticamente un modello 3D del mondo intorno a lui, anziché doverlo creare e modellare manualmente al pc. Questo permette di lavorare su modelli estremamente complessi già pronti, e con l’aiuto di un sistema che sfrutta intelligenza artificiale, realtà virtuale e realtà aumentata, può comporre e scomporre le sue realizzazioni con più semplicità. "Il progetto - continua Paul Chippendale - si svolge in stretta collaborazione con operatori di molti settori. Abbiamo già avuto molto interesse da produttori televisivi come BBC, che vedono REPLICATE come uno strumento per sviluppare in crowdsourcing nuovi e interessanti contenuti per i loro show. Durante tutto il progetto lavoreremo a stretto contatto con diversi tipi di utenti, per capire come le nostre tecnologie possano essere utili in situazioni pratiche”. “t2i – spiega Anilkumar Dave, responsabile area Innovazione di t2i -  è l’unico partner che ha la gestione di due attività sulle otto previste ed in particolare la disseminazione e la comunicazione, nonchè il supporto ai centri di ricerca nel rendere più usabile le interfacce software e applicare i concetti di User Centred Design che hanno caratterizzato negli anni anche le attività del Laboratorio NeroLuce di t2i situato ad Asolo. Il progetto si è classificato come primo nella graduatoria europea ed ha su di sé molte aspettative della Commissione Europea che vede nell’industria creativa un fattore di crescita dell’economia dei 28 paesi membri.” Il progetto è appena iniziato, ma si prevede che gli sviluppi di REPLICATE potrebbero avere infinite applicazioni nel campo dei servizi tecnologici e innovativi, basati su media intelligenti e personalizzabili, che puntano a soddisfare le attese dell’utente.

    Leggi tutto »


  • Da Information Technology a Innovation Technology

    data News: 16/12/2015

    di Anilkumar Dave - Responsabile Servizi di Innovazione e Ricerca di t2i Nell’ultimo mese t2i ha organizzato e promosso una serie di convegni sul tema dell’IT come fattore abilitante per lo sviluppo. La cosiddetta “Information Technology” sta sempre di più diventando parte della nostra vita lavorativa e personale rendendo il mondo sempre più connesso e ‘smart’ ed allo stesso tempo trasformandosi da strumento a ‘commodity’. Lo scopo dei tre convegni realizzati a Vicenza, Rovigo e Treviso è stato quello di mostrare come una tecnologia per certi versi pervasiva sia motore di innovazione per le imprese in tutte le fasi di sviluppo di prodotti. Il primo evento si è svolto a Vicenza in collaborazione con aziende del territorio che hanno da sempre puntato sull’IT ‘abilitante’ come motore dei loro prodotti. In particolare la BNP srl di Cittadella ha dimostrato come l’IT applicato alla produzione, e nella fattispecie alla robotica collaborativa, sia un valore aggiunto che aziende come ABB hanno saputo cogliere da subito come nuova frontiera. L’evento ha ricalcato il format degli eventi di t2i che hanno come punto chiave il confronto tra imprese e centri di ricerca grazie alla partecipazione del CNR e dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Il secondo appuntamento è stato dedicato ad un tema quanto mai attuale come la sicurezza del dato ed il suo valore per le aziende. Ospitati presso la sala consigliare della Provincia di Treviso si sono discussi temi quali l’accesso a sistemi semplici e low-cost per il backup e la gestione critica delle infrastrutture così come l’impatto nei confronti della PA. L’evento, su invito, ha visto la partecipazione dell’Università di Venezia, del CINECA, di Dataveneta e della Provincia di Treviso nonchè l’adesione di più di 40 partecipanti in rappresentanza di imprese e PA. Il dibattito è stato improntato sulla possibilità di avere accesso ad applicazioni con un basso costo di ingresso (Dataveneta) ma che mantengono un alto valore aggiunto. Il percorso verso le “Innovation technology” si è arricchito di altri due eventi di prestigio. Uno a Rovigo nel quale si sono presentate le soluzioni e le opportunità di progettazione con strumenti IT per la filiera navale estesa. L’evento, svolto in collaborazione con Unindustria Rovigo e la locale Camera di Commercio ha dimostrato come un settore che un tempo era stato fiore all’occhiello dell’economia italiana possa beneficiare delle potenzialità offerte dall’IT. Temi come progettazione 3D, usabilità, simulazione numerica, computazione, interfacce esperienziali sono stati affrontati guardando alle esigenze specifiche del settore. Ultimo tassello del percorso è stata l’organizzazione delle sessioni interattive nell’ambito del roadshow di Confindustria Digitale tenutosi a Treviso il 3 Dicembre a Palazzo Giacomelli. t2i ha avuto l’onore di coordinare gli ambiti ‘Internet of Things/Big Data’ che hanno visto la partecipazione di aziende, studenti e rappresentanti della PA che hanno animato la discussione e la raccolta di spunti per migliorare i contenuti dell’Agenda Digitale per l’Italia. La partecipazione complessiva agli eventi è stata di più di 300 partecipanti che hanno dimostrato come ci sia un interesse vivo nell’evoluzione di un ambito che si considera ormai ‘noto’ quale l’Information Technology ma al contempo solida radice per lo sviluppo delle ‘Innovation Technology’. [gallery size="medium" ids="17689,17690,17691,17692,17693,17694,17695"]

    Leggi tutto »


  • Fare impresa all’estero con successo: alcuni consigli pratici dal Progetto GROW International

    data News: 5/11/2015

    logo-growinternational-150Si è concluso il Progetto GROW International, che ha visto la realizzazione di un Corso online sull’internazionalizzazione d’Impresa cui hanno partecipato anche 20 imprese ed aspiranti imprenditori del territorio, che hanno avuto modo di conoscere ed approfondire gli aspetti cruciali per fare impresa all’estero. In occasione dell’evento di chiusura del Progetto, svoltosi a Malaga il 9 ottobre 2015, gli interventi di esperti hanno offerto una visione sulle trasformazioni in atto a livello globale, e che possono rappresentare un’opportunità per ritenere l’internazionalizzazione un elemento di successo per la competitività. In particolare, Roberto Santolamazza, Direttore di t2i, ha delineato il ruolo dell’innovazione all’interno di un processo di internazionalizzazione efficace. Alcune aziende, durante il momento di dibattito conclusivo, hanno raccontato in prima persona la loro esperienza di “fare business all’estero”, evidenziando i fattori che sono rilevanti per agire con successo oltreconfine. Il video integrale del workshop è disponibile al seguente link. A completamento del corso online, è stato inoltre realizzato un Manuale sull’internazionalizzazione, disponibile anche in lingua italiana. Ulteriori iniziative realizzate nell’ultima parte del Progetto, arricchite di foto, sono disponibili all’interno della Newsletter Grow International. Concludiamo ricordando che il Corso online sull’internazionalizzazione d’impresa continua ad essere disponibile in forma completamente gratuita: per maggiori informazioni su come poterne usufruire, contattare Elena Zanatta, Project Manager di t2i per Grow International. [gallery size="medium" ids="17391,17392,17393"]

    Leggi tutto »


  • Made in Italy – Eccellenze in Digitale: 4 incontri formativi per avvicinarsi al WEB

    data News: 7/09/2015

    loghi-eccellenza in digitale Il progetto Made in Italy – Eccellenze in Digitale di Google e Unioncamere, giunto alla terza edizione per le imprese della provincia di Rovigo, ha tra i suoi obiettivi quello di sensibilizzare le PMI alle opportunità del web e di educarle alla cultura dell’innovazione digitale. Già da un paio di mesi i due digitalizzatori Sara Bari e Marco Mottaran, affiancati dal tutor Ing. Alberto Previato, sono operativi presso la nuova Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta Lagunare. Queste le attività svolte durante la prima fase di informazione del progetto:
    • mappatura della situazione digitale delle piccole e medie imprese polesane per i settori turismo e agroalimentare;
    • incontri con le associazioni di categorie attive sul territorio;
    • raccolta delle manifestazioni di interesse e supporto personalizzato alle prime imprese. (Per le PMI interessate ad aderire al progetto e che ancora non hanno compilato la manifestazione d’interesse si ricorda che la scadenza è fissata al 30 settembre!)
    È dunque arrivato il momento di coinvolgere attivamente le PMI del territorio a partecipare a eventi formativi. Gli incontri sono aperti a imprenditrici e imprenditori della provincia di Rovigo, indipendentemente dal settore in cui operano. In 4 incontri formativi gratuiti saranno presentati alcuni strumenti di web marketing:
    1. Presentazione progetto Made in Italy – Eccellenze in Digitale. Introduzione all’ Internet Economy Perché è importante essere presenti sul WEB e investire in web marketing ? Partiamo da zero con Google My Business (GMB): creiamo una scheda con i nostri contatti e le indicazioni stradali per farci trovare. E’ gratis e non è indispensabile avere il sito! Data: 23/09/2015
    2. I Social Network Come usare i social network? Caratteristiche delle principali piattaforme (Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram). Su quali è utile essere presenti per la nostra attività e quali obiettivi ci aiutano a raggiungere? Data: 30/09/2015
    3. Il sito web Non abbiamo un sito? C’è WordPress! Abbiamo un sito vetrina, come possiamo migliorarci? 07/10/2015
    4. Visibilità e Monitoraggio Pubblicità su Facebook e monitoraggio con Facebook Insights. Pubblicità con Google AdWords. Principi di base di Google Analytics. Data: 14/10/2015
    Hai un’attività locale e vorresti farti conoscere sul WEB? Hai mai cercato la tua attività sui motori di ricerca? Sai che esistono strumenti gratuiti e non serve avere il sito per comparire sulle mappe di Google e fornire così ai tuoi clienti attuali e futuri tutte le informazioni utili per sapere chi sei, cosa fai e dove trovarti?! Hai mai pensato di creare una pagina su Facebook? Potrai raggruppare i tuoi clienti, conoscerne di nuovi e condividere con loro momenti di intrattenimento e contenuti utili e interessanti sulla tua attività. Hai mai pensato di fare pubblicità sui social network o su Google? Si può partire anche con un budget limitato di 1€ al giorno!!! Queste sono alcune delle domande a cui i digitalizzatori Sara Bari e Marco Mottaran risponderanno durante i corsi che si terranno dal 23 settembre al 14 ottobre 2015 (ogni mercoledì dalle ore 18.15 alle 20.15), presso la sede di t2i (Trasferimento Tecnologico e Innovazione) in Via del Commercio 43, 45100 Rovigo. Partecipare è semplice! Basta compilare il modulo di adesione. Per ulteriori informazioni contattare direttamente i digitalizzatori: Sara Bari bari.ro.camcom@eccellenzeindigitale.it Marco Mottaran mottaran.ro.camcom@eccellenzeindigitale.it

    Leggi tutto »


  • NanotechItaly 2014 focus | Terza edizione del Premio “Giovanna Cadini”

    data News: 28/07/2014

      nanotech     Comunicato stampa Confermato anche quest’anno il premio dedicato alla memoria di Giovanna Cadini, per il miglior poster sul tema “Salute” presentato a #NanotechItaly2014 (Venezia, 12 giugno 2014) – L’interesse di Veneto Nanotech per la nanomedicina e per le tematiche ad essa legate si conferma ancora una volta grazie anche alla terza edizione del Premio in memoria di Giovanna Cadini, che verrà assegnato a novembre in occasione di NanotechItaly2014. Nel 2012 il premio è andato a Giorgio Speranza, ricercatore senior della Fondazione Bruno Kessler di Trento, per un lavoro sulla possibilità di ridurre la resistenza alla chemioterapia per i pazienti, sintetizzando nanovettori  per il rilascio controllato di farmaci e, nel 2013, da Rashmi Prabu dell’Indian Institute of Chemical Technology di Mumbai per un abstract sulla progettazione, sintesi e caratterizzazione di un nanovettore cationico per il trattamento del melanoma.   Anche quest’anno, in occasione della settima edizione di NanotechItaly in programma a Venezia dal 26 al 28 novembre 2014, una giuria di esperti selezionerà il vincitore del premio di 1.000 euro tra le proposte di ricerca (abstract) presentate nel campo della nanomedicina. “Per Veneto Nanotech la ricerca applicata nell’ambito della nanomedicina è una priorità fondamentale perseguita da anni con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita delle persone con un impatto diretto sulla società.  Da sempre – spiega Nicola Trevisan Direttore Generale di Veneto Nanotech – sosteniamo e supportiamo i giovani ricercatori che si occupano di queste tematiche. Da quando poi– continua Trevisan. – Giovanna Cadini, persona e collega meravigliosa, non è riuscita a vincere la sua battaglia contro il tumore che l’ha portata via a 33 anni, abbiamo un motivo in più per continuare a sostenere la ricerca in questo campo”. Per partecipare al concorso bisogna sottoporre il proprio abstract (poster) attraverso il sistema online del convegno. Maggiori info su www.nanotechitaly.it

    Leggi tutto »


  • Robot Safety Day

    data News: 22/07/2015

    logo_robot_traspMilano, 6 ottobre 2015 Anteprima di presentazione della nuova ISO/TS 15066 Al termine della fase di preparazione della Specifica Tecnica ISO/TS 15066, ITIA CNR organizza una occasione di confronto sul tema della sicurezza dei robot collaborativi. Il workshop è dedicato a utenti finali, integratori e costruttori di macchine, technology provider, associazioni ed enti di ricerca. La nuova ISO/TS 15066 sarà il compendio fondamentale per l'interpretazione e applicazione della norma EN ISO 10218-2. L'incontro è dedicato alla presentazione istituzionale dei requisiti nelle modalità collaborative dei sistemi robotizzati e alle esperienze/esigenze degli utenti finali. Robot Safety Day non è solo una workshop tematico, ma anche un luogo di incontro di tutti gli attori principali nel mondo della sicurezza e della robotica industriale. Programma Normativa e tecnologia. Panorama normativo e presentazione della TS15066. La parola agli utenti. Esperienze, visione ed esigenze degli utenti finali; le questioni aperte e le aspettative. Tavola rotonda, open floor e one-to-one. Informazioni e iscrizioni nel sito dell'evento robotsafety-sponsor

    Leggi tutto »


  • t2i nel Consiglio di INSME per favorire l’innovazione nelle PMI

    data News: 7/07/2015

    Durante l’11° Meeting Annuale di INSME, che si è svolto a Cape Town, dal 26 al 28 maggio, Anilkumar Dave, responsabile area Innovazione e Trasferimento Tecnologico di t2i, è stato eletto membro del Consiglio di INSME. INSME - International Network for Small and Medium Enterprises, è un’organizzazione internazionale no-profit, il cui scopo è quello di incentivare la cooperazione transnazionale e la collaborazione tra enti governativi, organizzazioni internazionali, ONG e un network di intermediari che agiscono nel campo dell'innovazione e del trasferimento tecnologico a favore delle PMI. L’accesso adeguato all’innovazione e alla conoscenza costituisce un fattore chiave per la competitività delle imprese nell’economia globale. Pertanto, INSME intende stimolare i processi di innovazione e la competitività delle PMI a livello internazionale attraverso la promozione, l’integrazione e il miglioramento dei servizi di innovazione e trasferimento tecnologico forniti dagli intermediari e dalle loro reti. Gli obiettivi primari di INSME sono:
    • Creare un forum permanente, aperto a livello internazionale, al fine di promuovere e consolidare il dialogo politico multilaterale, coinvolgendo i diversi operatori interessati al campo dell’innovazione e del trasferimento tecnologico alle PMI. Particolare importanza riveste, in tale ambito, il rafforzamento delle relazioni e della cooperazione tra “Nord e Sud”
    • Porsi come nuovo partner e attore per il lancio di attività operative, su base bilaterale o multilaterale, incluso l’avvio di progetti pilota tra i Membri del Network per lo scambio di know-how, metodologie ed esperienze, e per la creazione e valorizzazione di sinergie ed economie di scala a livello locale, nazionale, regionale ed internazionale.
    INSME comprende attualmente 97 membri in 42 paesi diversi ed è supportato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dall’OCSE. t2i è membro di INSME dal 2012 e la candidatura ed elezione nel Consiglio è un riconoscimento del lavoro fatto a supporto del processo di innovazione nelle PMI. Essere membro attivo di INSME permette a t2i di sviluppare iniziative congiunte ed instaurare partnership con prestigiosi enti di livello internazionale, per aiutare le PMI ad internazionalizzarsi e ad innovarsi. Per ulteriori informazioni: Area Innovazione e Trasferimento Tecnologico t2i – trasferimento tecnologico e innovazione s.c. a r.l. Telefono:  +39 0422.1742100 interno 3 e-mail: innovazione@t2i.it [gallery columns="2" size="medium" link="none" ids="16714,16715,16716,16717"]

    Leggi tutto »


  • Biennale Innovazione 2015: Meeting residenziale di alta formazione

    data News: 7/07/2015

    Leggi tutto »


  • “Made in Italy: Eccellenze in digitale”: un’opportunità per le imprese di Rovigo

    data News: 30/06/2015

    cciaa-rovigo                                                                                                                                      eccellenzeindigitale Sfruttare le opportunità del web per raggiungere nuovi mercati e sviluppare il proprio business: queste le potenzialità che offre il progetto “Made in Italy: eccellenze in digitale” sviluppato congiuntamente da Google ed Unioncamere. Il progetto vuole contribuire ad avvicinare le Piccole e Medie Imprese italiane al mondo del web, aiutandole a scoprire come utilizzare Internet e gli strumenti online per ampliare il proprio business in Italia e all’estero. Il mondo del web permette alle aziende di trovare nuove opportunità di crescita e sviluppo con semplici investimenti dai rendimenti efficienti. Il progetto prevede che 128 giovani borsisti, formati da Google e Unioncamere supportino le imprese nel percorso di avvicinamento al digitale e che per 9 mesi saranno ospitati in 64 Camere di Commercio in tutta Italia. A Rovigo, presso la sede di t2i, i due giovani borsisti polesani Sara Bari e Marco Mottaran, affiancati dall’Ing. Alberto Previato, svolgeranno attività di sensibilizzazione e supporto alle imprese del territorio rodigino per aiutarle ad avvicinarsi all'online, sfruttando così le opportunità offerte da Internet per far conoscere in tutto il mondo le eccellenze del Made in Italy. Quest’anno la Camera di Commercio di Rovigo ha scelto di dedicare questo servizio alle aziende che operano nei settori dell’agroalimentare e del turismo. I servizi gratuiti di digitalizzazione prevedono:
    • Azioni di sensibilizzazione, divulgative e promozionali (es. seminari, workshop per illustrare le potenzialità del digitale)
    • Azioni di affiancamento e primo orientamento (potenzialità e benefici del digitale in relazione alla impresa ed al settore nel quale essa opera)
    • Azioni di assistenza e orientamento per l’individuazione di percorsi di ottimizzazione/miglioramento del digitale in relazione all’impresa ed al settore nel quale essa opera con riferimento all’export
    • Azioni di coaching per la definizione di una strategia finalizzata all’internazionalizzazione attraverso il web.
    La Camera di Commercio di Rovigo assisterà le prime 50 imprese, della provincia di Rovigo, che ne faranno richiesta. Le imprese saranno selezionate in base al criterio cronologico di arrivo della manifestazione di interesse. Le imprese interessate devono inviare la propria Manifestazione di interesse compilata dal 29/06/2015 al 30/09/2015 al seguente indirizzo: info.rovigo@t2i.it Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito www.eccellenzeindigitale.it Per ulteriori informazioni: INCUBATORE D’IMPRESA di t2i a Rovigo Alberto Previato Tel. 0425-471067 Icona_pdf_on Manifestazione d'interesse per aderire al progetto "Made in Italy: Eccellenze in digitale"

    Leggi tutto »


  • Network europeo di ricerca e tecnologie innovative per la sostenibilità energetica del lattiero caseario

    data News: 22/06/2015

    SUSMILK-logo-150Nell’industria lattiero casearia, settore che rappresenta il 13% della produzione di alimenti e bevande in Europa, il latte subisce una varietà di processi di riscaldamento e raffreddamento che assorbono un consumo rilevante di acqua ed energia. Realizzando una sostituzione totale dell’energia fossile con quella rinnovabile, l’industria casearia potrebbe risparmiare fino al 50% del consumo energetico totale e fino al 30% di acqua. Il progetto di ricerca SUSMILK (www.susmilk.com) mira ad esprimere il grande potenziale di sostenibilità nei processi di trasformazione del latte tramite lo sviluppo di tecnologie innovative ed efficienti per un modello di “caseificio ecosostenibile” che rispecchia gli obiettivi inclusi nella "Roadmap to a resource-efficient Europe" per il 2020. SUSMILK-concept “L’ottimizzazione del ciclo produttivo di latte e derivati si basa sulla sperimentazione ed analisi delle installaziani pilota presso cinque caseifici di diversa dimensione. Combiniamo per esempio il solare termico ad alta temperatura con una caldaia a biomassa per la produzione di vapore e riutilizziamo il calore disperso nei processi di raffreddamento in modo tale da non sprecare energia” riferisce il coordinatore Dr. Christoph Glasner dell’istituto per le Tecnologie Ambientali, della Sicurezza e dell'Energia Fraunhofer UMSICHT. I 21 partner coinvolti nel progetto, provenienti da 9 paesi europei, includono università, istituti di ricerca, provider tecnologici, aziende del lattiero-caseario, esperti di LCA e di promozione industriale, una combinazione ideale di competenze per sviluppare e implementare le soluzioni innovative. L’investimento del consorzio è di quasi 8 milioni di euro, finanziati al 70% dall’Unione Europea attraverso il 7° Programma Quadro, e fra questi vi sono quattro partner italiani: Parker HZFD, Acram, Università di Parma e t2i - trasferimento tecnologico e innovazione. I sistemi di refrigerazione nei caseifici sono generalmente alimentati ad energia elettrica o combustibile fossile. Parker HZFD (Hiross Zander Filtration Division), società di ingegneria per applicazioni industriali, idrauliche e aerospaziali con sede a Sant’Angelo di Piove (PD), è incaricata di progettare e sviluppare un nuovo refrigeratore ad assorbimento da 50 kW per il recupero del calore disperso. Le performance del prototipo vengono testate in Spagna presso l’azienda Feiraco, cooperativa di produttori di latte che associa oltre tremila allevatori in Galizia. Per ridurre i costi energetici collegati al trasporto in temperatura controllata dai punti di raccolta ai caseifici e in alternativa al processo di evaporazione utilizzato nelle lavorazioni interne dei caseifici, è stato ideato un innovativo sistema di concentrazione a bassa temperatura che sostituisce quello per evaporazione e che integra diversi processi di separazione a membrana (UF, OI, MF). ACRAM, azienda veronese produttrice di impianti e macchinari per il prelevamento e la misurazione del latte, ha il compito di sviluppare e costruire il sistema di concentrazione che verrà testato in un caseificio di Wiegert Milch in Germania. Il team del Dipartimento di Scienze Alimentari dell’Università di Parma contribuisce alla fase di definizione delle procedure di gestione dei campioni di latte e derivati originati dal progetto da distribuire ai vari partner, analizza alcune proprietà del latte concentrato con filtrazione a membrana e dei prodotti anidri derivati da una innovativa tecnica di essiccamento, valutando caratteristiche di qualità (chimica, microbiologica e fisica) e sicurezza. Il progetto SUSMILK sviluppa altre tecnologie per la generazione e la distribuzione di calore: solare termico ad alta temperatura e pompe di calore ad alta temperatura. Le acque reflue degli impianti di sanificazione CIP vengono classificate per ottimizzarne la resa nella produzione di bioetanolo/acido lattico/biogas. t2i - trasferimento tecnologico e innovazione, società di Treviso che supporta le imprese nei progetti di R&S, coordinerà la pubblicazione online ad aprile 2016 di uno strumento di simulazione che supporterà gli ingegneri e l’industria casearia a progettare nuovi impianti e adattare quelli esistenti per renderli più competitivi ed ecosostenibili. Il simulatore aiuterà anche i caseifici a conduzione familiare ad ottimizzare i loro processi. t2i ha contribuito anche a lanciare una piattaforma online per la promozione della sostenibilità energetica nei processi di produzione di latte e derivati. La registrazione gratuita nel sito www.greendairy.net (in inglese) permette di consultare i profili degli esperti (ricercatori, accademici, manager ambientali, aziende casearie, fornitori di tecnologie, consulenti LCA), condividere applicazioni innovative e interagire nelle community tematiche. Il progetto SUSMILK, già presentato in occasione di eventi come il congresso AiTel, CibusTec e Anuga FoodTec, aprirà il 24 settembre 2015 la conferenza sulle tecnologie sostenibili all’IDF World Dairy Summit 2015 a Vilnius. G2   © wk1003mike/Shutterstock.com Info: Marco Battistella, Project Manager, t2i - trasferimento tecnologico e innovazione s.c.a r.l. Via Roma, 4 31020 Villorba (TV) Italy | T. +39 0422 1742129 | F. +39 0422 608866| e-mail: marco.battistella@t2i.it GreenDairy.Net Platform Administrator | Susmilk.com Project Dissemination Manager Progetto: “SUSMILK | Re-design of the dairy industry for sustainable milk processing” Accordo di sovvenzione 613589 | Strumento: Progetti Collaborativi | Durata: 3 anni | novembre 2013 - ottobre 2016 Lista partner e ruoli: susmilk.com/partners | brochure: susmilk.com/press-material | video e interviste: susmilk.com/videos Coordinatore: Prof. Dr. Görge Deerberg, Fraunhofer Institute for Enviromental, Safety and Energy Technology UMSICHT   RASSEGNA STAMPA Susmilk. Formaggio da fonti rinnovabili - Italia Oggi, 29.07.2015

    Leggi tutto »


  • “Made in Italy: Eccellenze in digitale” arriva a Rovigo

    data News: 17/06/2015

    cciaa-rovigoeccellenzeindigitale           Diffondere la cultura dell’innovazione digitale e accrescere la consapevolezza dei vantaggi derivanti da un utilizzo più avanzato del web per il Made in Italy. Valorizzare lo scambio di competenze tra le piccole imprese e i giovani nella transizione al digitale per far conoscere anche all’estero le eccellenze produttive italiane. Questi gli obiettivi del progetto “Made in Italy: Eccellenze in digitale”, promosso da Google in collaborazione con Unioncamere. Il compito di supportare le imprese nel percorso di avvicinamento al digitale è stato affidato a 128 giovani borsisti, formati da Google e Unioncamere, che per 9 mesi saranno ospitati in 64 Camere di Commercio in tutta Italia. Affiancati da un tutor dedicato all’interno della Camera di Commercio, i giovani digitalizzatori svolgeranno attività di sensibilizzazione e supporto alle imprese del territorio per aiutarle ad avvicinarsi all'online, sfruttando così le opportunità offerte da Internet per far conoscere in tutto il mondo le eccellenze del Made in Italy. Un’analisi delle ricerche effettuate dagli utenti, condotta con Google Trends, ha mostrato che l’interesse per i settori tradizionali del Made in Italy è in crescita costante sul motore di ricerca: +22% nell'ultimo anno su smartphone e tablet. Tuttavia, le imprese che utilizzano gli strumenti digitali per farsi conoscere sono ancora poche. Il digitale può diventare una grande opportunità di crescita per le eccellenze del nostro Paese, ma non è ancora sfruttato in tutte le sue potenzialità. Marco Mottaran, 25 anni, laureando in Economia all’Università di Ferrara, e Sara Bari, con una laurea in Lingue per la Comunicazione Turistica e Commerciale all’Università di Verona, sono i due giovani polesani scelti per sensibilizzare alle potenzialità del digitale le imprese dei settori agroalimentare e turismo del territorio rodigino. Essi opereranno presso l’incubatore d’impresa di T2i, la società consortile della Camera per il sostegno alle start-up. Sull’argomento interviene Lorenzo Belloni, Presidente della Camera di Commercio di Rovigo: “Marco Mottaran e Sara Bari fin da ora si occuperanno di analizzare il livello di digitalizzazione delle imprese dei settori di riferimento residenti nel territorio di Rovigo, promuovendo le opportunità offerte alle imprese. Una volta raccolte le manifestazioni di interesse, passeranno poi a individuare e selezionare le imprese beneficiarie del progetto, implementando e condividendo con esse un programma di lavoro per aiutarle a cogliere le opportunità che arrivano dal web”. Grazie a Internet, infatti, aziende di ogni settore e dimensione possono far conoscere i propri prodotti, anche di nicchia, oltre i confini nazionali raggiungendo nuovi mercati e nuovi clienti in tutto il mondo. Recenti studi[1] dimostrano che, al crescere del livello di maturità digitale, aumenta la percentuale di imprese che fanno export. Maturità digitale ed export hanno un impatto diretto sul fatturato delle imprese: fino al 39% del fatturato da export delle imprese di medie dimensioni che sono attive online è realizzato grazie a Internet. Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito: https://www.eccellenzeindigitale.it/home Per ulteriori informazioni: UFFICIO STAMPA CAMERA DI COMMERCIO Mauro Capostagno Tel. 0425-426419 INCUBATORE D’IMPRESA di T2i Alberto Previato Tel. 0425-471067 [1] Analisi condotta da Google in collaborazione con Doxa Digital su più di 5.000 aziende di piccole e medie dimensioni, per indagare il rapporto tra digitalizzazione ed export.   RASSEGNA STAMPA Made in Italy Eccellenze in digitale - Il Resto del Carlino, ed. Rovigo, 18.06.2015 Made in Italy , salto digitale - La Voce di Rovigo, 18.06.2015

    Leggi tutto »


  • Innovazione, ora serve un ecosistema regionale

    data News: 27/05/2015

    di Roberto Santolamazza,  Direttore t2i – Trasferimento tecnologico e innovazione roberto santolamazzaI numeri che rappresentano lo stato dell’innovazione in Italia e, in particolare, nel Nord Est fotografano uno scenario molto frammentato e poco attrezzato per il futuro. In Italia gli investimenti in innovazione corrispondono al 1,26% del Pil contro una media europea del 2,1%; il sistema di innovazione italiano è poco aperto e attrattivo verso l’esterno, solo il 12% delle imprese che innovano dichiarano di cooperare con enti di ricerca e imprese esterne, le buone idee faticano a tradursi in punti di Pil (le esportazioni ad alta intensità di R&D sono passate dal 9% sul totale export nel 2000 al 6,8% attuale). La crisi iniziata nel 2008 ha fatto emergere in modo palese la mancanza in Italia, ma anche nel Nord Est, di una struttura solida che possa rendere realmente competitivo un territorio e cioè: un sistema di education moderno, un insieme di centri di ricerca e laboratori in grado di offrire servizi, ricerca applicata e competenze, una rete di finanza e investitori, un corpus normativo che faciliti lo sviluppo di nuove imprese e nuove modalità di approccio al mercato. Creare un terreno favorevole all’innovazione significa costruire un ecosistema territoriale facendo interagire i diversi attori che lo compongono secondo quanto ben schematizzato nel modello della Triple Helix, in cui le tre dimensioni chiave dello sviluppo di un territorio sono rappresentate dalla sinergia tra i soggetti responsabili della produzione di ricerca scientifica, competenze e istruzione, dalle istituzioni e dai responsabili del policy making a livello nazionale e locale e dalle imprese e gli operatori che operano sul mercato. Una sinergia che sta alla base del modello della Open innovation, la visione più moderna del processo di innovazione. Il Nord Est ha tutte le carte in regola per essere un laboratorio sperimentale per la creazione di un ecosistema territoriale dell’innovazione: la spinta propulsiva del sistema delle piccole e medie imprese, la eterogeneità dei settori, la multidisciplinarietà, oltre all’elevata dimensione manifatturiera. Sono cinque i grandi settori su cui il Nord Est può iniziare a costruire: dalle nanotecnologie ai nuovi materiali, dalle tecnologie digitali innovative al mobile internet fino alle piattaforme big data. Ma è necessario fare presto e mettere in atto, da subito, alcune azioni concrete: formare un gruppo di esperti per il Nord Est che faccia da stimolo e da selettore delle proposte concrete per favorire l’innovazione, finanziare le nuove idee con capitali di rischio quali business angel, fondi di investimento e venture capital, anziché con capitali di debito, creare università tematiche, trasferire l’innovazione e la contaminazione tra mondo delle imprese e mondo della ricerca. Queste sono solo alcune delle proposte che possono contribuire a costruire quell’ecosistema dell’innovazione che potrà continuare a garantire ricchezza e sviluppo all’Italia e ai suoi territori più vitali come il Nord Est. t2i è nata con l'obiettivo di razionalizzare e potenziare il sistema dell'innovazione presente sul territorio, ottimizzare le risorse, creare reti collaborative e favorire una migliore coerenza nell'offerta dei servizi alle imprese partendo dalle realtà già esistenti a Treviso e Rovigo. Nel breve periodo, t2i intende essere un perno attorno a cui costruire un concreto ecosistema per l’innovazione, con l'obiettivo strategico di facilitare la realizzazione di un sistema aperto, per migliorare la capacità di attrazione di forze esterne, valorizzare le competenze esistenti, generare imprenditorialità diffusa e favorire la concentrazione di infrastrutture di ricerca e sviluppo. La partecipazione al Protocollo Polesine ci vede impegnati nella costruzione di un incubatore certificato per lo stimolo alla nuova impresa, di spazi e infrastrutture per facilitare l’avvicinamento della manifattura tradizionale al digitale e di programmi volti ad attrarre talenti e capitali. Questa è la direzione da seguire affinché questo territorio, anche con il supporto di t2i, possa divenire base di una visione strategica dell'innovazione condivisa per il prossimo futuro. Fonte: Polesine Eccellente, editoriale de La Voce Nuova di Rovigo                                          

    Leggi tutto »


  • Misurare l’innovazione digitale. Gli indicatori di successo delle politiche di innovazione territoriale

    data News: 15/05/2015

    a cura di Elvio Tasso, Antonino Mola, Agostino Cortesi, Antonio Candiello. ScienSoc_3_COVER_WEBEsistono indicatori in grado di descrivere lo stato dell’innovazione digitale dei territori? È possibile tramite di essi esprimere la dinamicità dei cambiamenti e quindi evidenziare i trend? È quindi misurabile l’impatto delle politiche di innovazione perseguite dalla Pubblica Amministrazione locale? Nella pubblicazione (Edizioni Cà Foscari) si cerca di dare una risposta a queste domande, coinvolgendo esperti, amministratori e imprese, anche con un contributo diretto di t2i (A. Dave, R. Santolamazza), su big data, smart city, eGovernment intelligence per progettare una infrastruttura tecnologica di rilevazione a supporto dei decisori pubblici. Il volume è stato realizzato nell'ambito del progetto di ricerca "SMED" promosso da Regione del Veneto in collaborazione con l'Università Ca' Foscari di Venezia nell'ambito delle iniziative del laboratorio Veneto di e-Government (Ve-GLab). t2i ha contributo nella realizzazione della parte quarta del libro con il capitolo  "L’ICT come motore per l’innovazione e il ruolo dei CITT" a cura di Roberto Santolamazza, Direttore Generale e Anilkumar Dave, responsabile area Innovazione e Trasferimento Tecnologico. Misurare l’innovazione digitale. Gli indicatori di successo delle politiche di innovazione territoriale (File Pdf  in versione integrale) Come approfondimento alla pubblicazione, sono affiancate diverse interviste video, disponibili su Veneto Library, tra cui un'intervista a Roberto Santolamazza sugli indicatori di innovazione delle imprese.

    Leggi tutto »


  • Andare all’estero con la propria impresa: un corso online!

    data News: 25/03/2015

    logo-growinternational-150Fare business all’estero. Da ovunque giunge questo messaggio forte e chiaro, che assume quasi i toni di un imperativo: per fare crescere la propria impresa, o addirittura per crearne una di completamente nuova, bisogna affacciarsi oltreconfine. Ma cosa vuol dire uscire dal proprio Paese per fare impresa? Cosa vuol dire, secondo un’espressione usata dagli “esperti”, fare “internazionalizzazione d’impresa”? “Bisogna sapere assolutamente l’inglese“, “Chissà quanto complicate saranno le leggi e le regolamentazioni di un’altra nazione”, “Chi devo contattare e come devo muovermi, e quanto ci dovrò investire almeno?” Sono questi alcuni dubbi che affollano la mente di molti imprenditori o aspiranti tali. Per chiarirsi le idee e valutare se “l’estero” può essere effettivamente un’opportunità anche per la nostra azienda o per il proprio progetto imprenditoriale, c’è ora la possibilità di raccogliere velocemente ed agevolmente delle informazioni e degli spunti utili per iniziare ad orientarsi e a delineare in maniera più chiara e sistematica quello che ancora è nella nostra sfera “dell’idea”. Il corso online sull’internazionalizzazione d’impresa, messo a disposizione da t2i grazie alla collaborazione con altri partner di un progetto europeo (GROW International), offre le informazioni di base per capire che cosa significa “fare business all’estero”. Temi quali “Inglese per il Business”, “Strategie per l’internazionalizzazione”, “Proprietà Intellettuale e regolamentazioni all’estero”, vengono presentati attraverso materiali diversi, integrati anche da “casi di studio” ed esperienze di chi si è già mosso con successo. Vantaggi di questo corso? Essendo tutto via web, è possibile accedere in ogni momento della giornata e da qualsiasi luogo, a seconda delle proprie esigenze e disponibilità. C’è la possibilità di fare “esercizio online”, per valutare come sta procedendo il nostro apprendimento e se abbiamo focalizzato gli elementi più importanti. C’è l’occasione di scambiare idee ed esperienze con altri “colleghi” che frequentano il corso, tramite un forum dedicato. E, elemento non trascurabile, è completamente gratuito! Hai piacere di approfondire, avere maggiori dettagli ed informazioni? Vuoi sapere come iscriverti? Contatta Elena Zanatta (elena.zanatta@t2i.it), a tua disposizione per fornirti tutti i chiarimenti di cui hai bisogno!

    Leggi tutto »


  • SMART SPECIALISATION: strategia regionale per innovazione ricerca e sviluppo d’impresa

    data News: 19/03/2015 17:30

    smartConvegno promosso dalla REGIONE DEL VENETO Presentazione presso il Salone del Grano, Camera di Commercio di Rovigo, 19 marzo 2015, ore 17.30 Il concetto di Smart Specialisation Strategy indica la nuova strategia per la ricerca e l’innovazione flessibile e dinamica concepita a livello regionale, ma valutata e messa a sistema a livello nazionale, con l’obiettivo di mettere a sistema le politiche di ricerca e innovazione ed evitare quindi la frammentazione degli interventi. programma delle attività  

    Leggi tutto »


  • Eccellenze in digitale: risultati di digitalizzazione delle PMI polesane

    data News: 19/03/2015 11:30

    11081094_10203531172828856_6292053607854331336_n19 marzo 2015 -  h. 11,30 Sala Consiliare Camera di Commercio di Rovigo Evento conclusivo dell’iniziativa Eccellenze in digitale “Tra due fiumi”. I due borsisti di Google, Luca Trombin e Nicola Lotto presentano i risultati del progetto di digitalizzazione delle PMI del Polesine. Sono stati coinvolti nel progetto: il distretti della giostra della provincia di Rovigo, il Consorzio Aglio Bianco DOP, il Consorzio Riso del Delta IGP e il Consorzio dell'insalata di Lusia IGP. programma dell'evento

    Leggi tutto »


  • Invito alla conferenza “Smart Specialisation: strategia regionale di ricerca e innovazione e nuove traiettorie di sviluppo per le imprese”

    data News: 25/02/2015

    immagine per sito web regionale con logo S 3La Regione del Veneto ha individuato la versione preliminare della  propria “Strategia regionale di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente”, risultato di un processo di apprendimento collettivo e partecipativo, a cui hanno preso parte istituzioni pubbliche e private, il mondo delle imprese e della ricerca, nonché i rappresentanti della domanda. Il documento fin qui elaborato non costituisce punto fermo e conclusivo del lavoro intrapreso dalla Regione, ma un punto di partenza per una programmazione più di dettaglio, un documento aperto ed in continua evoluzione. Al fine di coinvolgere il territorio nelle scelte operate e dare a tutti gli stakeholder territoriali – istituzioni pubbliche e private, imprese, mondo della ricerca e società civile – la possibilità di contribuire attivamente al processo di definizione della strategia regionale di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente, è stato predisposto un breve questionario on line, disponibile al seguente link. Il percorso di confronto e condivisione con tutti gli attori del territorio, verrà arricchito inoltre da una serie di incontri, organizzati per ambito provinciale e moderati dall’Assessore all’Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione, Marialuisa Coppola,  seguendo il seguente calendario:  
    Provincia Data e ora Sede dell’incontro Indirizzo
    Treviso e Belluno Lunedì 02/03/2015 ore 17.30 Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Treviso – Sala Conferenze Piazza della Borsa 3, Treviso
    Vicenza Mercoledì 04/03/2015 ore 17.30 Fiera di Vicenza – Sala 7.1 Via dell’Oreficeria 16, Vicenza  
    Venezia Lunedì 09/03/2015 ore 17.30 Unioncamere del Veneto – Sala Europa Via delle Industrie 19/D, Venezia (c/o Parco Scientifico Tecnologico di Venezia - Vega)
    Padova Mercoledì 11/03/2015 ore 17.30 Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Padova – Centro Conferenze alla Stanga Piazza Zanellato 21, Padova
    Verona Lunedì 16/03/2015 ore 17.30 Confindustria Verona – Sala Conferenze Piazza Cittadella 12, Verona
    Rovigo Giovedì 19/03/2015 ore 17.30 Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Rovigo – Salone del Grano Piazza Giuseppe Garibaldi 6, Rovigo
      Per l’iscrizione ai singoli incontri si prega di cliccare sul seguente link. Maggiori informazioni sulla Smart Specialisation Strategy della Regione del Veneto disponili alla pagina sito: http://www.regione.veneto.it/web/attivita-produttive/Smart-Specialisation-Strategy   Contatti: Regione del Veneto - Sezione Ricerca e Innovazione Fondamenta S. Lucia, Cannaregio 23 30121 Venezia Tel: 041/2794268 – 4273 Fax: 041/2795801 Email:  ricercainnovazione@regione.veneto.it  Fonte: Regione del Veneto

    Leggi tutto »


  • Una piattaforma di servizi per la diffusione dell’Open Innovation nelle PMI

    data News: 24/02/2015

    Banner_EventoFinale_RapidOI_solo_scritte COMUNICATO STAMPA Presentati oggi a Treviso i risultati del progetto europeo Rapid Open Innovation guidato da t2i – Trasferimento Tecnologico e Innovazione per sostenere la competitività delle PMI.   Si chiama www.openinnovation-platform.net ed è la nuova piattaforma online che il progetto europeo Rapid Open Innovation – Speeding Time To Market ha messo a punto per favorire la diffusione dell’innovazione nelle PMI secondo la logica dell’Open Innovation. Un approccio innovativo che, attraverso la crescita delle relazioni, degli scambi di know-how e di azioni congiunte tra attori dei sistemi economici (aziende, enti di ricerca e innovazione e università) dell’area italo-austriaca, mira a favorire gli scambi e il matching e far crescere così la capacità attrattiva delle imprese. La presentazione è avvenuta oggi a Treviso nel corso dell’evento conclusivo di Rapid Open Innovation - Speeding Time To Market, il progetto europeo nato per migliorare la competitività e la capacità di innovazione delle Piccole Medie Imprese che operano nell’area transfrontaliera Italia-Austria. t2i - trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile delle Camere di Commercio di Treviso e Rovigo, è capofila del progetto europeo che ha come partner istituzioni e qualificati centri di ricerca italiani e austriaci: Fraunhofer Italia IEC, Regione del Veneto, Certottica scarl, Transidee Tranferzentrum Universität Innsbruck GmbH, Innovations und Technologietransfer Salzburg GmbH e Wirtschaftskammer Tirol. Il progetto, sviluppato e finanziato all’interno del Programma Interreg IVC Italia-Austria, è nato con l’obiettivo di migliorare, attraverso l’approccio dell’Open Innovation, la competitività delle PMI attraverso una loro maggiore capacità di innovazione e si è rivolto, in particolare, alle aziende appartenenti ai settori delle filiere della Bio-edilizia, della Meccanica e del Legno-arredo. Attraverso il progetto i partner hanno sviluppato un modello, tool, servizi, approcci laboratoriali e strumenti di matching con centri di ricerca e di innovazione per favorire la diffusione dell’Open Innovation nelle PMI. Nel corso dell’evento sono stati presentati i principali risultati emersi e gli output conseguiti:
    • 50 le aziende coinvolte in 5 community italo-austriache nel corso degli Open Innovation Working Lab (OIWL): organizzati dai partner del progetto, sono esperienze/attività di gruppi di imprese (o comunità di imprese) assistiti da esperti di innovazione, organizzati e gestiti con l’obiettivo di individuare e condividere le problematiche di innovazione, introdurre all’utilizzo concreto di approcci e servizi messi a disposizione dal Progetto, supportare la cooperazione tra aziende su obiettivi di innovazione comuni e favorire l’apertura a percorsi transnazionali.
    • Un tool-box con servizi e strumenti messi a disposizione delle PMI fruibile dalla piattaforma web:
      • 1 modello di pianificazione e gestione di processi d’innovazione aperti
      • 15 servizi messi a disposizione online e gratuitamente dal progetto per sostenere l’Open Innovation, tra i quali: Methodology Toolbox, Technology Compass, Creative Lean Management
      • 1 questionario di analisi dei fabbisogni di innovazione in azienda (il punto di partenza) e un tool-kit a disposizione per le indagini
      • 2 aree di matching con competenze e know-how di ricerca e innovazione a disposizione
      • 105 aziende beneficiarie dirette degli interventi del progetto attraverso gli Open Innovation Working Lab e le attività di coaching, gli audit di innovazione e la fase di sperimentazione aziende coinvolte negli OIWL
    • 19 Centri di ricerca e/o servizi di supporto all’innovazione pubblici-privati coinvolti nelle azioni di progetto.
    Bio-edilizia, Meccanica e Legno-arredo sono i tre ambiti su cui il nostro territorio eccelle – ha commentato Roberto Santolamazza, Direttore t2i – Trasferimento Tecnologico e InnovazioneSu questi ambiti il ruolo di t2i è fare da cerniera tra mondo produttivo e mondo della ricerca. Il progetto Rapid Open Innovation è la dimostrazione che le PMI del Nordest, attraverso t2i, possono realmente intraprendere un percorso che le porti ad essere competitive sui mercati globali attraverso l’Open Innovation, la visione più moderna del processo di innovazione che si basa sull’idea che, in un mondo di conoscenza distribuita globalmente, la singola azienda non possa sostenere in completa autonomia il processo innovativo, ma debba anche fare leva sull'acquisto di processi o invenzioni da altre aziende. L’evento conclusivo di oggi è un punto di partenza: ora il compito di t2i sarà quello di implementare l’utilizzo degli strumenti e dei metodi innovativi che sono stati sviluppati nel progetto e di contribuire alla loro diffusione.”   RASSEGNA STAMPA Il Resto del Carlino, ed. Rovigo - 03.03.2015 Il Gazzettino di Rovigo - 03.03.2015 ANSA - 02.03.2015 ADNKRONOS - 02.03.2015 Milano Finanza - 28.02.2015 Il Gazzettino - 25.02.2015 La Tribuna di Treviso - 25.02.2015 Corriere Innovazione.it - 24.02.2015  

    Leggi tutto »


  • L’Open Innovation per la competitività delle PMI

    data News: 19/02/2015

    cerchio2 COMUNICATO STAMPA Martedì 24 febbraio a Treviso l'evento finale del progetto europeo Rapid Open Innovation guidato da t2i Methodology toolbox, Funnel dell'innovazione e Technology Roadmapping: sono questi alcuni dei risultati del progetto europeo Rapid Open Innovation - Speeding Time To Market  che saranno presentati nel corso dell'evento finale del progetto in programma martedì 24 febbraio 2015 a partire dalle ore 9.00 presso la sala convegni del BHR Treviso Hotel a Quinto di Treviso (Via Postumia Castellana, 2). t2i - trasferimento Tecnologico e Innovazione, società consortile delle Camere di Commercio di Treviso e Rovigo, è capofila del progetto europeo che ha come partner istituzioni e qualificati centri di ricerca italiani e austriaci: Fraunhofer Italia IEC, Regione del Veneto, Certottica scarl, Transidee Tranferzentrum Universität Innsbruck GmbH, Innovations und Technologietransfer Salzburg GmbH e Wirtschaftskammer Tirol. Attraverso il progetto i partner hanno sviluppato un modello, strumenti, servizi, approcci laboratoriali e soluzioni di matching con centri di ricerca e di innovazione per favorire l’accesso delle piccole e medie imprese a percorsi di innovazione secondo la logica dell’Open Innovation. Rapid Open Innovation – Speeding Time to Market, si è rivolto, in particolare, ad aziende appartenenti ai settori delle filiere della bio-edilizia, della meccanica e del legno-arredo, ma la sua trasversalità permette di fornire know-how e strumenti e servizi a tutti i settori economici. Si tratta di un progetto sviluppato e finanziato all’interno del Programma Interreg IV Italia-Austria, nato con l’obiettivo di migliorare, attraverso l’approccio dell’Open Innovation, la competitività e la capacità di innovazione delle PMI che operano nell’area transfrontaliera Italia-Austria. La capacità innovativa di un’impresa infatti affonda le sue radici nella robustezza del processo di gestione dell’innovazione, che deve essere da un lato efficace ed efficiente per essere sostenibile nel tempo, dall’altro aperto e collaborativo per far sì che l’azienda sia veloce e vincente sul mercato. L’evento finale, rivolto a dirigenti e titolari d’impresa, personale tecnico e gestionale e figure coinvolte nei processi di innovazione di prodotto, vuole offrire indicazioni e spunti concreti per permettere alle PMI di agire in modo innovativo. Saranno illustrate le modalità di gestire la collaborazione e lo scambio tra aziende e mondo della ricerca nel contesto austriaco e in quello veneto. Oltre alla presentazione dei principali risultati emersi ed output conseguiti nell’ambito del progetto, il cuore dell’incontro prevede la possibilità di partecipare a workshop, che si svolgeranno in tre sessioni parallele, per la condivisione di metodologie e strumenti a supporto dell’innovazione e dell’Open Innovation. I workshop seguiranno tre filoni tematici: il primo sarà dedicato ad approfondire il “Methodology Toolbox”, uno strumento che permette di individuare e selezionare metodi e tecniche creative a sostegno di un processo di sviluppo prodotto innovativo. Il secondo sarà dedicato ad un approfondimento sul “Funnel dell’innovazione” e sull’applicazione del “Technology Roadmapping” che consentono di pianificare il processo di innovazione. Nel terzo workshop, infine, verrà presentata l’esperienza dell’iniziativa “Open Innovation Südtirol” con esempi pratici di progetti realizzati da PMI che hanno utilizzato l’Open Innovation in processi interni di innovazione. La partecipazione è gratuita, ma è necessario registrarsi entro il 23 febbraio. Le modalità di iscrizione e ulteriori informazioni sull'evento sono disponibili al link http://www.t2i.it/eventi/   RASSEGNA STAMPA Corriere Innovazione - 20.02.2015 La Tribuna di Treviso - 22.02.2015

    Leggi tutto »


  • t2i al Vibrant Gujarat Global Summit 2015

    data News: 19/01/2015

    logo-2015-newt2i è stata menzionata come buona prassi ed esempio world-class di intermediario dell'innovazione al recente Vibrant Gujarat Global Summit 2015 tenutosi in India dal 11 al 13 gennaio 2015. L'evento biennale, noto anche con il soprannome di "Asian Davos in action" raccoglie attorno a sè i principali capi di stato e ministri dell'area ASEAN nonchè personalità del mondo economico e produttivo che si confrontano con paesi ospiti e delegati esteri per sviluppare relazioni B2B ed accordi di programma. Il VGGS 2015 ha visto la presenza di 25.000 delegati provenienti da 114 paesi che hanno assistito al fitto programma comprendente due sessioni plenarie e 14 seminari. La sessione plenaria istituzionale ha visto, tra gli altri, la presenza del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, del presidente del gruppo Banca Mondiale Jim Yong Kim e del segretario di stato americano John Kerry accolti dal primo ministro indiano Narendra Modi e dal capo di governo del Gujarat Anandiben Patel. La seconda sessione plenaria ha avuto come tema lo svilpppo delle Piccole e Medie Imprese ed oltre alle istituzioni locali sono intervenuti il responsabile dell'osservatorio economico delle Nazioni Unite Masato Abe, il rappresentante dell'Asian Development Bank Shigehiro Shinozaki ed Anilkumar Dave, responsabile area Innovazione & Ricerca di t2i,  in qualità di 'Global Innovation Expert' e membro del Indian National Innovation Council. Quest'ultimo ha enfatizzato nella sua presentazione intitolata "Technology Transfer VS SMEs, the challenge within global environment" come il ruolo degli intermediari per l'innovazione sia cruciale per l'evoluzione degli eco-sistemi nel contesto globale. Dopo un'analisi degli schemi evolutivi dei distretti produttivi e delle politiche a supporto dell'innovazione dei paesi che stanno scalando il Global Innovation Index, il dott. Dave ha presentato le attività di t2i come ottimo esempio di 'evoluzione' degli intermediari al supporto dello sviluppo dell'eco-sistema davanti ad una platea di 5000 delegati. "   [gallery size="medium" columns="2" ids="15989,15990,15991,15992"]

    Leggi tutto »


  • Rapid OI: Visita di imprenditori presso il Centro di ricerca CNR – Ivalsa

    data News: 17/01/2015

    Logo-Rapid-Open-Innovation1 copia Il 16 gennaio scorso, nell’ambito del progetto Rapid OI e con la collaborazione di Confartigianato, si è svolta una visita guidata di un gruppo di imprenditori artigiani al centro CNR – Ivalsa con focus specifici ad alcuni laboratori. La visita ha avuto come obiettivo principale quello di approfondire una nuova tecnica (Tecnica NIR) per l’analisi spettrofotometrica nel vicino infrarosso del legno, per applicazioni nei settori dell’eco-building e legno-arredo, al fine di migliorare e velocizzare l’analisi del legno e ottimizzarne l’impiego. Gli imprenditori hanno potuto sperimentare il servizio attraverso propri campioni di materiale. Inoltre la visita ha permesso di conoscere e stringere legami con realtà di ricerca che supportano le imprese in percorsi di innovazione di prodotto, necessari per competere a lungo termine nei mercati vicini e lontani. L’iniziativa è stata organizzata e finanziata dal progetto europeo Interreg Italia-Austria ‘Rapid Open Innovation: speeding time to market’, in collaborazione con Certottica, partner di progetto. 20150116_154310                   logo_Interreg copia

    Leggi tutto »


  • t2i – Trasferimento Tecnologico e Innovazione unico partner italiano del progetto europeo OPENISME

    data News: 23/01/2015

    3,8 milioni di euro di investimenti per facilitare l’open innovation nelle piccole e medie imprese Treviso, 23 gennaio 2015 – L’innovazione per le piccole e medie imprese italiane parte dal Veneto: t2i - Trasferimento Tecnologico e Innovazione, società consortile per l’innovazione delle Camere di Commercio di Treviso e Rovigo, è infatti l’unico partner italiano del progetto europeo OPENISME dedicato alla diffusione dell’Open Innovation nelle PMI. OPENISME (Open Platform for Innovative SME) è il progetto europeo finanziato dal programma CIP dell’Unione Europea, nato con lo scopo di creare nuovi strumenti che supportino e facilitino l’innovazione nelle piccole e medie imprese, in particolare semplificando e rendendo più agevole il contatto e la collaborazione tra PMI, Università e Centri di Ricerca. Il progetto OPENISME avrà una durata di 3 anni e prevede investimenti da parte dei partner per un totale di 3,8 milioni di Euro, che saranno supportati da un contributo di 1,9 milioni da parte dell’Unione Europea, nell’ambito del CIP, Competitiveness and Innovation Framework Programme 2007-2013. Insieme a t2i, unico partner italiano, il consorzio che svilupperà il progetto OPENISME vede coinvolti alcuni tra i più prestigiosi centri di ricerca e università a livello europeo: University College London, capofila del progetto, Laval Mayenne Technopole (Francia), Idexlabsas (Francia), Institut Josef Stefan (Slovenia), Virce – Kompetenzzentrum Virtuellerealitatund Kooperatives Engineeringw.V. (Germania), Academy of Entrepreneurship Astikietaira (Grecia). Obiettivo del progetto è lo sviluppo di una piattaforma di matching tra imprese e ricerca: la collaborazione tra questi due mondi è infatti un fattore strategico per il successo sui mercati, perché permette di creare prodotti che puntino all’eccellenza, anziché competere puramente sul fattore prezzo. Inoltre è sempre più difficile disporre all’interno delle stesse aziende di tutte le competenze necessarie allo sviluppo di un nuovo prodotto, specie per una piccola impresa. “Siamo molto contenti – ha commentato Roberto Santolamazza, Direttore di t2i – Trasferimento Tecnologico e Innovazionedi rappresentare l’Italia all’interno di un progetto europeo il cui obiettivo è il sostegno e la diffusione dell’“innovazione aperta” nelle piccole e medie imprese con partner di così elevato standard.  Per favorire l’innovazione nelle aziende, l’Europa mette a disposizione strumenti, ma i progetti sostenibili finanziariamente attraverso programmi europei non sono per tutte le imprese; il vero tema è l’idea a fondamento del progetto e la sua reale innovatività, insieme alle competenze che si mettono in campo e alla capacità di costruzione di network efficaci e coerenti. L’open innovation è la visione più moderna del processo di innovazione che si basa sull’idea che, in un mondo di conoscenza distribuita globalmente, la singola azienda non possa sostenere in completa autonomia il processo innovativo, ma debba anche fare leva sull'acquisto di processi o invenzioni da altre aziende. Il nostro compito all’interno di questo progetto è proprio quello di fare rete e creare l’incontro tra imprese e centri di ricerca perché l’innovazione non è solo “esclusiva”, ma il suo vero punto di forza è l’essere diffusa.”   RASSEGNA STAMPA Il Gazzettino di Treviso - 25.01.2015

    Leggi tutto »